Lingua   

O che canatòri l'è mai quest!

anonimo
Lingua: Italiano (Lombardo)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

La chanson des fusillés de Fourmies (La Marseillaise fourmisienne)‎
(anonimo)
Otto marzo
(Movimento Femminista Romano)


Canto di filanda raccolto a Seregno (Monza e Brianza) da M. A. Spreafico
Testo trovato sul sito del Museo della seta di Garlate

O che canatòri l'è mai quest!
A la mattina me fann levà sü prest
a colaziun e fermen no
al mesdì me làssen 'na a cà no,
a la sira me làssen 'na a cà tard.
Pésen i rucchètt
con quatter, sètt balètt.
O che padrun,
me l'è mai imposturun!
L'è semper chi a vardà
come fèmm a lavurà.
Lunga l'è lunga,
la paga l'è poca,
la seda l'è cattiva,
de strazza en vören minga,
i rucchètt i vören bun,
i có i vören sü,
e sü, e sü, e sü,
in canatòri vègni pü.

inviata da Bernart Bartleby - 6/6/2018 - 12:48



Lingua: Italiano

Traduzione italiana dal sito del Museo della seta di Garlate
CHE CANATOIO È MAI QUESTO!

Che canatoio è mai questo
alla mattina mi fanno alzare presto
a colazione non fermano
a mezzogiorno non mi lasciano andare a casa
e alla sera mi lasciano andare a casa tardi
Pesano i rocchetti
con quattro, sette palline
O il padrone
come è impostore
è sempre qui a guardare
come facciamo a lavorare
Lunga è lunga [la giornata]
la paga è poca
la seta è cattiva
di scarto non ne vogliono
i rocchetti li vogliono buoni
i capi li vogliono sopra
e su e su e su
in canatoio non vengo più.

inviata da B.B. - 6/6/2018 - 12:49



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org