Lingua   

Fermati e respira

Punkreas
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Odio
(99 Posse)
Voglio armarmi
(Punkreas)
La terra che non c'è
(DDR)


[2018]

Album :Inequilibrio

inequilibrio

Rinaldo


Rinaldo ha 70 anni e da 60 trascorre le sue giornate in compagnia del suo gregge. Una vita scandita dalle esigenze dei suoi animali. Nonostante i molti km macinati di giorno in giorno nel suo sguardo non si avverte fatica, i suoi occhi trasmettono pace. Quella pace che solo la natura nella sua inarrivabile bellezza sa donare. Oggi Rinaldo è uno dei pochi a proseguire questo mestiere alla maniera di un tempo, lui stesso afferma che "la globalizzazione ci sta uccidendo, fra qualche anno i pastori non si troveranno più neanche nel presepe". Nonostante tutto continua imperterrito la sua avventura con dignitosa semplicità. Ad attenderlo a casa ogni sera c'è la sua famiglia, il focolare domestico ed un bicchiere di vino. In un mondo che corre sempre più veloce uomini come Rinaldo potrebbero insegnare molto, a partire dal concetto di attesa, di rispetto del tempo su questo pianeta, mai scontato, mai banale... Il video è girato a Forme, borgo in via di spopolamento in provincia de L'Aquila, nei pressi di Monte Velino, tra le cime più alte dell'Appennino, storico set naturale di grandi film come ‘Il deserto dei tartari’ di Valerio Zurlini e ‘La Bibbia’ di John Huston. La regia è di Paolo Santamaria per Muse-X
Dalla pagina youtube del gruppo
La notizia si è già sparsa chi si attarda è fuori corsa
Sai ti han detto che se perdi sono guai
Non mollare è il tuo mantra ma la gara non finisce mai
Sarai col vento contro e senza fiato

Fermati e respira come quella volta che ti sei perso
Come quando era tutto diverso
Fermati e respira
Che domani il sole sorge lo stesso
E ti stanno già portando via la parte più importante di te

È una gara a tira e molla attaccati come colla
Ma il tuo futuro è scritto giace qui chi è stato zitto
Fai la corsa su te stesso se non temi la distanza poi
Vedrai la soluzione è prender fiato

Fermati e respira Come quella volta che ti sei perso
Come quando era tutto diverso
Fermati e respira
Che domani il sole sorge lo stesso
E ti stanno già portando via la parte più importante di te

E se anche non gareggi più
Nessuno arriva in fondo
Né il primo né il secondo
Il vero risultato è conservare il fiato
Per dare voce a ciò che sei

Fermati e respira
Come quella volta che ti sei perso
Come quando era tutto diverso
Fermati e respira
Che domani il sole sorge lo stesso
E ti stanno già portando via la parte più importante di te

inviata da adriana - 18/3/2018 - 10:40



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org