Lingua   

Quant'ella n'hè morta ghjente

Tavagna
Lingua: Corso


Ti può interessare anche...

U Lamentu a Nicoli
(Jacques Ghjacumu)
A carta nera
(Voce Ventu)
Tù ch'eri partutu
(Tavagna)


[2002]
Album: Tavagna canta Malcolm Bothwell

malc

Il testo è ripreso da Paroles de chansons Corses.
Quant'ella n'hè morta ghjente
À fiore di ghjuventù,
Quant'ellu si hè spartu sangue,
"Ancu a terra ùn beie più ;"
À vede questu macellu
Singhjozza ancu l'acellu.

Unu hè tagliatu in trè pezzi
È l'altru ferma squarciatu,
Tutti uniti pè l'onore
D'esse morti in sindicatu
Quellu chì hà pocu fiatu
È qualchè filu di vita,
Fideghja à ochju stupitu
Ogni salmu cutrulitu,
È dumanda à lu Signore
Di guarrisce u so dulore.

Ma chì vittoria pò esse
Quandu a croce è u torchju
S'intreccianu pè truvà
U cannicciu pè alloghju ?
Oghje ch'ella pienghji mamma
Pè man'di sciabulatore
È si raspa la spusata,
"Sò stagione di dulore ;"
Pè l'anima d'issi morti
Ùn spulemu malamorti.

Ripigliemu lu discorsu
Femula pè carità
Cambiemu duie parolle
È a stizza sciupperà
À « Amme è cusì sia »
Risponderaghju « Inch'Allah ».

inviata da Riccardo Venturi - 30/1/2007 - 23:37



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org