Lingua   

Fedayè

Leoncarlo Settimelli
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Palestina
(Marco Cinque)
E subito ci hanno detto
(Leoncarlo Settimelli)
Di corsa
(Modena City Ramblers)


Scritta da Leoncarlo Settimelli, Luciano Francisci ed Eliseo.
Nel disco del Canzoniere Internazionale intitolato “Questa grande umanità ha detto Basta! - Canzoni di lotta di tutto il mondo”, pubblicato da I Dischi Dello Zodiaco nel 1972.

Questa grande umanità ha detto Basta! - Canzoni di lotta di tutto il mondo

Versione italiana di uno degli inni del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP, o PFLP nell’acronimo inglese), un’organizzazione della resistenza palestinese laica e marxista. Dopo il ritiro del suo storico leader, George Habash, e con la crescente influenza dei gruppi islamici il FPLP ha perso molto consenso, diventando piuttosto marginale. D’altra parte Israele ci ha messo al solito del suo: gli ultimi leader del Fronte sono finiti malamente: Abu Ali Mustafa è stato ucciso dagli israeliani nel 2001 e Ahmad Sa'dat langue in una prigione israeliana, condannato a 30 anni di carcere nel 2008.


Fedayè fedayè
sole e sabbia su di me
Fedayè fedayè
anche il vento grida che
sangue uno
strada una
nome uno
“Rivoluzione”
che nessuno fermerà.

Fronte arabo solidale
Fedayè fedayè
per piegare l'oppressore
Fedayè fedayè
senza più rassegnazione
Fedayè fedayè
un fucile in ogni mano.

Con le masse cuore e braccio
la guerriglia crescerà
Come il grido che ci chiama
Fedayè fedayè.

Fedayè fedayè
sole e sabbia su di me.
Fedayè fedayè
anche il vento grida che
sangue uno
strada una
nome uno
“Rivoluzione”
che nessuno fermerà.

La rivoluzione si accende
Fedayè fedayè
per bruciare le parole
Fedayè fedayè
che ci parlano di pace
Fedayè fedayè
come un piede sopra il cuore
Fedayè fedayè.

Con le masse cuore e braccio
la guerriglia crescerà
Come il grido che ci chiama
Fedayè fedayè.

Fedayè fedayè
sole e sabbia su di me
Fedayè fedayè
anche il vento grida che
sangue uno
strada una
nome uno
“Rivoluzione”
che nessuno fermerà.

Siano nati su questa terra
Fedayè fedayè
calpestata eppure nostra
Fedayè fedayè
questa lotta chiama i giusti
Fedayè fedayè
a piegare l’ingiustizia
Fedayè fedayè.

Con le masse cuore e braccio
la guerriglia crescerà
Come il grido che ci chiama
Fedayè fedayè.

inviata da Bernart Bartleby - 12/8/2014 - 22:58



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org