Lingua   

Charlie Birger Time

The Copyrights
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti



‎[2008]‎
Nell’album intitolato “Learn the Hard Way”‎

R-4683571-1372118407-3068

Un’allegra e tirata canzoncina power-pop (e, se si preferisce, pop-punk) da un poco noto gruppo di ‎Carbondale, Illinois, per raccontare la storia singolare di un “outlaw” delle loro parti, Mr. Charles ‎Birger.‎

Charlie Birger in una foto ‎con le figlie.‎
Charlie Birger in una foto ‎con le figlie.‎


In realtà “Charlie” di vero nome faceva Shachna Itzik Birger, il che rivela ‎chiaramente che era di fede ebraica ed immigrato negli States dal lontano Impero Russo, da dove ‎sul finire dell’800 scappavano in molti, ebrei e non, per via dei pogrom e della fame.‎
Arrivato nella “terra promessa” da bambino, insieme alla sua famiglia, nel 1901 Charlie Birger si ‎arruolò. Sotto le armi si comportò sempre bene e fu poi “honorably discharged” nel 1904. Poi per ‎un po’ fece il cowboy ed il minatore e infine, sposatosi, mise su un saloon a Williamson County, ‎Illinois, proprio nel mentre il governo federale si apprestava a varare il Volstead Act e ad aprire con ‎esso il controverso periodo detto del “Proibizionismo” durante il quale, tra il 1919 ed il 1933, negli ‎USA furono banditi fabbricazione, vendita, importazione e trasporto di alcolici.‎
Birger, come molti altri, vide subito nel divieto un’opportunità, tanto più che nell’Illinois rurale, ‎pieno zeppo di ruvidi minatori immigrati da ogni angolo della Vecchia Europa, la proibizione ‎dell’alcol non era né capita né sentita né praticata. Siccome però quel po’ di “Legge” esistente ‎sembrava tenerci a farsi rispettare e, soprattutto, diversi altri l’avevano pensata bene come Birger, ‎lui, per sicurezza, preferì trasformare il suo saloon, il “Shady Rest”, in un fortino bel difeso da ‎uomini armati di fucili e mitragliatori. ‎

Il “personale” del Shady Rest Saloon. Charlie Birger è quello a destra, seduto sulla ‎balaustra, che imbraccia un “tommy gun”‎

Fu così che Birger divenne il capo di una vera e propria gang, in perenne tensione e scontro con i ‎fratelli Carl, Earl e Bernie "Red" Shelton, fondatori e conduttori a Wayne County della famigerata ‎‎“Shelton Brothers Gang”.‎




Però per tutti i primi anni 20 le due bande decisero saggiamente di coalizzarsi contro un nuovo ‎comune nemico… Infatti, se il rapporto con i tutori della legge non era poi così problematico ‎‎(bastava offrire un “bicchiere” ogni tanto), ben presto invece fu il Ku Klux Klan a cominciare a ‎rompere le balle e ad intralciare gli affari. Il KKK supportava entusiasticamente il proibizionismo ‎perché i WASP (White American Anglosaxon Protestant), nella loro visione razzista, vedevano ‎l’alcol come un vizio praticato dagli immigrati cattolici o di altre religioni. ‎
Nel 1923 il Klan cominciò ad organizzare grandi raduni proibizionisti a Williamson County e ‎gruppi di klaners, coordinati da tal Glenn Young, un ex poliziotto federale, cominciarono a violare ‎le proprietà private in cerca di alcol. Se questo veniva trovato, i possessori venivano malmenati e ‎rinchiusi in una “prigione” del Klan. L’abuso era del tutto evidente e, se le autorità federali lo ‎consentivano quando non incoraggiavano, quelle locali si schierarono a fianco dei “bootleggers”, ‎dei contrabbandieri come Birger, tanto che nel gennaio del 1925 il vice sceriffo Ora Thomas si ‎scontrò con Glenn Young e lo uccise insieme a due militanti del Klan. L’anno seguente le gang di ‎Birger e degli Shelton decisero di risolvere a modo loro la situazione e attaccarono il quartier ‎generale del KKK a Herrin, spazzandolo via a colpi di mitragliatore. Il Klan seppellì i suoi morti e ‎scomparve dalla zona.‎

{{upl/KKk leader.jpg c1 Il capo del KKK Glenn Young, prima…}}




La pace era tornata e gli affari potevano di nuovo prosperare. Ma si trattava pur sempre di una “pax ‎armata” e tra concorrenti non si usava allora confrontarsi con strategie di marketing…‎

La Birger Gang. Lui al centro indossa ‎addirittura un giubbotto antiproiettile.‎
La Birger Gang. Lui al centro indossa ‎addirittura un giubbotto antiproiettile.‎


Birger aveva trasformato la città nella “sua” città e comandava a bacchetta, amministrando anche la ‎giustizia. Il suo strapotere era maldigerito dagli Shelton, che decisero di dare battaglia per il ‎controllo del contrabbando nelle contee del sud Illinois. La battaglia ci fu per davvero, e campale ‎questa volta, visto che i due contendenti si costruirono addirittura dei veicoli blindati con i quali ‎effettuare incursioni con raffiche di mitragliatore e lanci di dinamite. Sul campo rimasero molti ‎morti, tra i quali il sindaco di West City Joseph Adams, che appoggiava i fratelli Shelton e che fu ‎ucciso da due sicari di Birger. In tutta risposta, nel gennaio del 1927, gli Shelton fecero saltare in ‎aria lo Shady Rest, sotto le cui macerie rimasero quattro familiari di Birger.‎

Nel giugno del 1927 Birger fu arrestato per l’omicidio di Joe Adams, ma fu subito liberato perché ‎era lui che controllava poliziotti e carcerieri. Arresti e liberazioni si succedettero numerosi ma ‎Birger peccò di presunzione: dopo l’ultimo, fu condotto in carcere a Franklin, una contea fuori della ‎sua “giurisdizione”. Lì fu processato e condannato a morte.‎

“I’ve played the game and lost, but I’ll lose like a man. I’m convicted ‎of a crime I didn’t commit, but I’ve committed a lot of crimes. So I guess things are even. We got ‎too strong against the law, and the law broke it all up.”

‎(Dichiarazione di Birger al Chicago Tribune, pubblicata il giorno successivo alla sua morte)‎

“I fought the law, and the law won…”



Shachna Itzik “Charlie” Birger fu impiccato nella prigione di Benton, Franklin County, il 19 aprile ‎‎1928. Chiese di essere accompagnato al patibolo da un rabbino e che gli fosse messo un cappuccio ‎scuro e non bianco come quello dell’odiato KKK. Allegro e sorridente, strinse calorosamente la ‎mano al boia e si lasciò appendere. ‎
La sue ultime parole furono “It's a beautiful world!”‎

A group’s gathering, it must be getting close
Gonna get their money’s worth tonight
Are they my enemies, who wanna see me squirm
Or friends, who wanna see me off right
Can’t help but smile at how they do it here
Both sides downstate they thirst for blood
You heard it once, this world is beautiful
That’s what I said, but I’m really thinking

All of you are coming with me
Knots and rope alone won’t get me
You and I will, learn the hard way

And it’s a beautiful world, that’s what I said
To remember me by
And it’s a beautiful world, that’s what I said
But I’m really thinking

All of you are coming with me
Knots and rope alone won’t get me
You and I will, learn the hard way
All of you are coming with me
Knots and rope alone won’t get me
You and I will, learn the hard way

inviata da Bernart - 6/9/2013 - 10:18


Oh, ho temuto proprio che aveste "proibito" questa canzone contro il Proibizionismo (ed il KKK), e invece...
Siete perfidi, un po' lenti, ma sempre tosti & giusti!

La foto della banda di Birger davanti allo Shady Rest.
La foto della banda di Birger davanti allo Shady Rest.


La foto del capo del KKK Glenn Young (quando era ancora in vita)
La foto del capo del KKK Glenn Young (quando era ancora in vita)

Bernart - 9/9/2013 - 13:21


It's my fottuting colp, Bernart. E anche dei Tri Yann. Sto trascrivendo all'ascolto da due giorni una canzone del gruppo di Nantes, scritta in francese, e non mi riece di capire tre parole che mi hanno bloccato tutto, pig but woman. Quindi mi è un po' sballata ogni cosa. Nello stesso album, Rummadoù, c'è fra l'altro una bellissima gwerz sulla storia di una banditessa donna bretone, la vedrete spero presto. Comunque ora mi aspetto da te un bel tentativo di traduzione, ché vedo che tenti egregiamente. Good làvor mai frend.

Riccardo Venturi - 9/9/2013 - 15:27


"Pig but woman"?
Non so che canzone tu stia trascrivendo, ma sulla pagina di en. wikipedia dedicata al tema delle leggende popolari sulle Pig-faced women c'è un riferimento ad un'antica ballata bretone (dal "Barzaz Breiz") con quel soggetto...
Magari la pista ti si rivela utile...

Bernart - 9/9/2013 - 15:47



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org