Lingua   

Figli di guerra

Trenodelsole
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

La bici e gli spari
(Trenodelsole)


Vengono da qualche parte,
chi prenderanno oggi?
i loro piedi e le loro scarpe
dove andranno stamattina?
è lunga questa strada ed esco per pescare,
i figli del contadino, i pesci caduti in mare,
e per le vie del centro qualcuno sa il mio nome,
come mi chiamo che importanza ha?
l'importante è salvare la pelle, ridono le mie labbra
sotto il cappello di lana
per le figlie del calzolaio e qualche figlio di puttana.
e giù per le scale al ponte e qualcun altro alla fermata,
stivali all'orizzonte marciano
al passo del terrore,
nel sottoscala di casa mia si trattiene il fiato,
è dei figli di Maria e delle figlie di un soldato.
tornano da qualche parte e chi hanno preso oggi?
sotto i piedi e sotto le mie scarpe
c'è troppo sangue stamattina,
davanti alla mia porta li ho messi ad asciugare
perchè i figli della maestra
non li riesco più a trovare.
alla distanza e al tempo
non posso farci niente
tra le mie rughe sotto il mento
conservo i baci di gioventù
ma pure l'incoscienza o il coraggio di un istante,
Dio, non ho fatto abbastanza,
e non ho fatto ancora niente..

inviata da DonQuijote82 - 9/2/2013 - 13:08



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org