Lingua   

I giardini di Hiroshima

Locanda delle Fate
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Enola Gay
(Ludwig von 88)
Forse le lucciole non si amano più
(Locanda delle Fate)


Nei giardini di Hiroshima stan giocando dei bambini,
le ragazze han vestiti a fiori e cappellini bianchi
e l'atomica è già dimenticata.

All'improvviso io non vedo più, niente alberi, nè fiori,
dei bambini io non sento più le risate ed i rumori.
Ma dove mai saranno andati a tenersi per la mano gli innamorati?

Restan solamente radioattive polveri,
che come neve il vento andrà a disperdere.
E tu dici che l'atomo è un amico. Hm hm.

Ma non per noi che siamo i figli dell'occidente,
da sempre abbiamo paura.
Siamo i figli degli uragani,
per sempre avremo paura.

E dove mai saran le rondini,
che han lasciato vuoto il nido.
E da un mondo senza più stagioni
son sparite senza un grido.

Non ti sembra logico pensare
che neanche un cannone avrebbe mai tuonato,
se una mano per dispetto o combinazione
la polvera da sparo non avesse inventato.
E vuoi dirmi che è un'amica in cui fidare? Hm hm.

Ma non per noi che siamo i figli dell'occidente,
da sempre abbiamo paura.
Siamo i figli degli uragani,
per sempre avremo paura.

Siamo i figli dell'occidente,
da sempre abbiamo paura.
Siamo i figli del nucleare,
per sempre avremo paura.

Nei giardini di Hiroshima stan giocando dei bambini,
le ragazze han vestiti a fiori e cappellini bianchi
e l'atomica è già dimenticata.

inviata da DoNQuijote82 - 24/8/2012 - 11:57



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org