Lingua   

L'Uno

Ivan Della Mea
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

L'uomo ha attraversato la pianura
(Giovanna Marini)
Se il cielo fosse bianco di carta
(Ivan Della Mea)
Caporetto '17
(Ivan Della Mea)


[Aprile 1991]
Testo e musica di Ivan Della Mea

1966: Ivan Della Mea (a sinistra), Paolo Pietrangeli e Giovanna Marini in concerto.
1966: Ivan Della Mea (a sinistra), Paolo Pietrangeli e Giovanna Marini in concerto.


Si tratta di una canzone totalmente inedita (e non depositata) di Ivan Della Mea, il cui testo è stato da lui personalmente recato a Brescia il 28 maggio scorso in occasione della commemorazione del 32° anniversario della strage di Piazza della Loggia (durante la quale Ivan Della Mea si è esibito assieme a Claudio Cormio). La pubblicazione di questa canzone è stata autorizzata da Ivan Della Mea appositamente per "Canzoni Contro la Guerra".
Un tipo detto l'Uno venne quando
Di questi giorni -quando- queste ore
Aveva tutti gli anni e sorrideva
E chi lo vide disse "è un bel signore"

Pareva che cercasse e non cercava
Pareva che guardasse e non vedeva
Pareva che piangesse e non piangeva
Era soltanto l'Uno e sospirava

L'uomo ha distrutto il segno mio la voce
E sul Calvario orfana è la croce
Già il mondo muore senza la parola
La pace è un cormorano che non vola

E' vero, disse una Maddalena
Di mio verrei con questo amore cane
Anch'io, disse un ago nella vena
E l'Uno disse: vostro sia il mio pane

C'è posto, chiese il vecchio abbandonato
C'è tempo, chiese, per l'andare stento
Cammina come sai, rispose l'Uno
Sorrise e disse piano dolce lento

L'uomo ha distrutto il segno mio la voce
E sul Calvario orfana è la croce
Già il mondo muore senza la parola
La pace è un cormorano che non vola

E madre pena che è periferia
Della città del mondo prese il cuore
E l'Uno disse, andiamo amica mia
E' tempo dell'ulivo e dell'amore

E grande fu il corteo e la sua via
E il bimbo sorrideva all'orizzonte
Qualcuno disse: forse è l'Utopia
E' l'Uno che ritorna al proprio monte

Così rivisse un segno e una voce
E sul Calvario ritornò una croce
E l'uomo fece sua la parola
La pace è un cormorano che oggi vola.

inviata da Riccardo Venturi - 31/5/2006 - 19:56


Dopo anni, Claudio Cormio ha interpretato la canzone a Fosdinovo il 3 agosto 2014, in occasione della 10a edizione di Fino al Cuore della Rivolta. Un inedito assoluto che Claudio Cormio ha così spiegato: "Si tratta di una canzone che il Mea (così tra gli amici veniva chiamato Ivan Della Mea, ndr) scrisse nel 1991 ai tempi della 1a Guerra del Golfo, quella di papà Bush. E' basata su quella che fu la foto-simbolo di quella guerra, il cormorano completamente imbrattato di petrolio. Una foto che poi si dimostrò un falso."

corm 1

Riccardo Venturi - 11/8/2014 - 21:48



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org