Lingua   

Rachele

Luciano Bonfrate
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

I'm Sorry if My Caterpillar Could Hurt You
(Tanake)
Rachel Corrie
(Michael Oosten)
Struggle of Heroine
(Dedy Suardi)


Quelli di noi che hanno passato notti
al freddo e al gelo sanno che vuol dire
non avere una casa.

E quelli di noi che hanno avuto paura
subendo minacce e percosse, di essere uccisi
sanno cos’è la paura.

E quelli di noi che ai padri hanno chiuso
sul letto di morte gli occhi, sanno sanno
sanno la morte che orrendo nemico è di tutti.

E quelli di noi che hanno avuto lo strazio
di vedere morire gli amici e di vedere
eserciti muovere alla caccia
di carne umana, come possono, come possiamo
tacere, restare nelle tiepide case
col cibo caldo tra i visi amici.

Così Rachele mosse di lontano
verso quel cuore del mondo che ha nome Palestina.

Così Rachele mise l’anima sua e il suo corpo
tra l’esercito e le vittime
tra le ruspe che demoliscono
e le case in cui poter vivere ancora.

Così Rachele la molto amata
tornò in Palestina.
Lo dico a te Labano, lo dico a te Giacobbe.

Così Rachele fu uccisa e questa morte
è la morte di tutte le donne che portano vita
lungo i tornanti di questa preistoria
di Margarete dai capelli d’oro
di Sulamith dai capelli di cenere.

Non ho parole, ho solo greve un pianto
e molte amare memorie e una speranza sola:
che resusciti Rachele
nella pace tra i popoli, nel ricordo
dell’orrore, nell’alleanza nuova
che a tutte e tutti riconosca vita,
che a tutte e tutti riconosca dignità.

E’ questa resurrezione
questa compresenza dei morti e dei viventi
nella comune lotta per l’umano
ciò che qui chiamo ancora nonviolenza.

E’ la lotta di Rachele
la nonviolenza in cammino.

inviata da DonQuijote82 - 26/1/2012 - 13:57



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org