Lingua   

Cantone pro sa morte de unu soldadu iscimpru

Frantziscu Màsala / Francesco Masala
Lingua: Sardo

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Cantone de sos bestidos de biancu
(Frantziscu Màsala / Francesco Masala)
Is chiudendas noas
(Franco Madau)
A.F.S.L. part 2
(C4)


[1981]‎
Dalla raccolta “Poesias in duas limbas – Poesie bilingui”, Scheiwiller, Milano (2° ed. 1993, 3° ed. ‎‎2006 per i tipi de Il Maestrale di Nuoro).‎
La sezione che include questo "cantone" è intitolata "Cantones pro sos laribiancos", ossia "Ballate per quelli dalle labbra bianche". "Quelli dalle labbra bianche" è prima di tutto il titolo dell'opera prima di Masala, pubblicata nel 1962 da Feltrinelli, racconto dell'epopea della gente di Arasolè, piccola frazione del comune di Tonara, in provincia di Nuoro.
Le "labbra bianche" sono quelle dei morti di fame, dei morti di fatica, dei morti di guerra...
I "cantones" inclusi in quella sezione di "Poesias in duas limbas" sono dunque una trascrizione poetica di quel piccolo romanzo di esordio, quasi un' "Antologia di Spoon River" sarda.

Spedizione italiana in Russia, 1941-43. La ritirata
Spedizione italiana in Russia, 1941-43. La ritirata



Frantziscu Màsala a combattere sul fronte russo ci finì venticinquenne. Con lui altri 300.000 giovani, in gran parte convinti di andare a coprirsi di gloria, imboniti dalla retorica fascista. Ne morirono circa 115.000, dei quali 85.000 in poco meno di tre mesi, tra il dicembre 1942 e la primavera successiva, durante la seconda battaglia sul Don, lo sbando e la disastrosa ritirata che ne seguirono...

"... Mette conto di dire che, la guerra, l'ho veramente fatta, sono stato decorato al valor militare, sono stato ferito in combattimento sul fronte russo, cioè, come comunemente si dice, ho versato il sangue per la patria. Ma mi è capitato ciò che già capitò a mio nonno, gambadilegno, che perdette la gamba destra nella Battaglia di Custoza, durante la Terza Guerra d'Indipendenza: anche la mia intrepida gamba destra si è beccata la sua eroica pallottola, russa, stavolta, là, fra il Dnieper e il Don. Voglio dire, insomma, che io e mio nonno, ambedue di nazionalità sarda, abbiamo fatto le guerre italiote: da leali sardi, s'intende, eroi buoni, in tempo di guerra, ma cattivi banditi, in tempo di pace: in guerra, nelle patrie trincee, in pace, nelle patrie galere... [Insomma] la guerra mi tolse, per così dire, dagli occhi, le bende di due retoriche ufficiali: da un lato, quella della "eroica piccola patria sarda" e, dall'altro lato, quella della "grande imperiale patria italiana." ‎
‎(Frantziscu Màsala, da “Il riso sardonico”, 1984)
Goi si ch’est mortu su soldadu
Micheli Girasole,
fentomadu Sciarlò,
fraigamuru de Arasolè,
richiamadu in aisettu de cungedu,
fizu ùnicu
de una mama viuda de gherra:
brincheit subra una mina,
currende fattu a una lìttera
bolada dae su entu
foras dae sa trincea,
addae, in terra de Russia.
Pro cussu si ch’est mortu
Sciarlò, soldadu iscimpru,
currende fattu a sa lìttera
de sa promissa isposa, Rosa Fae,
samunadora de Arasolè.
Che tanchemus su colzu de Sciarlò
intro una cascia ’e mortu
de linna ’e coltialvu,
in manos li ponzemus sa lìttera
de sa promissa isposa, Rosa Fae.
Lu giutemus a palas,
sutta una fritta temporada ’e nie,
a su campusantu de gherra,
in mesu a sas àrvures biancas.
Fatemus una fossa
a sos pês de un’àrvure bianca.
Su Generale, drittu che unu fusu,
faeddeit, subra sa losa de Sciarlò,
de Deus, de sa Patria e de sa Gloria.
Ma nois, sos cumpagnos de Sciarlò,
sos richiamados de Arasolè,
sette laribiancos,
fimus addae, addae.
Dae chelos de trumentu
de una terra de nie,
sos nostros pensamentos,
che rùndines in passera,
a bolu a chelos giaros
de un’ìsula de lughe,
làcanas de s’ammentu:
sas tancas de iscrareu,
sas matas de murdegu,
sos cunzados de férula,
sas figuìndias rujas,
sos suelzos de sàmbene,
sas arzolas de trigu,
sas àmas de arveghes,
sos meriagos de sole,
fiamaridas de fiores,
camineras de prata
gàrrigas de lentore.
Che falemus sa càscia de Sciarlò
intro sa fossa
a sos pês de s’àrvure bianca,
e segundu sos usos,
onzunu che betteit
una manu de terra
subra sa càscia, fintz’a la cobèrrere.
In sa luzana niedda de sa losa
su biancu coltialvu
pariat una candela ’e chera:
e sa nie falaiat,
pàsida e piedosa,
subra su coro frimmu de Sciarlò,
fraigamuru de Arasolè,
soldadu iscimpru,
fizu ùnicu
de una mama viuda de gherra.

inviata da Bartleby - 6/1/2012 - 22:06



Lingua: Italiano

Versione italiana di Francesco Masala
BALLATA PER LA MORTE DI UN SOLDATO FESSO

Così morì il soldato
Girasole Michele,
noto Sciarlò,
muratore di Arasolè,
richiamato in attesa di congedo,
figlio unico
di madre vedova di guerra:
saltò su di una mina
mentre inseguiva una lettera
portatagli via dal vento
fuori dalla trincea,
là, in terra di Russia.
Per questo è morto Sciarlò,
soldato fesso,
correndo dietro alla lettera
della sua fidanzata, Rosa Fae,
lavandaia di Arasolè.
Chiudemmo il corpo di Sciarlò
dentro una piccola bara
di legno di betulla,
gli mettemmo fra le mani
la lettera della fidanzata Rosa.
Lo portammo a spalla,
in mezzo ad una tempesta di neve,
fino al cimitero di guerra,
nel boschetto di betulle.
Scavammo una fossa
ai piedi di una giovane betulla.
Il Generale, dritto come un fuso,
parlò, sopra la tomba di Sciarlò,
della Gloria, della Patria e di Dio.
Ma noi, i compagni di Sciarlò,
i richiamati di Arasolè,
quelli dalle labbra bianche,
eravamo lontani.
Dai cieli oscuri
di una terra di neve,
i nostri pensieri,
come uccelli in migrazione,
volarono a chiari cieli,
verso un’isola di luce,
luoghi della memoria:
le tanche di asfodeli,
i cespugli del cisto,
i campi di ferule,
i fichidindia rossi,
le querce sanguinanti,
le aie colme di grano,
le greggi delle pecore,
i meriggi di sole,
le fiammate di fiori,
i viottoli d’argento
coperti di rugiada.
Calammo la bara di Sciarlò
dentro la fossa
ai piedi della giovane betulla,
e secondo la tradizione,
ognuno di noi gettò
una mano di terra
sopra la bara, fino a ricoprirla.
Sul nero catafalco della terra
la giovane betulla
sembrava una candela di cera:
e la neve cadeva,
pietosa e lieve,
sopra il cuore fermo di Sciarlò,
muratore di Arasolè,
soldato fesso,
figlio unico
di madre vedova di guerra.

inviata da Bartleby - 6/1/2012 - 22:07



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org