Lingua   

Requiem pro sos de su tertzu mundu

Frantziscu Màsala / Francesco Masala
Lingua: Sardo

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Cantone pro Rosa, promissa isposa de gherra
(Frantziscu Màsala / Francesco Masala)
Innu nou contra sos feudatàrios (a sa manera de Frantziscu Innàssiu Mannu)
(Frantziscu Màsala / Francesco Masala)
Tancas serradas a muru
(Melchiorre Murenu)


[1981]‎
Dalla raccolta “Poesias in duas limbas – Poesie bilingui”, Scheiwiller, Milano (2° ed. 1993, 3° ed. ‎‎2006 per i tipi de Il Maestrale di Nuoro).‎

Poesias in duas limbas
I. (Dae unu dillu de sa Louisiana)

Deo fia unu ómine biancu,
addae, addae, in su Sud,
ma in sas tancas de cotone,
addae, addae, in su Sud,
so diventadu nieddu.

II. (Dae una cantone de sos Mau-Mau)

Benzein sos ómines biancos
e battein su deus issoro,
nos issinzein, cando pregamus,
de altziare sos ojos a chelu:
cando nois abbaidajamus a sos chelos
nos furaìana sas terras nostras.

III. (Dae unu càntigu de amore de su Vietnam)

Eris milli soldados
passein in bidda mia
andende a sa gherra.
Sos milli soldados mi abbaidein
sas tittas e sa mia este de seda
e passein totu rie rie.
Ohi, dulches sàlighes,
chi pianghides a su entu de su sero,
ue sunu, como, sos milli soldados?

IV. (Boghe dae sa terra de sos nuraghes)

Ahi, nuraghes de Sardigna,
niedda amargura, nieddu dolore,
losa niedda ’e su pastore.
Ahi, trigu ’e Campidanu,
pane biancu, biancu colore,
pane nieddu ’e messadore.
Ahi, binu ’e Baronia,
mele dulche, dulche sabore,
fele ràntzigu ’e tzappadore.
Ahi, calvone ’e su Sulcis,
fogu ruju, ruju calore,
astrau nieddu ’e minadore.
Ahi, Sardigna, Sardigna,
nuraghe de silénziu,
nuraghe de dolore.

inviata da Bartleby - 6/1/2012 - 17:15



Lingua: Italiano

Versione italiana di Francesco Masala
REQUIEM PER IL TERZO MONDO

I. (Da un blues della Louisiana)

Io ero un uomo bianco,
laggiù, laggiù, nel Sud,
lungo i campi di cotone,
laggiù, laggiù, nel Sud,
sono diventato negro.

II. (Da un canto dei Mau-Mau)

Vennero gli uomini bianchi
e portarono il loro Dio,
c’insegnarono, quando preghiamo,
ad alzare gli occhi al cielo:
mentre noi guardavamo il cielo
ci rubarono le nostre terre.

III. (Da un canto d’amore del Vietnam)

Ieri mille soldati
passarono nel mio villaggio
andando alla guerra.
I mille soldati guardarono
i miei seni e la mia veste di seta
e sorrisero.
Ohi, dolci salici,
che piangete al vento della sera,
dove sono, ora, i mille soldati?

IV. (Voce dalla terra dei nuraghi)

Ahi, nuraghi di Sardegna,
nera tristezza, nero dolore,
nera tomba del pastore.
Ahi, grano del Campidano,
pane bianco, bianco colore,
pane nero del mietitore.
Ahi, vino di Baronia,
miele dolce, dolce sapore,
miele amaro di zappatore.
Ahi, carbone del Sulcis,
fuoco rosso, rosso calore,
ghiaccio nero del minatore.
Ahi, Sardegna, Sardegna,
nuraghe di silenzio,
nuraghe di dolore.

inviata da Bartleby - 6/1/2012 - 17:16



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org