Lingua   

Morti bianche su orizzonti neri (ai caduti sul lavoro)

Marco Cinque
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Fukushima
(Marco Cinque)
Preghiera per Tina
(Marco Cinque)
Ombre rosse (canto per il popolo rosso)
(Marco Cinque)


Testo, voce e fotografia: Marco Cinque
Percussioni: Mathieu Hébrard
Chitarra e fischio(cover "Quello che" dei 99 Posse) e montaggio video: Damiano Spinelli
A grappoli, giù, precipitati
da impalcature in subappalto, giù
seppelliti nel ventre senza fondo
di miniere affamate di profitti

più giù, ingoiati nel nulla siderale
di elenchi e statistiche e cifre e dati
taciuti da lingue biforcute che si agitano
sul volto putrefatto dell'informazione

oltraggiati da false lacrime versate
dagli stessi assassini che continuano
a pisciare sui vostri diritti negati
sulle vostre tombe dimenticate

sui vostri figli gettati in miseria
sui vostri nomi incisi nell'oblio
voi, schiavi di un tozzo di pane precario
vite in affitto dal vuoto a perdere

voi, morti bianche su orizzonti neri
destini promessi al vostro funerale
voi, in questa merda di futuro atipico
che avete costruito grattacieli per ricchi

per vederveli ripiombare addosso
assieme a montagne d'iniquità franate
in cimiteri di omertà & menzogne
come un rosario lungo una bestemmia

a recitare l'elenco sfigurato
d'ingiustizie dalla voce affabile
che pregano insostenibili promesse
sull'abisso immemore della sicurezza

voi, che soli avete sopportato il lutto
pagando il prezzo di un progresso ingrato
voi, eserciti senza onori né pubbliche fanfare
gridate, perdìo! un urlo che svegli la ragione

e accenda un cielo rosso di vergogna
più rossa dell'incendio tramontato
sulle macerie spente del sol dell'avvenir

voi, una bandiera strappata che sventola
nuda, a mezz'asta, nel vento stanco
dei nostri pugni arresi.

inviata da DonQuijote82 - 29/12/2011 - 12:49


Una vicenda che mi ha ricordato la trama di un bellissimo film dei fratelli Dardenne, "La promesse", 1996.
Non mancate di vederlo.

Muore nei campi, lo trasportano a casa per mascherare l'infortunio

di Erica Di Blasi e Jacopo Ricca da La Repubblica del 13 agosto 2015

E' accaduto a Carmagnola, nel Torinese: la vittima è un bracciante romeno che era pagato in nero. La procura di Asti apre un'indagine.



Succede ancora di morire sul lavoro, senza essere in regola. E non solo al sud, anche in Piemonte. È accaduto quest'estate a Carmagnola, famosa per la Sagra del peperone. E proprio quelli stava raccogliendo lo scorso 17 luglio un bracciante romeno. Si chiamava Ioan Puscasu, aveva 46 anni. Assieme al fratello lavorava da ormai quattro anni in un'azienda agricola in via Pret. Lo hanno visto accusare un forte dolore al petto e poi accasciarsi a terra. Prima di chiamare l'ambulanza, è stato però spostato dai compagni in tutta fretta, forse su indicazione del titolare, nell'abitazione accanto alla cascina che gli era stata assegnata per riposarsi nella pausa pranzo. Sull'accaduto sono in corso le indagini dello Spresal e dei carabinieri di Moncalieri. Ieri è stato girato in Procura ad Asti un rapporto dettagliato su quanto avvenuto quel giorno. Quello che gli investigatori vogliono appurare è se lo straniero sia stato portato dove viveva per farlo stendere, e quindi per un'ingenua forma di cortesia, o sia stato invece tolto dal posto di lavoro proprio per evitare che la verità venisse a galla. Fatto sta che quando l'ambulanza del 118 ha raggiunto la cascina, il romeno era già morto, secondo alcuni testimoni da un'ora e mezzo. In lacrime il fratello che è stato subito informato dai "colleghi". Anche lui lavora in nero nella stessa azienda agricola. E dai controlli effettuati in seguito alla morte del bracciante, è venuto fuori come sia prassi di quella ditta impiegare stranieri senza alcun contratto né qualsiasi forma di tutela. Non è escluso che il romeno si sia sentito male perché vittima di un colpo di calore. Quando si è accasciato stava infatti raccogliendo verdura in una serra dove la temperatura, di per sé già elevata, era resa ancora più insopportabile dall'afa di quei giorni. E dove insomma era impossibile riuscire a lavorare per più ore di seguito.
Il proprietario dell'azienda agricola avrebbe poi pagato il funerale dell'uomo e il trasferimento della salma e della famiglia in Romania. "Ma tutto questo non basta - attacca Denis Vair, segretario provinciale della Flai Cgil - Non si può continuare così. Episodi come questo tolgono il velo su una questione che non si vuole affrontare: anche in Piemonte c'è il caporalato. Ma è venuto il momento di dire basta al lavoro nero". Tra poche settimane ci sarà la Sagra del peperone. "e i tanti che affolleranno le vie di Carmagnola - aggiunge Vair - devono sapere che dietro i prodotti ci sono delle persone che non solo lavorano e faticano, ma muoiono anche per raccoglierli e coltivarli. Da alcuni anni il sindacato dei lavoratori dell'agricoltura della Cgil porta avanti campagne contro lo sfruttamento del lavoro nei campi piemontesi. È sempre più necessaria una legge regionale su questo tema".

Bernart Bartleby - 13/8/2015 - 10:10



Lingua: Francese

Version française – MORTS BLANCHES SUR HORIZONS NOIRS (AUX MORTS AU TRAVAIL) – Marco Valdo M.I. – 2015
Chanson italienne – Morti bianche su orizzonti neri (ai caduti sul lavoro) – Marco Cinque

IL MEURT DANS LES CHAMPS, ON LE TRANSPORTE À LA MAISON POUR MASQUER L'ACCIDENT

d'Erica Di Blasi et de Jacopo Ricca de la Repubblica du 13 août 2015

Ouvriers agricoles journaliers


C'est arrivé à Carmagnola, dans le Turinois : la victime est un journalier roumain qui était payé au noir. Le procureur d'Asti ouvre une enquête.

Il arrive encore de mourir au travail, sans être en règle. Et pas seulement au sud, même au Piémont. C'est arrivé cet été à Carmagnola, célèbre pour sa Fête du poivron. Et c'est précisément ce que ramassait le 17 juillet un journalier roumain. Il s'appelait Ioan Puscasu, il avait 46 ans. Ensemble avec son frère, il travaillait depuis quatre ans dans une exploitation agricole via Pret. On l'a vu ressentir une forte douleur à la poitrine et ensuite, s'effondrer à terre. Cependant, avant d'appeler l'ambulance, il a été déplacé par ses camarades en toute hâte, peut- être sur indication du propriétaire, dans l'habitation près de la ferme utilisée pour se reposer durant la pause du déjeuner. Sur l’entrefaite, sont arrivés les enquêteurs du Spresal et les carabiniers de Moncalieri. Hier, a été envoyé au Procureur à Asti un rapport détaillé sur ce qui s'était produit ce jour. Ce que les investigateurs veulent vérifier c'est si l'étranger a été porté où il vivait pour l'étendre, et donc en une naïve forme de courtoisie, ou par contre, s'il a été enlevé du poste de travail pour éviter que la vérité ne fasse surface. Le fait est que lorsque l'ambulance du 118 est arrivée à la ferme, le Roumain était déjà mort, selon quelques témoins, depuis environ une heure et demie. Son frère qui a été vite informé par des « collègues » est en larmes. Il travaille aussi au noir dans la même exploitation agricole. Et des contrôles effectués suite à la mort du journalier, il est apparu que c'est la pratique de cette entreprise d'employer des étrangers sans contrat ni quelque forme de protection. Il n'est pas exclu que le Roumain se soit senti mal, victime d'un coup de chaleur. Lorsque il s'est effondré, il ramassait des légumes dans une serre où la température, en soi déjà élevée, était rendue encore plus insupportable par la chaleur étouffante de ces jours. Et où en somme, il était impossible de travailler plusieurs heures de suite.
Le propriétaire de l'exploitation agricole aurait ensuite payé l'enterrement de l'homme et le transfert du corps et de la famille en Roumanie. « Mais tout ceci ne suffit pas - rétorque Denis Vair, secrétaire provincial des Flai Cgil - on ne peut pas continuer ainsi. Des épisodes comme celui-ci lèvent le voile sur une question qu'on ne veut pas poser : même en Piémont, il y a le caporalat (intermédiation illicite et exploitation du travail). Le moment est venu de dire halte au travail au noir ». Dans quelques semaines, il y aura la Fête du poivron. « et les nombreux visiteurs qui se presseront dans les rues de Carmagnola - ajoute Vair - doivent savoir que derrière les produits, il y a des personnes qui non seulement travaillent et peinent, mais meurent même pour les ramasser et les cultiver. Depuis quelques années, le syndicat des travailleurs de l'agriculture de la Cgil mène des campagnes contre l'exploitation du travail dans les champs piémontais. Une loi régionale sur ce thème est toujours plus nécessaire ».
MORTS BLANCHES SUR HORIZONS NOIRS (AUX MORTS AU TRAVAIL)

Morts
En grappes, à terre, précipités
D'échafaudages en sous-traitance, sous terre
Dans le ventre sans fond ensevelis
De mines affamées de profits.

Plus bas, avalés dans le rien sidéral
De listes et de statistiques, de données et de chiffres,
Tus par les langues fourchues qui s'agitent
Sur la face putréfiée de l'information.

Outragés de fausses larmes versées
Pour les mêmes assassinats qui continuent
À pisser sur vos droits niés,
Sur vos tombes oubliées.

Sur vos enfants dans la misère jetés,
Sur vos noms dans l'oubli gravés,
Vous, esclaves d'un quignon précaire,
Vies à louer du vide à perdre

Vous, morts blanches sur des horizons noirs,
Destins promis à votre enterrement,
Vous, dans cette merde de futur atypique,
Qui avez construit les grattes-ciel pour les riches.

Pour vous les voir retomber sur le dos
En même temps que des montagnes d'iniquités écroulées
En cimetières d'omerta et de mensonges
Comme un rosaire le long d'un blasphème.

À réciter la liste défigurée
D'injustices à la voix affable
Qui prient des insoutenables promesses
Sur l'abîme oublieux de la sécurité.

Vous, qui seuls avez supporté le deuil
En payant le prix d'un progrès ingrat.
Vous, armées sans honneurs ni fanfares,
Criez, bon sang ! Criez un hurlement qui réveille la raison !

Et enflamme un ciel rouge de honte,
Plus rouge que l'incendie couché
Sur les décombres éteints du soleil de l'avenir.

Vous, un drapeau arraché qui s'agite
Nu, en berne, dans le vent fatigué
De nos poings rendus.

inviata da Marco Valdo M.I. - 14/8/2015 - 22:23


Tre braccianti agricoli morti in Puglia mentre raccoglievano frutta e verdura. Anche questo è il Sud

da L'Huffington Post del 7 agosto 2015

Il terzo bracciante a crollare per la fatica e per il caldo si chiamava Zaccaria, era tunisino e doveva mantenere 4 figli. Si è sentito male martedì 3 agosto in tarda mattinata alla fine del turno di lavoro nei campi dove caricava cassette di uva. Si trovava a Polignano a Mare.

A differenza di Paola, la raccoglitrice di uva stroncata da un infarto alla fine di una lunga giornata di lavoro, sul corpo di Zaccaria, 52 anni, verrà eseguita l'autopsia. La Procura di Bari vuole capire se la morte sia stata conseguenza di un infortunio sul lavoro, un approfondimento di indagine che nel caso della bracciante italiana non c'era stato.

La storia di Paola, infatti, è emersa soltanto grazie al lavoro dei cronisti e della Flai-Cgil pugliese che hanno raccontato l'ultima giornata di questa donna di San Giorgio Jonico, madre di 3 figli, che quotidianamente si alzava nel cuore della notte per raggiungere le campagne di Andria dove era impegnata nella acinellatura dell'uva, un lavoro massacrante eseguito sotto un tendono dove la temperatura può raggiungere in questo periodo i 40 gradi. Un lavoro che però viene pagato molto poco, circa 30 euro a giornata nonostante il contratto nazionale stabilisca che siano almeno 52.

"Paola ha fatto 15 anni di duro lavoro nei campi - dice ancora Deleonardis, responsabile Flai-Cgil regionale - dall'alba fino a quando fa buio. Si alzava alle 2 di notte a San Giorgio Jonico, in provincia di Taranto, arrivava sui campi di Andria alle 5, rientrando nel primo pomeriggio a casa, dopo circa cinque ore di viaggio fra andata e ritorno". Le accuse lanciate dalla Cgil sono pesantissime: sembra che in ospedale non sia mai arrivata. Il carro funebre l'ha portata direttamente dal campo di lavoro alla cella frigorifera del cimitero di Andria, dove il marito e i figli l'hanno trovata.


Paola è deceduta il 13 luglio, e prima di lei è toccato a Mohammed, sudanese di 47 anni, crollato a terra sotto il sole cocente mentre raccoglieva pomodori nella campagna tra Nardò e Avetrana. "Li fanno vivere peggio delle bestie. Mio marito dormiva su un materasso poggiato su un balcone, in mezzo alla sporcizia: se l'avessi saputo, non l'avrei mai lasciato venire qui", ha dichiarato la moglie a Repubblica Bari. Il proprietario dell'azienda agricola dove era impiegato Mohammed è ora indagato per omicidio colposo insieme a un altro dipendente e a un uomo sospettato di essere il caporale.

Il caporalato - o intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro - è diventato reato nel 2011 dopo il reportage giornalistico di Fabrizio Gatti, che si era finto raccoglitore di verdura nei campi pugliesi, e dopo uno sciopero degli stessi braccianti agricoli stranieri a Nardò. Le associazioni che difendono i diritti dei migranti hanno spesso criticato la norma poiché non prevede tutele per lo straniero senza documenti che eventualmente decide di denunciare.

Negli ultimi mesi è emerso che i caporali preferiscono le donne italiane agli uomini stranieri, poiché i secondi ormai si ribellano quando le condizioni di lavoro diventano molto pesanti. E nonostante a Lecce sia entrato nel vivo un processo contro il caporalato, il fenomeno è ancora esteso, vivo e vegeto:

L'inchiesta sulla morte di Mohamed, il sudanese di 47 anni deceduto mentre lavorava in un'azienda agricola, ha riportato alla luce l'esistenza di un'organizzazione criminale viva e vegeta. Che nel 2012 ha traballato grazie all'operazione Sabr (che portò in carcere 22 persone accusate di riduzione in schiavitù) e oggi è più solida che mai. Al punto da poter disporre delle case abbandonate nelle campagne fra Copertino, Nardò, Galatone, Porto Cesareo – e poi su, verso Avetrana – a proprio piacimento. Con il placet dei proprietari, che hanno più paura di mettersi contro i "capi neri" che di infrangere la legge italiana.


Dopo la denuncia delle tre morti, i ministeri del Lavoro e delle Politiche Agricole promettono una stretta sui controlli contro il caporalato: "la Direzione Generale per l’attività ispettiva del Ministero del Lavoro ha dato indicazione alle Direzioni interregionali e territoriali del lavoro di coinvolgere i responsabili dei servizi prevenzione delle ASL nelle attività di vigilanza già programmate e sulla base di intese preventive o prassi consolidate".

Il Ministero delle politiche agricole ha inoltre chiesto la convocazione urgente della Cabina di regia della “Rete del Lavoro agricolo di qualità”. Con la Rete, introdotta con il provvedimento Campolibero e operativa da febbraio, per la prima volta in Italia si è creato un coordinamento per il contrasto dello sfruttamento nel lavoro agricolo, avviato un percorso di semplificazione e istituita una certificazione delle aziende agricole in regola, aumentando i controlli su quelle non iscritte alla Rete stessa.

Bernart Bartleby - 19/8/2015 - 15:33



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org