Lingua   

Il sorriso di Michela

Eugenio Bennato

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Vento del sud
(Musicanova)
Che il Mediterraneo sia
(Eugenio Bennato)
L'uomo che verrà [Nannarè]
(Eugenio Bennato)


[2010]
Canzone dedicata alla brigantessa campana Michelina De Cesare (1841-1868).



Nata in una frazione di Mignano Monte Lungo (cittadina che oggi si trova in provincia di Caserta ma che all’epoca era compresa nella provincia significativamente denominata “Terra da Lavoro”), fin da piccola Michelina visse di furti e di espedienti. Nel 1862 conobbe Francesco Guerra, ex soldato borbonico aggregatosi alla banda del brigante Domenicangelo Cecchino detto “Rafaniello” e divenutone il capo alla morte di quest’ultimo, e ne divenne la compagna se non addirittura la sposa. Però Michelina non fu una “donna del capo” ma capo banda lei stessa.
Le scorrerie della banda Guerra nella zona di Mignano durarono sette anni. Poi, nel 1868, le nuove tecniche di controinsurrezione adottate dal generale genovese Pallavicini di Priola (quello che qualche anno dopo catturò Carmine Crocco), diedero i loro frutti. Il 30 agosto, imbeccati da un vecchio proprietario di Mignano lautamente ricompensato, la Guardia Nazionale comandata da un tal maggiore Lombardi e guidata da un delatore, tal Giovanni o Domenico De Cesare (lo stesso cognome della brigantessa, ironia della sorte), intercettò la banda nei pressi di una masseria, mentre imperversava un violentissimo temporale. Il Guerra e Michelina furono crivellati di colpi, sorpresi mentre insieme cercavano riparo dalla pioggia dentro il tronco cavo di un grosso albero. La stessa fine toccò ad altri due briganti.






I corpi di Francesco Guerra, Michelina De Cesare, Francesco Orsi e Giacomo Ciccone furono esposti denudati sulla piazza di Mignano. Erano tutti così martoriati, specie quelli di Michelina e dell’Orsi, da far credere che fossero stati orribilmente torturati prima di essere uccisi, anche se delle sevizie non c’è ovviamente traccia nel rapporto del Comando Generale delle Truppe per la Repressione del Brigantaggio nelle Provincie di Terra di Lavoro, Aquila, Molise e Benevento

“Ecco i merli, li abbiamo presi”, disse il generale Pallavicini, gongolante di gioia…
Bella 'sta storia
E chi la sente,
Bella la gente
Ca la racconta
Bella la terra
Ca nun sâ scorda,
Bella Michela
Ca nun s'arrènne…

Tu che stai lì, prigioniera, perché sei donna del Sud
Sul tuo cuore una bandiera che non hai tradito mai
Sul tuo viso un sorriso che per sempre porterai, porterai.

Tu che stai lì, prigioniera, della tua fotografia
Che il nemico ti ha scattato per la sua vigliaccheria
Lui confuso nei trofei non si accorge di chi sei, di chi sei.

Tu sei il sorriso di Michela e così ti metti in posa
E il vestito che tu indossi non è un abito da sposa
E il fucile che tu porti è un fucile vero e non una rosa.

E sei tu che combatti la tua guerra di frontiera
Sei il sorriso di Michela e sei tu donna del Sud
E sei tu che difendi la tua terra di frontiera
Donna bianca, donna nera
E sei tu donna del Sud

Bella 'sta storia
E chi la sente,
Bella la gente
Ca la racconta
Bella la terra
Ca nun sâ scorda,
Bella Michela
Ca nun s'arrènne…

Tu che stai lì, prigioniera, perché sei donna del Sud,
Così bella, così fiera, nella consapevolezza
Che più forte del brigante non può esserci che la sua brigantessa.

Tu che stai lì, prigioniera, tu sei la fotografia
Che ci parla di una donna che ha il sorriso di una dea,
Che se vive, che se muore, non tradisce mai il suo amore, la sua idea.

Tu sei il sorriso di Michela e colpisci il tuo nemico
Col tuo sguardo di pantera ed il tuo sorriso antico
E la sfida che tu lanci come un fiore dal balcone del tuo Sud.

Bella 'sta storia
E chi la sente,
Bella la gente
Ca la racconta
Bella la terra
Ca nun sâ scorda,
Bella Michela
Ca nun s'arrènne…

E sei tu che combatti la tua guerra di frontiera
Sei il sorriso di Michela
E sei tu donna del Sud

E sei tu che difendi la tua terra di frontiera
Donna bianca, donna nera
E sei tu donna del Sud.

E sei tu che difendi la tua terra di frontiera
Donna bianca, donna nera
E sei tu donna del Sud.

E sei tu che combatti la tua guerra di frontiera
Sei il sorriso di Michela
E sei tu donna del Sud

E sei tu che difendi la tua terra di frontiera
Donna bianca, donna nera
E sei tu donna del Sud.

Tu sei il sorriso di Michela che non ti sei mai arresa
Sei il sorriso che combatte la retorica infinita
Di chi ha invaso la tua terra per rubare il tuo sorriso
E la tua vita.

inviata da Bartleby & Giorgio - 25/7/2011 - 15:30


Poesia di Raimondo Rotondi dedicata a Michelina De Cesare.

LA MORTE RE NA BÈLLA CIUCIARA

Ra chélla futegrafia me uardava éssa,
Michelina De Cesare la bregantéssa,
fémmena bèlla, ‘ntista y ‘nnammurata
che le cioce aglie piére y bène armata.
Quanne fu ‘ntanne ce ne stévene tante
re viécchie nuostre chiamate bregante
che bregante ce fuonne chiamate
ma, strigne strigne, èrene suldate
a chélla guèrra re ne mare tiémpe fa
che cò vota se tèra ancora raccuntà.
La fémmena nostra ch’èra Michelina
se truvètte ‘mmiése a chéll’arruìna
addó gli’ome sié, Guèrra chiamate
la guèrra la féce y murètte suldate.
A éssa, cumme vulètte brutta sorte,
gli’attucchètte pure prejà la morte
‘mmane a chélla male pègge gènte
venuta ra ciénte rove a fa neciénte.
Sètt’anne re fuoche èrene passate
sètt’anne re guèrra y scuppettate,
muntagne, paura, fame y fridde
a ste munne che se facéva stritte.
Scurtava la via y le larie scurtava
glie tiémpe a traviérse se regerava.
Trènt’aûste millotteciéntesessantotte,
na mala sèra ch’èra già quasce notte,
cumme succère a ste munne triste
Giuda n’ata vota se vennètte Criste.
Caifa pazziètte na cica che Ponzie Pilate
na povera fémmena murètte turturata.
Quant’alla gènte, y loche ‘nse scappa,
quann’è ‘ntanne, capa sèmpe Barabba.
Glie juorne ruoppe, alla piazza ‘Mignane,
quatte muorte ch’èrene state crestiane
gli’ammucchianne allescì, pe mostra,
una èra Michelina De Cesare nostra
nuda ‘ntutte y accisa allescì malaménte
sènz’abbrevogna re falla veré alla gènte.
Ra ‘ntanne re tiémpe n’è passate ne mare,
ma chélla fu la morte re na bèlla ciuciara.

Bartleby - 25/7/2011 - 15:31


Superba canzone.., bella come Michela. (Grandissimo Eugenio!) -Grazie, Bartleby (come sempre insuperabile).
Stile e sapore un po' endrighiano, non trovi?

Le parole del coro che non sei riuscito a decifrare sono:

Bella 'sta storia
e chi la sente,
bella la gente
ca la racconta
Bella la terra
ca nun sâ scorda,
bella Michela
ca nun s'arrènne..


Il sorriso di Michela

giorgio - 26/7/2011 - 08:13


Grazie Giorgio,
è vero, Sergio Endrigo ce lo sento...

Propongo che si metta il testo completo a firma congiunta mia e tua, se sei d'accordo.

Il terzo coro si mescola alle ultime strofe in crescendo e lo inserirei quindi prima, per comodità.

Bartleby - 26/7/2011 - 09:46


Michelina, un'altro eroe del nostro Grande Sud come definisco dopo 150 anni il "Regno delle Due Sicilie, è Caduta con onore sul campo di battaglia contro le truppe degli invasori piemuntìsi e dei loro manutengoli e gattopardi meridionali. Bene ha fatto Eugenio Bennato a dedicarle una canzine in ricordo, come ha fatto anche oper un altro combattente: Giuseppe Nicola Summa, detto Ninco Nanco, di Avigliano (Potenza). Anche se sono repubblicano e mi sento cittadino europeo, non posso identificarmi in una dinastia straniera quale quella dei Savoja, che aborrisco. Il mio unico tricolore è quello uscito dalla Resistenza ai nazi-fascisti, senza lo stemma dell'infausta dinastia savojarda. In questa mia convinzione, è per me un grande onore avere esposto il 17 marzo 2011, la Bandiera duo-siciliana al mio balcone per ricordare che i nostri legittimi sovrani sono stati i Borboni e come segno della mia identità di Meridionale.
Viva 'o Rre nuosto, 'o Burbone, Viva i nostri partigiani appellati "Briganti", Viva 'e nuosti ultimi Sovrani, Francesco II° e la Real Consorte, 'a Riggina Maria Sofia.

Leopoldo Apa - 19/7/2012 - 02:24


Però, caro Leopoldo, pur comprendendo tutto il suo slancio identitario e ancor di più l'avversione per l'infausta casa Savoia, non capisco -tanto più che si definisce repubblicano e cittadino europeo- il suo inneggiare ad una casa regnante. Io credo che l'identità meridionale potrebbe anche essere espressa senza ricorrere ai Borboni e senza esporre bandiere. Con tutto il rispetto, naturalmente; ma io, assieme a Shakespeare, sono convinto che siamo nati per marciare sulla testa dei re, e non soltanto dei Savoia. Anche dei Borboni, dei "presidenti" repubblicani, dei generali... Saluti cari.

Riccardo Venturi - 19/7/2012 - 10:10


Mi scusi Riccardo Venturi se le rispondo in ritardo. Solo oggi ho letto il suo commento. Capisco le sue perplessità, ma debbo osservare che Lei non comprende la mia posizione. Innanzitutto le dico che provengo dal P.C.I. di Togliatti e di Enrico Berlinguer che reputo "Il Migliore" segretario del Partito in cui ho militato. La mia formazione politica è repubblicana e sono anche un europeista convinto tanto da aver auspicato sempre una Federazione tipo Usa con una propria Banca Centrale. Non una , chiamiamola "confederazione" come è ora. Mi riconosco nella Repubblica nata dal referendum istituzionale del 2 giugno 1946 e nel tricolore senza l'indegna di quella dinastia straniera dei Savoja che hanno portato al disastro la nostra Penisola. Essere neo-borbonici, significa solo essere Meridionali. Io sono nato a Milano nel 1935 da famiglia napoletana, in una caserma ubicata in via Mascheroni, così mi ha detto mia madre dove mio padre comandava il 36° mitraglieri. Era stato inviato mia padre perchè a Salerno si era alzato per l'Inno reale savoiardo, allora rappresentante l'inno Nazionale e, quando venne attaccata l'ino fascista "giovinezza" si era seduto perchè lo considerava un inno di partito. Venne punito a seguito di denuncia del federale di Salerno, promosso da tenente colonnello a colonnello ed inviato "per punizione" a Milano. Questo ho appreso da quanto mi ha detto mia madre, essendo mio padre, del 1898; Caduto nella ritirata da El Alamein. Che mio padre fosse fedele ai Savoja è a me noto. Ma anche lui era un Meridionale e considerava i generali piemontesi solo degli ufficiali arroganti ed 9incompetenti. Avendone avuto un assaggio durante la prima guerra mondiale, che venne vinta da un generale Meridionale, Armando Diaz. Non penso di essere in contraddizione con me stesso se sostengo di essere Meridionale e di riconoscermi nel Borbone e nel nostro Vessillo "Il Giglio della Due Sicilie". Del resto, credo, che la nostra Penisola non sia stata mai una Nazione tipo Francia e Inghilterra. Siamo diversi per Cultura sia rispetto al Nord che al Centro. E le differenze culturali pesano.
Cordiali saluti.
Leopoldo Apa, Via Nicola Vaccaro, n. 29 Potenza

leopoldoapa@tiscali.it - 17/10/2012 - 22:46


Ho l'impressione che il groviglio sia gordiano. Non mi intrometto, ma ti va tutta la mia simpatia, Riccardo. Vale.

Gian Piero Testa - 18/10/2012 - 02:41



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org