Lingua   

Θα κλείσω τα μάτια

Akis Panou / Άκης Πάνου

Lista delle versioni e commenti



Tha klíso ta mátia
Στίχοι: Άκης Πάνου
Μουσική: Άκης Πάνου
Πρώτη εκτέλεση: Γρηγόρης Μπιθικώτσης & Χαρούλα Λαμπράκη
45 στροφές - 1967

Testo e musica di Akis Panou
Prima esecuzione di Grigoris Bithikotsis e Haroula Lambraki
45 giri - 1967

Questa canzone fu subito proibita dalla Giunta perché i suoi versi erano "di contenuto comunista". Siccome la musica piaceva al pubblico e l'autore Akis Panou con le sue canzoni ci campava, i versi "comunisti" furono rapidamente sostituiti da un più anodino testo amoroso. Se si leggono i versi "comunisti", ci si rende conto che non sono altro che la riproposizione di un "topos" della canzone rebetica d'anteguerra, perché quel genere musicale, nato probabilmente nel XIX secolo tra i carcerati, aveva per sua marca principale quella di rispecchiare l'ambiente degli emarginati e degli irregolari degli slum del Pireo o di Salonicco nei quali la miseria regnava sovrana. E' pur vero che le dittature che si susseguirono in Grecia ebbero sempre in gran dispitto i "rebetes" e la loro musica. Già alla fine degli anni Trenta Metaxas aveva ordinato agli autori e agli interpreti di non far cenno alla prostituzione e alla droga, e aveva fatto devastare manu militari molti locali dove le due cose si accompagnavano abitualmente e quasi naturalmente alla musica. I colonnelli del 1967, riprendendo l'opera dell'illustre predecessore, si applicarono puntigliosamente a censurare le canzoni popolari. Ma erano gli stessi che, contemporaneamente, proibivano la rappresentazione dell' Antigone di Sofocle...
Ripropongo la canzone nei due testi. (gpt)
A) Testo primitivo

Τον έρωτά, φαρμάκωσ' η μιζέρια
κομμάτιασε, η φτώχεια την καρδιά
Δεν ήρθανε, για μας τα καλοκαίρια
και έγιν' η, ζωή τόσο βαριά

Θα κλείσω τα μάτια,
θ' απλώσω τα χέρια
μακριά από τη φτώχεια,
μακριά απ' τη μιζέρια
Θα πάρω τη στράτα,
κι εγώ τη μεγάλη
θα κλείσω τα μάτια,
και όπου με βγάλει

Που να βρεθεί, ντροπή να με κρατήσει
στη λάσπη και, στην ξύλινη σκεπή
Τη φτώχεια που, μας έχει γονατίσει
τη νιώθω μεγαλύτερη ντροπή

Θα κλείσω τα μάτια,
θ' απλώσω τα χέρια
μακριά από τη φτώχεια,
μακριά απ' τη μιζέρια
Θα πάρω τη στράτα,
κι εγώ τη μεγάλη
θα κλείσω τα μάτια,
και όπου με βγάλει

B) Testo riveduto

Στίχοι: Άκης Πάνου
Μουσική: Άκης Πάνου
Πρώτη εκτέλεση: Βίκυ Μοσχολιού
Άλλες ερμηνείες:
Ελευθερία Αρβανιτάκη
45 στροφές - 1967

Testo e musica di Akis Panou
Prima esecuzione: Viki Moskolioù
Altre interpretazioni: Eleftherìa Arvanitaki
45 giri - 1967

Σε πότισα το πιο γλυκό μου δάκρυ
με πότισες τον πιο γλυκό καημό
σε άγγιξα στου ονείρου μου την άκρη
και στράγγιξα τον πρώτο στεναγμό

Θα κλείσω τα μάτια
θ' απλώσεις τα χέρια
να βρουν να φωλιάσουν
λευκά περιστέρια
αγάπη μου πρώτη
αγάπη μεγάλη
θα κλείσω τα μάτια
κι όπου με βγάλει

Λαχτάρησα ζωή απ' τη ζωή σου
λαχτάρησες το φως του αυγερινού
στα σύννεφα περπάτησα μαζί σου
κι ανοίξανε οι πόρτες τ' ουρανού

Θα κλείσω τα μάτια
θ' απλώσεις τα χέρια
να βρουν να φωλιάσουν
λευκά περιστέρια
αγάπη μου πρώτη
αγάπη μεγάλη
θα κλείσω τα μάτια
κι όπου με βγάλει

inviata da Gian Piero Testa - 21/5/2011 - 15:46



Lingua: Italiano

Gian Piero Testa.
Gian Piero Testa.


Versione italiana di Gian Piero Testa
CHIUDERO' GLI OCCHI

Testo A)

Le voglie d'amore le ha intossicate la miseria
la povertà ha fatto a pezzi il cuore
Non è giunta per noi alcuna estate
e la vita si è fatta tanto pesante

Chiuderò gli occhi
stenderò le braccia,
lontano dalla povertà
lontano dalla miseria
Prenderò anch'io
la grande strada
ad occhi chiusi
ovunque mi porti

Ovunque si trovi la vergogna mi tenga per mano
nel fango e sotto un tetto di legno
La povertà che ci ha messi in ginocchio
la sento come massima vergogna

Chiuderò gli occhi
stenderò le braccia,
lontano dalla povertà
lontano dalla miseria
Prenderò anch'io
la grande strada
ad occhi chiusi
ovunque mi porti

Testo B)

T'ho bagnata col mio pianto più dolce
mi hai bagnato col più dolce dolore
ti sfiorai sull'estremo del sogno
soffocai il tuo primo sospiro

Chiuderò gli occhi
mi tenderai le braccia
che trovino un nido da fare
i bianchi colombi
amore mio primo
amore mio grande
ad occhi chiusi
ovunque mi porti

Ho bramato una vita dalla tua vita
hai bramato la luce dell'aurora
con te ho camminato tra le nuvole
e si aprirono le porte del cielo

Chiuderò gli occhi
mi tenderai le braccia
che trovino un nido da fare
i bianchi colombi
amore mio primo
amore mio grande
ad occhi chiusi
ovunque mi porti

inviata da Gian Piero Testa - 21/5/2011 - 15:48



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org