Lingua   

The Button Pusher

The Dubliners
Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

For What Died the Sons of Róisín
(The Dubliners)
Free the People
(The Dubliners)
Poor Paddy on the Railway
(anonimo)


[1970]
Album “Revolution”
Scritta da Enoch Kent, folksinger di Glasgow che vive in Canada.

dubliners revolution 500
Well I am the man, the well-fed man, in charge of the terrible knob,
The most pleasing thing about it, it's almost a permanent job,
When the atom war is over, and the world is split in three,
A consolation I got, well maybe it's not, there'll be nobody left but me.

I sit at my desk in Washington in charge of this great machine
More vicious than Adolf Hitler, more deadly than strichnine
And in the evening after a tiring day just to give myself a laugh
I hit the button a playful belt and I listen for the blast

Well I am the man, the well-fed man, in charge of the terrible knob,
The most pleasing thing about it, it's almost a permanent job,
When the atom war is over, and the world is split in three,
A consolation I got, well maybe it's not, there'll be nobody left but me.

If Breshniev starts his nonsense, and makes a nasty spell
With a wink and a nod from Nixon, I'll blast them all to hell
And as for that Fidel Castro, him with the sugar cane,
He needn't hide behind his whiskers, I'll get him just the same.

Well I am the man, the well-fed man, in charge of the terrible knob,
The most pleasing thing about it, it's almost a permanent job,
When the atom war is over, and the world is split in three,
A consolation I got, well maybe it's not, there'll be nobody left but me.

If my wife denies me conjugular rights or my breakfast milk is sour
From eight to nine in the morning you're in for a nervous hour,
The button being so terribly close it's really a dreadful joke
Abut with my arse, as I go past, and we'll all go up in smoke.

Well I am the man, the well-fed man, in charge of the terrible knob,
The most pleasing thing about it, it's almost a permanent job,
When the atom war is over, and the world is split in three,
A consolation I got, well maybe it's not, there'll be nobody left but me.

Now I'm thinking of joining the army, the army that bans the bomb
We'll take up a large collection, and I'll donate my thumb,
For without it, I am helpless, and that's the way to be
You don't have to kill the whole bloody lot to make the people free.

inviata da Bartleby - 27/10/2010 - 13:55



Lingua: Italiano

Versione italiana di Alice Bellesi
QUELLO CHE PREME IL BOTTONE

Ebbene, io sono quell’uomo, quell’uomo ben nutrito, responsabile del pulsante terribile,
la cosa migliore in tutto questo, è che è un lavoro quasi fisso,
a guerra atomica finita, e col mondo spaccato in tre,
ho una consolazione, o forse no, non ci sarà rimasto nessuno tranne me.

Siedo alla mia scrivania a Washington responsabile di questa grande macchina
più vizioso di Adolf Hitler, più letale della stricnina
ed alla sera dopo una giornata pesante tanto per farmi una risata
prendo a cinghiate il bottone per scherzo e rimango in ascolto per l’esplosione.

Ebbene, io sono quell’uomo, quell’uomo ben nutrito, responsabile del pulsante terribile,
la cosa migliore in tutto questo, è che è un lavoro quasi fisso,
a guerra atomica finita, e col mondo spaccato in tre,
ho una consolazione, o forse no, non ci sarà rimasto nessuno tranne me.

Se Breshniev comincia a delirare, e lancia un maleficio,
con una strizzata d’occhi ed un cenno da Nixon, li scaglierò tutti all’inferno.
E in quanto a quel Fidel Castro, quello con la canna da zucchero,
è inutile che si nasconda dietro ai baffi, lo acchiapperò lo stesso.

Ebbene, io sono quell’uomo, quell’uomo ben nutrito, responsabile del pulsante terribile,
la cosa migliore in tutto questo, è che è un lavoro quasi fisso,
a guerra atomica finita, e col mondo spaccato in tre,
ho una consolazione, o forse no, non ci sarà rimasto nessuno tranne me.

Se mia moglie mi nega I diritti coniugali o per colazione il mio latte è acido
dalle otto alle nove di mattina ti prende un’ora di nervi,
avere il bottone così terribilmente vicino è proprio un brutto scherzo,
se ci appoggio il sedere, passandoci accanto, ce ne andremo tutti in fumo.

Ebbene, io sono quell’uomo, quell’uomo ben nutrito, responsabile del pulsante terribile,
la cosa migliore in tutto questo, è che è un lavoro quasi fisso,
a guerra atomica finita, e col mondo spaccato in tre,
ho una consolazione, o forse no, non ci sarà rimasto nessuno tranne me.

Adesso sto pensando di entrare nell’esercito, l’esercito che bandisce la bomba,
faremo una grande raccolta, e donerò il mio pollice,
perchè senza di quello io sono disarmato, e quello è il modo giusto di essere:
non devi ammazzare tutto il dannato branco per rendere libera la gente.

inviata da Alice Bellesi - 6/4/2012 - 18:39



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org