Lingua   

Luis Posada

David Rovics
Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

The Golden Rule
(David Rovics)
Candle For Durruti
(Al Grierson)
Minnesota Gestapo
(David Rovics)


2009
Ten Thousand Miles Away
Lyrics and Music by David Rovics
Testo e musica di David Rovics
http://www.davidrovics.com
miles

"Anti-Castro terrorist, free in Miami along with so many others of his kind." -David Rovics.

*


Il terrorismo asimmetrico: la vicenda di Luis Posada Carriles.

Gli USA ospitano in Florida il noto terrorista Luis Posada Carriles. Cuba protesta e ne chiede l'estradizione.

(19 aprile 2005)


Luis Posada Carriles è un noto terrorista. Meno noto di Bin Laden ma con un curriculum di tutto rispetto e sicuramente con più esperienza sul campo.

Collaboratore del regime cubano di Batista, passò, dopo la rivoluzione dei barbutos e il conseguente crollo del dittatore cubano, alle dipendenze della CIA e dei poteri forti statunitensi. Di lui si sà con certezza - è reo confesso di molti reati, omicidi e attentati - che operò per anni in vari stati del sud america tessendo, per conto della CIA e in funzione "contro-rivoluzionaria", una fitta rete terroristica di estrema destra.

Esperto in esplosivi e killer professionista, Carriles fu processato e condannato in Venezuale per l’attentato ad un aereo delle linee cubane in cui morirono, nel 1976, 73 persone.

Nel 97 orchestrò una serie di attentati dinamitardi ad alberghi cubani provocando, tra gli altri, la morte di un cittadino italiano. Da poco tempo, dopo quasi 40 anni di onorato servizio al soldo statunitense, quattro attentati falliti a Fidel Castro e implicazioni nel traffico internazionale di cocaina, è stato accolto in Florida dove tutt’ora è ospitato in attesa di un permesso definitivo di soggiorno.

Già titolare - secondo quanto dichiarato al NY Times - di un passaporto statunitense con cui già in passato entrò più volte negli States, Carriles sembra tutt’ora godere di uno status privilegiato agli occhi degli amministratori stelle e striscie, stando almeno alla selva di dichiarazioni discordanti e ambigue tese a intorbidire le acque su di una vicenda che ormai ha assunto connotati scandalosi.

Una nazione che dal 2001 è assurta a guida spirituale e materiale dell’occidente minacciato dal terrorismo ospita essa stessa il più pericoloso e ricercato terrorista del continente americano. Fidel Castro, appena messo sotto accusa per violazione dei diritti umani da un’assemblea ONU pilotata dagli stessi USA, ha colto la palla al balzo e chiesto ufficialmente di risolvere la questione Carriles. Due le soluzioni prospettate dal Lider Maximo: l’estradizione e il conseguente processo in Venezuela oppure il giudizio davanti ad una corte internazionale in un luogo neutro.

Per la cronaca, nel 2001, al crollo delle Twin Towers, Bush richiese ufficialmente l’estradizione del colpevole individuato, Osama Bin Laden. Al netto rifiuto del consiglio religioso talebano i marines spalleggiati da milizie locali sconfissero i talebani e occuparono completamente l’Afghanistan. Oggi, passati quasi 5 anni, il paese è tutt’ora controllato dagli USA e da loro alleati.

Giovanni Stinco

http://granmai.cubaweb.com/italiano/20...

Luis Posada lived in Havana
There amongst the gentry
With the doctors and lawyers and mafia bosses
He thought it was his country
When the revolution came he left
Just ninety miles away
Then he signed up for a course
At the SOA

Luis Posada left Fort Benning working for the CIA
A long career of death and murder
Began on that day
He planted bombs in Cuban cafes
To strike fear within the hearts
Of the Cuban people
And he directed every part
And now he is a free man in Miami

Luis Posada hired hit men
To plant bombs inside a plane
Seventy-three people
Died in a blood-red rain
He ran guns and drugs for the Contras
And there he trained a terror cell
To wreak havoc on their homeland
And of course to kill Fidel
And now he is a free man in Miami

Luis Posada went to prison
He was caught with thirty pounds
Of C4 explosives
He was gonna bring a building down
He could have killed two thousand
That night in Panama
But Bush said hand him over
We want him in Florida
And now he is a free man in Miami

Luis Posada is a free man
Not so the Cuban Five
Who agreed to leave their homeland
To allow it to survive
Undercover in south Florida
They were the eyes and ears
For fighting terrorism
They’re serving twenty years
While Posada is a free man in Miami

inviata da Riccardo Venturi - 7/1/2006 - 22:34



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org