Lingua   

Me pare

Gualtiero Bertelli
Lingua: Italiano (Veneto Veneziano)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Studenti e operai
(Gualtiero Bertelli)
Ma 'sti signori
(Gualtiero Bertelli)
Cavàrte dal fredo
(Alberto D'Amico)


Da : "La musica De L'altra Italia"
Parole e musica di Gualtiero Bertelli 1965

Gualtiero Bertelli.
Gualtiero Bertelli.
Me pare, un omo in gamba de quarant'ani
morto de silicosi in poco tempo
el ga lassà me mare e quatro fioi
e mi el più vecio de undes'ani.

El ga fato la guera d'Africa
e do ani de concentramento
invalido, co 'na pension da fame
el xe tornà in fornasa a sofiar vero.

Me mare, par tirar avanti,
la faseva la lavandera dai paroni
e mi al dopopranso andavo in riva
a scaricar peate par le fornase.

Gavevo diese ani e el me maestro
diseva che venivo su ben
«Un bravo fio, pien de giudissio,
el farà strada ne la vita».

E adesso che me pare el xe morto
go ciapà el so posto drio ai forni,
vanto quatro schei ma so che un giorno
sarò anca mi maestro sofiatore.

E magari, sensa 'n'altra guera
visto che lavoro par diese ore
e che respiro vero note e giorno
andarò presto in tomba co me pare.

inviata da adriana - 13/10/2005 - 15:42



Lingua: Italiano

Versione italiana di Marco "Che" Randolo
Marco "di cui" aspettiamo altre traduzioni! [RV]
MIO PADRE

Mio padre, un uomo in gamba di quarant'anni
morto di silicosi in poco tempo
ha lasciato mia madre e quattro figli
e io, il più vecchio, ho undici anni.

Ha fatto la guerra d'Africa
e due anni di campo di concentramento
invalido, con una pensione da fame
è tornato in fornace a soffiare il vetro.

Mia madre, per tirare avanti,
faceva la lavandaia per i padroni
e io, dopo pranzo, andavo al molo
a scaricare i battelli, per la fornace.

Avevo dieci anni e il mio maestro
diceva che crescevo bene
"Un bravo ragazzo, giudizioso,
farà strada nella vita".

E adesso che mio padre è morto
ho preso il suo posto ai forni,
guadagno quattro soldi ma so che un giorno
sarò anch'io mastro soffiatore.

E magari, se non ci sarà un'altra guerra,
visto che lavoro dieci ore
e respiro vetro notte e giorno
andrò presto nella tomba con papà.

inviata da MarcoChe - 7/9/2006 - 19:05



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org