Lingua   

A' finestra

Carmen Consoli
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

La festa ddi li porci
(Pino Veneziano)
Morsi cu morsi
(Rosa Balistreri)
La signora del quinto piano
(Carmen Consoli)


Da Elettra 2009.

elettra
Sugnu sempri alla finestra e viru genti ca furria pà strada
Genti bedda, laria, allegra, mutriusa e siddiata
Genti arripudduta cu li gigghia isati e a vucca stritta
“Turi ho vogghia di quaccosa, un passabocca, un lemonsoda”
Iddu ci arrispunni: “Giusi, quannu ti chiamavi Giuseppina,
eri licca pà brioscia cà granita”
“Turi tu n’ha fattu strada e ora che sei grosso imprenditori
t’ha ‘nsignari a classi ‘ntò parrari”

Sugnu sempre alla finestra e viru genti spacinnata,
sduvacata ‘nte panchini di la piazza, stuta e adduma a sigaretta,
gente ca s’ancontra e dici “ciao” cu na taliata,
genti ca s’allasca, genti ca s’abbrazza e poi si vasa,
genti ca sa fa stringennu a cinghia, si strapazza e non si pinna,
annunca st’autru ‘nvernu non si canta missa,
genti ca sa fa ‘lliccannu a sadda,
ma ci fa truvari a tavula cunsata a cu cumanna

Chi ci aviti di taliari, ‘un aviti autru a cui pinsari
almeno un pocu di chiffari
“Itavinni a travagghiari” vannia ‘n vecchiu indispettitu,
“avemu u picciu arreri o vitru”.
Jù ci dicu “m’ha scusari, chista è la me casa e staju unni mi pare.

La domenica mattina dagli altoparlanti della chiesa
a vuci ‘i Patri Coppola n’antrona i casi, trasi dintra l’ossa
“piccaturi rinunciati a ddi piccati di la carni
quannu u riavulu s’affaccia rafforzatevi a mutanna”.
Quannu attagghiu di la chiesa si posteggia un machinone
scinni Saro Branchia detto Re Leone
Patri Coppola balbetta e ammogghia l’omelia cu tri paroli
picchì sua Maestà s’ha fari a comunioni

Chi ci aviti di taliari, ‘un aviti autru a cui pinsari
almeno un pocu di chiffari
“Itavinni un pocu a mari”, vannia un vecchiu tintu
“accussì janca mi pariti ‘n spiddu”
Jù ci dicu “m’ha scusari,
ma picchì hati a stari ccà sutta a me casa pà ‘nsultari”.

Sugnu sempri alla finestra e viru a ranni civiltà
ca ha statu, unni Turchi, Ebrei e Cristiani si stringeunu la manu,
tannu si pinsava ca “La diversità è ricchezza”
tempi di biddizza e di puisia, d’amuri e di saggezza
Zoccu ha statu aieri, oggi forsi ca putissi riturnari
si truvamu semi boni di chiantari
‘Nta sta terra ‘i focu e mari oggi sentu ca mi parra u cori
e dici ca li cosi stannu pì canciari

Chi ci aviti di taliari ‘un aviti autru a cui pinsari,
almeno un poco di chiffari
Itavinni a ballari, ittati quattru sauti e nisciti giustu pì sbariari
Jù ci dicu “Cù piaciri, c’è qualchi danza streusa ca vuliti cunsigghiari!?”

inviata da Donquijote82 - 20/11/2009 - 09:16



Lingua: Italiano

Versione italiana
LA FINESTRA

Sono sempre alla finestra e vedo gente che gira per la strada,
gente bella, brutta, allegra, arrabbiata, seccata
gente "(ben)riuscita" con le ciglia alzate e la bocca stretta:
« Turi ho voglia di qualcosa, un passabocca, una Lemonsoda »
Lui le risponde: « 'Giusy', quando ti chiamavi Giuseppina,
ti piaceva la brioche con la granita! »
« Turi, tu ne hai fatta di strada, e ora che sei un grosso imprenditore
devi imparare a parlare con classe »

Sono sempre alla finestra e vedo gente sfaccendata,
stravaccata nelle panchine della piazza, spegne e accende la sigaretta,
gente che s'incontra e dice «ciao» con uno sguardo
gente che si evita e quella che si abbraccia e si bacia
Gente che tira avanti stringendo la cinta, si strapazza e non si arrende
altrimenti il prossimo inverno non si canta messa (1)
gente che tira avanti leccandosi la sarda (2)
ma che fa trovare la tavola apparecchiata a chi comanda.

« Che ha da guardare? non ha altro a cui pensare?
almeno un po' di da fare?
Vada a lavorare – grida un vecchio indispettito –
c'è il malocchio dietro i vetri! »
Io dico: « Mi deve scusare, ma a casa mia sto dove mi pare »

La domenica mattina dagli altoparlanti della chiesa
la voce di padre Coppola ci fa tremare le case, ci entra nelle ossa:
« Peccatori rinunciate a quei peccati della carne
quando il diavolo si mostra rinforzatevi le mutande »
d'un tratto si parcheggia vicino la chiesa un macchinone
scende Saro Branchia detto Re Leone,
padre Coppola balbetta, chiude con tre parole l'omelia
perché sua Maestà si deve fare la comunione!

« Che ha da guardare? non ha altro a cui pensare?
almeno un po' di da fare?
Se ne vada un po' al mare – grida un vecchio malconcio e tosto –
così bianca sembra un fantasma »
Io gli dico « Mi deve scusare,
ma perché deve stare sotto casa mia a insultare? »

Sono sempre alla finestra e vedo la grande civiltà che c'è stata,
dove turchi, ebrei e cristiani si stringevano la mano,
allora si pensava che 'la diversità è ricchezza'
tempi di bellezza e di poesia, d'amore e di saggezza
Quel che è stato ieri oggi forse potrebbe tornare
se troviamo i semi buoni da piantare
in questa terra di fuoco e di mare oggi sento che mi parla il cuore
e dice che le cose stanno per cambiare..

« Che ha da guardare? non ha altro a cui pensare?
almeno un po' di da fare?
Vada a ballare, va' a fare quattro salti ed esca giusto per svagarsi! »
Gli rispondo con piacere: « C'è qualche danza bizzarra che mi vuole consigliare?!? »

(1) "nun si canta missa": non si mangia.
(2) "lliccàrisi 'a sàıdda": fare la fame.

inviata da giorgio - 22/11/2009 - 11:02


Splendida canzone. L'unico appunto che vorrei fare è che questa canzone non è di Carmen Consoli ma di Rosa Balistreri. Riguardo l'autore, in realtà, non saprei esattamente. Ma quella di Carmen Consoli è solo una cover, quindi non trovo corretto farla uscire come una sua canzone. Almeno da morta, diamo a Rosa quello che le spetta. Con questo non voglio screditare la versione di Carmen che è fantastica!

elisa - 21/4/2011 - 10:35


Scusate ma mi sono sbagliata. Quella di Rosa è Vitti na bedda affacciata a' finestra. Scusate ancora!

elisa - 21/4/2011 - 10:43



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org