Lingua   

Lettera di u prigiuneru

Canta u Populu Corsu
Lingua: Corso


Ti può interessare anche...

A Sampiera
(Jean Nicoli)
Chjaruscuru
(Canta u Populu Corsu)
Jalàlàbàd
(Muvrini)


Testo e musica di Ghjan-Paolu Poletti
Dall'album "Libertà" (1974)
libertà
Da u fondu di e prigione induve tù sì,
Dimmi ciò chè tù pensi,
Dimmi ciò chè tù brami...

Vogliu cantà le to muntagne immaculate
Quandu l'alba santa si disceta in mè,
In lu to celu ci cantanu le fate,
È tante voce pure si spannanu cun tè.

Vogliu cantà cum'è un figliolu curagiosu,
In terra nemica oghje incarceratu,
Cun tanta cura u destinu gluriosu.
M'hà purtatu cun fede à l'altare sacrate.

Ricantu :
Dammi la forza per tene alta la to bandera,
È libertà per la to terra cusì fiera.

Vogliu cantà li to oddii, le to passione,
Quandu mughja in mente u ventu nustrale,
Chì ghjunghje è sbatte e porte di e prigione,
È chì l'eterna gloria alza lu so fanale.

Vogliu cantà cun quattru muri per cunfine,
Aspettendu l'ora di la verità,
È anderaghju sempre senza fine,
A pace ritruvata per l'eternità.

Ricantu:
Dammi la forza per tene alta la to bandera,
È libertà per la to terra cusì fiera.

Salute à tè, prigiuneru macchjaghjolu,
Quand'è tù turnerai ùn ci serà più dolu.

inviata da Riccardo Venturi - 5/5/2005 - 08:52



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org