Lingua   

Cantata de Paz

Francisco Fanhais
Lingua: Portoghese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Porque
(Petrus Castrus)
Canção da Cidade Nova
(Francisco Fanhais)
Protesto [Canção de Coimbra]
(Francisco Fanhais)


[1970]
Testo:Sophia de Mello Breyner Andresen
Canta: Francisco Fanhais


Francisco Fanhais: copertina dell'album contenente Cantata de paz.
Francisco Fanhais: copertina dell'album contenente Cantata de paz.




Secondo quanto racconta Joana Lopes sul suo blog ‎‎Entre las brumas de al ‎memoria questa canzone risale con precisione alla fine del 1968 quando alla Messa di fine anno ‎celebrata nella chiesa di S. Domingos a Lisbona il vescovo ricordò nella sua omelìa che quello era il ‎giorno internazionalmente dedicato alla pace nel mondo… Non l’avesse mai fatto! Centinaia di ‎astanti cominciarono a protestare, accusando il prelato e la Chiesa portoghese di essere una manica ‎di ipocriti, conniventi con una feroce dittatura che con la pace del mondo non aveva niente a che ‎fare e che proprio in quelle ore stava massacrando i popoli angolano e mozambicano e mandando al ‎macello gli stessi giovani portoghesi. La celebrazione proseguì malamente disturbata e, al suo ‎termine, la chiesa fu occupata per tutta la notte e i promotori della veglia, ognuno facendo il proprio ‎nome e cognome, espressero dall’altare intenzioni di preghiera per la fine immediata della guerra ‎coloniale portoghese in Africa.



Sofia de Melo Breyner Andresen scrisse questa indignata cantata ‎proprio in quell’occasione.‎

(Dead End)
Vemos, ouvimos e lemos
Não podemos ignorar
Vemos, ouvimos e lemos
Não podemos ignorar

Vemos, ouvimos e lemos
Relatórios da fome
O caminho da injustiça
A linguagem do terror

A bomba de Hiroshima
Vergonha de nós todos
Reduziu a cinzas
A carne das crianças

D'África e Vietname
Sobe a lamentação
Dos povos destruídos
Dos povos destroçados
Nada pode apagar
O concerto dos gritos
O nosso tempo é
Pecado organizado.

inviata da José Colaço Barreiros - 17/11/2004 - 17:43




Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi (2004)
CANTATA DI PACE

Vediamo, sentiamo e leggiamo
non possiamo ignorare
vediamo, sentiamo e leggiamo
non possiamo ignorare

Vediamo, sentiamo e leggiamo
racconti di fame
il cammino dell'ingiustizia
il linguaggio del terrore

La bomba di Hiroshima
vergogna di noi tutti
ha ridotto in cenere
la carne dei bambini

Dall'Africa al Vietnam
sale il lamento
dei popoli distrutti
dei popoli fatti a pezzi
e niente può spegnere
il concerto delle grida.
Il nostro tempo è
peccato organizzato.

18/11/2004 - 00:34




Lingua: Inglese

English Version by Riccardo Venturi (2004)
A SONG FOR PEACE

We observe, read and listen
we can't ignore all this
We observe, read and listen
We can't ignore all this

We observe, read and listen
tales of hunger
the way of injustice
the language of terror

The bomb of Hiroshima
- shame be upon us all -
has turned into ashes
the living flesh of children

From Africa to Vietnam
rises the mournful cry
of all destroyed peoples,
annihilated peoples
and nothing can silence
the concert of cries.
Our time is just like this:
an organized sin.

inviata da Riccardo Venturi - 18/11/2004 - 00:44




Lingua: Francese

Version française de Riccardo Venturi (2004)
CHANSON DE PAIX

Nous voyons, écoutons et lisons
nous ne pouvons ignorer
nous voyons, écoutons et lisons
nous ne pouvons ignorer

Nous voyons, écoutons et lisons
des histoires de faim,
le chemin de l'injustice
le langage de la terreur

La bombe d'Hiroshima
- une honte pour nous tous -
a transformé en ceindre
la chair des enfants

De l'Afrique au Viêt-Nam
monte un cri désespéré
des tous les peuples détruits
des peuples déchirés
et rien ne peut éteindre
le concert de ces cris.
Notre temps n'est qu'un
péché organisé.

inviata da Riccardo Venturi - 18/11/2004 - 00:50



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org