Lingua   

The Massacres of My Lai (Song My) and Truong An, March 1968

Tom Parrott
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

My Rainbow Race
(Pete Seeger)
Bless the Beasts and Children‎
(Carpenters)
Our Children Are Dying
(Tom Parrott)


[1969]
Testo trovato su Broadside Magazine n.103 del 1969
Ignoro se esistano incisioni o registrazioni della canzone.

My Lai, Vietnam, 16 marzo 1968  Donne e bambini pochi istanti prima di essere assassinati dai soldati statunitensi. Foto di Ronald L. Haeberle
My Lai, Vietnam, 16 marzo 1968 Donne e bambini pochi istanti prima di essere assassinati dai soldati statunitensi. Foto di Ronald L. Haeberle
Nel marzo del 1968 i i soldati della Compagnia Charlie della 11a Brigata di Fanteria Leggera dell’esercito USA, al comando degli ufficiali Calley e Medina, rasero al suolo il villaggio di My Lai nel nord Vietnam, trucidando 350 civili inermi.
Il massacro di My Lai, che i vertici militari americani avrebbe voluto insabbiare (e l’allora rampante maggiore Colin Powell lavorò alacremente in questo senso), venne invece denunciato all’opinione pubblica mondiale grazie alle testimonianze di alcuni militari, come l’elicotterista Hugh Thompson, che si erano opposti alla mattanza e grazie all’inchiesta del giornalista indipendente Seymour Hersh.
My Lai, Song My, Son My, Truong An… sono probabilmente nomi per indicare la stessa località e lo stesso massacro…

Ma quanti massacri come quello di My Lai furono invece occultati?

Per esempio, nel 1969, sempre in primavera, una pattuglia americana saltò in aria su di una mina nei pressi del villaggio di Truong Khanh. I commilitoni, per rappresaglia, rastrellarono gli abitanti del villaggio e ne trucidarono una settantina. Ma in quell’occasione nessuno si oppose al crimine, non ci furono inchieste indiscrete, e gli assassini ebbero alcuni giorni di tempo per fare “pulizia”: i corpi delle vittime furono accatastati e, con tutta calma, bruciati.

D’altra parte, per tutto il 1968 e il 1969, gli invasori americani, coadiuvati da contingenti di truppe mercenarie sud-coreane, portarono avanti operazioni militari “search & destroy” nel delta del fiume Mekong che avevano come solo scopo di “togliere l’acqua al pesce”, cioè di distruggere i villaggi (e massacrare i civili) per cercare di indebolire la guerriglia. Al termine della cosiddetta Operation Speedy Express (dic. 1968 – maggio 1969) – per citarne una delle tante - i comandi americani affermarono che i guerriglieri uccisi ammontavano ad oltre 10.000, ma le perdite americane erano solo qualche decina e le armi catturate al nemico erano solo qualche centinaio… Era chiaro che buona parte di quelle migliaia di “vietcong” uccisi erano in realtà civili inermi! E un’inchiesta del Newsweek lo dimostrò qualche anno più tardi.
(fonte: en wikipedia)


Sul massacro di My Lai si vedano anche Everybody's Got A Right To Live di Pete Seeger e Pinkville Helicopter dello stesso Tom Parrott
We went out of mission, we were told “search and destroy”,
Hunting for Vietcong, a task we don’t enjoy,
For Charlie has a lot to lose and always has a gun,
But orders come down from the brass for everything we done.

Late in the day we came upon a village made of straw;
Our officers has told us they were VC one and all
But we didn’t hear no shooting, though we fired off our guns,
So we moved into the village like the Big Brass would have done.

Well, we never saw young men, we supposed that they were hid,
So we rounded up the old folks, all the women, al the kids,
And we laughed as they were begging us, we were really having fun,
And orders come down from the brass for everything we done.

We slaughtered all the old folks, all the women, al the kids,
And then we burned their house down, and we’re proud of what we did,
For we did it for America, for our wives and folks and sons,
And orders come down from the brass for everything we done.

The battle was a safe one, and none of our boys died
For none of them had arms at all, though many of them cried,
But tears are weapons of the heart, and most of us had none,
And orders come down from the brass for everything we done.

This story that I’ve told you really happened, you can bet,
It was in the village of My Lai or Truong An, I forget,
For we liberated both those towns with our freedom loving guns,
In the name of God and Country, for our wives and folks and sons,
And orders come down from the brass for everything we done.

inviata da Alessandro - 8/6/2009 - 09:21


Le scuse del boia del Vietnam: "Fu un massacro, perdonatemi"
di Vittorio Zucconi
La Repubblica Online, 23 agosto 2009

William Calley oggi.
William Calley oggi.
Il tenentino che perse la guerra in Vietnam ha aspettato quarantun anni per chiedere scusa, forse un po' troppo tempo, ma finalmente anche per lui il sollievo della confessione è arrivato. Compiuti i 66 anni, l'età dei bilanci e dei fantasmi, William Calley, il tenente di fanteria che guidò la Compagnia "C" al massacro di un intero villaggio vietnamita per aumentare il "body count", il bottino dei morti come pretendevano i generali, ha chiesto scusa. Ha confessato di non poter più vivere con il ricordo dell'orrore, di quelle donne violentate e mitragliate, di quei bambini trapassati alla baionetta, dei vecchi consumati dai lanciafiamme abbracciati ai piccoli che cercavano di proteggere e di sperare, nel pubblico pentimento, qualche sollievo dagli spettri che lo assediano, dal 16 marzo del 1968.

Nessuno, non i generali a quattro stelle, non i presidenti e neppure gli strateghi nemici come il generale Giap, fece quello che il tenente William Laws Calley fece a 25 anni per mobilitare il disgusto nazionale per quella che, dopo di lui, sarebbe per sempre diventata "una sporca guerra". Fu colui che scosse l'America dalla certezza della propria eccezionalità e della propria innocenza e la mise di fronte alla realtà atroce di quella presunta missione civilizzatrice.

Calley ebbe la sfortuna di avere un commilitone che sentì prima di lui il bisogno di parlare, di cercare un giornalista coraggioso, Seymour Hersh, disposto a fare quello che né i comandi, né il Parlamento americano, avevano osato fare: raccontare quello che era accaduto nel villaggio di My Lai, un nome che suona beffardamente in inglese come "la mia menzogna", in quel marzo del 1968.

Quando Calley, ufficialetto di complemento prodotto in fretta e furia dopo appena 16 settimane di corso, fu inviato a My Lai, erano passate poche settimane dall'offensiva del capodanno buddista, il Tet. La macchina militare americana, all'apice dei 500 mila soldati, aveva sofferto non una sconfitta, ma un'umiliazione, e il mito della invincibilità, della "luce alla fine del tunnel" si era frantumato in patria, proprio mentre esplodeva il '68. Calley, e i suoi soldati, non cercavano vittorie, cercavano vendetta per i compagni uccisi, sfogo per la loro esasperazione, e corpi da contare, per concludere la missione e tornare in fretta al mondo, a casa. Si chiamavano operazioni "cerca e distruggi", e la Compagnia C dell'Undicesima Brigata di fanteria leggera sbarcò dai proprio elicotteri per distruggere.

Non fu mai stabilito quanti esseri umani furono uccisi, perché nella giungla tropicale i corpi si decompongono in fretta e nelle capanne incendiate non arrivò nessuna polizia scientifica a frugare nei resti. Forse 70, come sentenziò la Corte Marziale, 300, come disse qualche testimone, 500 secondo il piccolo museo memoriale costruito nel villaggi.

Ma nessuno di loro, neppure a guerra finita, risultò essere un guerrigliero, un "quadro" vietcong, un agente del Nord comunista. Per tre ore, lui - Calley detto "Rusty", il rugginoso per le efelidi infantili, un ragazzo qualsiasi che si era arruolato soltanto perché la sua auto si era guastata davanti al centro di reclutamento e, disperato, senza soldi, studi e futuro, era entrato - i suoi soldati, anche loro giovanotti qualsiasi pescati nella lotteria della leva militare, divennero quello che la guerra produce sempre, secondo l'ammonimento del grande generale nordista e distruttore di Atlanta, William Tecumseh Sherman: demoni.

Furono necessari due anni, lo scoop del giornalista Seymour Hersh che lacerò il sudario di silenzio costruito dal governo attorno a My Lai, perché il processo fosse celebrato, con una sentenza che incendiò l'America. I pacifisti furono sconvolti dalla condanna all'ergastolo del solo Calley, e dalla assoluzione del superiore diretto che lo aveva inviato in missione, il capitano Medina, quando emersero immagini di bambini ripescati dalle fosse con una "C" incisa nel petto dalle baionette. I buoni patrioti furono altrettanto sconvolti da una condanna così pesante per "crimini di guerra" contro un soldato colpevole, secondo loro, soltanto di avere - antica storia - obbedito agli ordini. Si sollevarono per lui governatori nel Sud, tra i quali anche un futuro presidente, Jimmy Carter. E Nixon commutò la pena dall'ergastolo a soli due anni di arresti domiciliari, nel 1974, quando ormai la guerra era finita.

Finita per gli altri, ma non per il tenente figlio di un rigattiere della Florida, divenuto criminale di guerra. Quando tornò a piede libero, lavoricchiò come commesso nel negozio del suocero, poi come venditore di polizze. Sempre con il sabba di quei cadaveri che neppure lui sapeva quanti fossero, perché la conta dei cadaveri vietnamiti era notoriamente fasulla e gonfiata, fino alla sera di giovedì scorso, quando si è alzato a parlare a una cena del club dei Kiwanis per chiedere, 41 anni dopo, "perdono" e ammettere tutto. "Io lo perdono anche - ha detto alla Associated Press il vecchietto che fa da guardiano al museo del massacro in Vietnam ed ebbe una sorella nella fossa - ma deve venire qui, a My Lai, e chiederlo a noi".

CCG/AWS Staff - 23/8/2009 - 12:33


"I confess, without shame, that I am sick and tired of fighting — its glory is all moonshine; even success the most brilliant is over dead and mangled bodies, with the anguish and lamentations of distant families, appealing to me for sons, husbands, and fathers ... it is only those who have never heard a shot, never heard the shriek and groans of the wounded and lacerated ... that cry aloud for more blood, more vengeance, more desolation...."

"Confesso, senza vergogna, che non ce la faccio più a combattere - tutta 'sta gloria è una sciocchezza; anche la vittoria più brillante è ottenuta al prezzo di morti e corpi maciullati, con il tormento ed il dolore di parenti lontani che mi chiedono della sorte dei loro figli, dei loro mariti, dei loro padri... Sono soltanto quelli che non hanno mai sentito uno sparo, che non hanno mai sentito le urla e i gemiti dei feriti e degli straziati, a chiedere urlando ancora sangue, ancora vendetta, ancora desolazione..."

Gen. William Tecumseh Sherman, 1865.

Alessandro - 8/10/2009 - 01:08



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org