Lingua   

Trugarekadenn

Gilles Servat
Lingua: Bretone

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Gwerz Victor C'hara
(Gilles Servat)
Crachat
(Gilles Servat)
E parrez Langonned
(Alan Stivell)


[1973]
Paroles: Yann Ber Piriou
Musique: Gilles Servat
Testo di Yann Ber Piriou
Musica di Gilles Servat
Album: Ki du
 Ki du

La canzone può essere ascoltata integralmente, ma non scaricata, dal "radio-blog" Skingomz ar frankiz ("Radio Libertà"). L'autore del testo, Yann-Ber Piriou (nato nel 1937 a Lannion), è un importante studioso della lingua bretone (si ricorda tra l'altro Usage spontané et usage littéraire du breton, Les Temps Modernes, 1973) nonché, soprattutto, autore della maggiore antologia bilingue della poesia militante bretone tra il 1950 e il 1970, un testo ancora adesso di riferimento: Défense de cracher par terre et de parler breton, anthologie bilingue de la poésie militante de 1950 à 1970. Attualmente è docente di lingua e letteratura bretone e celtica all'Università di Rennes II, e membro dell'Union Démocratique Bretonne / Unvaniezh Demokratel Breizh (UDB), formazione autonomista di sinistra tra le più importanti in territorio francese (e la sola a far parte di un esecutivo regionale). Due sue poesie sono state musicate anche da Alan Stivell nell'album E Langonned; tra di esse, Planedenn.
Mariannig anat eo deut din
Hon eus isprizet a bell 'zo
Ar pezh a peus skuilhet a ijin
Evit diloja tud hor bro
'Vit ar pemp kantved m'hon eus ranket
Mirout hor garm ennomp didrouz
Hag hor yezh a zo bet damvouget
Trugarez bras Marianna dous

Mil bennozh dit evit ar Frankiz
Da garantez evit mab-den
Ar vietnamiz hag ar algeriz
A oar mat da betra e tenn
Da fliked ha parachutisted
An oll re o deus bet ar chañs
Reudet ha yen ha medallenet
Da venel kousket 'vit ar Frañs

Mil bennozh c'hroaz evit da gomzoù
O deus hon doganet ervat
Da win a domm hor gwazhiennoù
Tra ma tiverr goustad hor gwad
'Vit hor moc'h ha da beilhuskennoù
Evit hor pemp departamant
Ar Mirajed e Landivizio
Ha plumachennoù Koetkidan

Evit da vevelien tokarnet
'N arigrap war hon domani
Orjal dreinek ha kouerien barnet
Da vordeloù hag hor gisti
Trugarez evit kof da vourc'hiz
Bouzellen voan hol labourer
Na dous bevañ e bro ar justiz
Pa ren an urzh e Sant Nazer!

inviata da CCG/AWS Staff - 23/4/2009 - 05:44




Lingua: Francese

Version française tirée de cette page
Versione francese da questa pagina
ACTION DE GRÂCE

Petite Marianne il m'est apparu
Qu'on a méconnu trop longtemps
Tout ce qu'il t'a fallu de génie
Pour déloger les gens de notre pays
Pour les cinq siècles où nous avons dû
Taire notre cri et rester silencieux
Et notre langue presque étouffée
Grand merci, douce Marianne

Mille bénédictions sur toi pour la Liberté
Ton amour pour l'homme
Les Vietnamiens et les Algeriens
On sait bien de quoi il s'agit
Tes flics et tes parachutistes
Tous ceux qui ont eu la chance
Rigides et froids et décorés
De rester couchés pour la France

Mille grâces encore pour tes paroles
Qui nous ont cocufiés si bien
Ton vin qui réchauffe nos veines
Quand coule goutte à goutte notre sang
Pour nos cochons et tes épluchures
Pour nos cinq departements
Les Mirages à Landivisiau
Et les plumets de Cœtquidan

Pour tes valets casqués
La mise à sac sur notre domaine
Fer barbelé et paysans condamnés
Tes bordels et nos putains
Merci pour la bedaine de tes bourgeois
Les tripes vides de nos travailleurs
Qu'il est doux de vivre au pays de la justice
Quand règne l'ordre à Saint-Nazaire!

inviata da CCG/AWS Staff - 23/4/2009 - 05:54




Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
28 aprile 2009
(Dalla versione francese)
RINGRAZIAMENTO

Mariannuccia, mi è sembrato
che troppo a lungo s'è disprezzato
tutto il genio che ti ci è voluto
per cacciar via la nostra gente,
per i cinque secoli che abbiam dovuto
soffocare le grida e starcene zitti
con la nostra lingua quasi strangolata
proprio un bel grazie, Mariannuccia

Benedetta mille volte per la Libertà
e per il tuo amore per l'Uomo,
i vietnamiti e gli algerini
sanno bene di che si tratta.
Per i tuoi sbirri, per i tuoi parà,
per tutti quelli che hanno avuto la fortuna,
stecchiti, freddi e decorati
di restare a dormire per la Francia

Mille grazie ancora per le tue parole
che ci hanno infinocchiati a perfezione,
per il tuo vino che ci scalda le vene
quando goccia a goccia cola il nostro sangue.
Per i nostri maiali e le tue bucce,
per i nostri cinque dipartimenti,
per i Mirages a Landivisiau
per i pennacchi di Coëtquidan

Per i tuoi lacché coi caschi,
per il saccheggio del nostro territorio,
ferro filo spinato e contadini in galera
per i tuoi bordelli e le nostre puttane,
grazie per la pancia piena dei tuoi borghesi
e per le pance vuote dei nostri lavoratori.
Com'è bello vivere nel paese della giustizia
quando l'ordine regna a Saint-Nazaire!

28/4/2009 - 20:14



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org