Lingua   

Jueves

La Oreja de Van Gogh
Lingua: Spagnolo


Ti può interessare anche...

Trenes para el cielo
(José Francisco Córdoba (El Chivi))
Coronel
(La Oreja de Van Gogh)


A detta degli autori, “Jueves es una historia de amor sobre la que nunca hubiéramos querido escribir“, “Jueves è una storia d’amore sulla quale mai avremmo voluto scrivere”: la canzone è infatti dedicata alle vittime degli attentati di Madrid dell’11 marzo 2004.

Personalmente, non riesco ad ascoltare tutta la canzone senza che mi venga un nodo alla gola. Lo so, è robetta in confronto alla portata dei fatti tragici accaduti, ma è bella perché ci ricorda che quel giorno a Madrid, magari proprio ad Atocha, poteva esserci chiunque, ognuno con la propria vita… Vite quotidiane, vite piccole, vite senza luci della ribalta improvvisamente interrotte…

(Alberto)



la poesia di Bécquer citata nel testo
Si fuera más guapa
y un poco más lista,
si fuera especial,
si fuera de revista,
tendría el valor
de cruzar el vagón
y preguntarte quién eres.

Te sientas enfrente
y ni te imaginas
que llevo por ti
mi falda mas bonita,
y al verte lanzar
un bostezo al cristal
se inundan mis pupilas.

De pronto me miras,
te miro y suspiras,
yo cierro los ojos
tu apartas la vista,
apenas respiero
me hago pequeñita
y me pongo a temblar.

Y asi pasan los dias
de lunes a viernes,
como las golondrinas
del poema de Bécquer,
de estaciona estacion,
de frente tu y yo
va y viene el silencio.

De pronto me miras,
te miro y suspiras,
yo cierro los ojos
tu apartas la vista,
apenas respiero
me hago pequeñita
y me pongo a temblar.

Y entonces ocurre,
despiertan mis labios,
pronuncian tu nombre
tartamudeando,
supongo que piensas
que chica mas tonta,
y me quiero morir.

Pero el tiempo se para,
te acercas diciendo,
yo aun no te conozco
y ya te echaba de menos,
cada mañana rechazo el directo
y elijo este tren.

Y ya estamos llegando,
mi vida ha cambiado,
un dia especial
este 11 de marzo,
me tomas la mano,
llegamos a un tunel
que apaga la luz.

Te encuentro la cara
gracias a mis manos,
me vuelvo valiente
y te beso en los labios,
dices que me quieres
y yo te regalo
el ultimo soplo de mi corazón.

4/4/2009 - 00:13



Lingua: Italiano

Versione italiana di Alberto
GIOVEDÌ

Se fossi più bella,
e un poco più furba,
se fossi speciale,
se fossi da rivista,
avrei il coraggio
di attraversare il vagone
e chiederti chi sei.

Ti siedi di fronte
e neanche immagini
che porto per te
la mia gonna più bella
e vedendoti lanciare
uno sbadiglio al vetro
si inondano le mie pupille.

E all’improvviso mi guardi,
ti guardo e sospiri,
Io chiudo gli occhi,
tu distogli la vista,
Appena respiro,
mi faccio piccolina
e mi metto a tremare.

E così passano i giorni,
dal lunedì al venerdì,
come le rondini
della poesia di Bécquer
e di stazione in stazione
di fronte io e te
va e viene il silenzio.

E all’improvviso mi guardi,
ti guardo e sospiri,
Io chiudo gli occhi,
tu distogli la vista,
Appena respiro,
mi faccio piccolina
e mi metto a tremare.

E allora succede:
si svegliano le mie labbra,
pronunciano il tuo nome
balbettando,
Suppongo che pensi
che ragazza stupida
e vorrei sprofondare.

Ma il tempo si ferma
e ti avvicini dicendo:
Io non ti conosco ancora
e già mi mancavi
ogni mattina rifiuto il diretto
e scelgo questo treno.

E stiamo già arrivando,
la mia vita è cambiata
è un giorno speciale
questo 11 marzo
Mi prendi la mano,
arriviamo ad un tunnel
che spegne la luce.

Ti trovo la faccia
grazie alle mie mani,
Mi faccio coraggiosa
e ti bacio sulle labbra
Dici che mi ami
e io ti regalo
l’ultimo soffio del mio cuore.

4/4/2009 - 00:18



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org