Lingua   

Un pensiero

Flavio Oreglio e Luf
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

La fiera delle fole
(Flavio Oreglio e Luf)
Basta
(Flavio Oreglio e Luf)
Muro
(Flavio Oreglio e Luf)


2008
Giù Non è stato facile cadere così in basso
giu-oreglio

Testo e musica di Flavio Oreglio e Dario Canossi
Piccolo sentiero che ti porta via lontano
Salto nell’ignoto
il gioco astuto di un gitano
Il pensiero si traveste e fa un inchino se ne va
Sembra il trasformista di uno show di varietà
Il pensiero agita i cuori, a volte agita i bastoni
Spinge all’ammutinamento
Crea le sue rivoluzioni
È violento coi violenti
Oppure timido giocoso
Il pensiero è senso critico, il seme più pericoloso

Perchè il pensiero è un mitra che difende il tuo domani
tiene sveglia la tua mente, la protegge con le mani
è la voce del silenzio, è il buio della luce
è il freddo del camino, è l'innocente sulla croce

Il pensiero certe volte si diverte ad aspettare
Sa capire quando sbaglia
Quando correre o frenare
Il pensiero è ancora libero quando sogna o fugge via
Rapito dall’istinto che chiamiamo fantasia

Perchè il pensiero è un mitra che difende il tuo domani
tiene sveglia la tua mente, la protegge con le mani
è la voce del silenzio, è il buio della luce
è il freddo del camino, è l'innocente sulla croce

Il pensiero è stufo della guerra e del dolore
Vuole prendere a pedate chi distrugge per amore
Il pensiero sono io che mi perdo nella via
Il pensiero è dappertutto, il pensiero è casa mia

inviata da DonQuijote82 - 28/3/2009 - 10:23



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org