Lingua   

Morecambe Bay

Stefano Giaccone
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

On Morecambe Bay
(Kevin Littlewood)
Piccola canzone per Victor Jara
(Stefano Giaccone)
Prete, croce, sedia e morte
(Franti)


[2006]
Album "Tras Os Montes"

Stefano Giaccone ha vissuto diversi anni a Londra e Cardiff... forse è anche per questo, ma soprattutto per la sua profonda sensibilità, che Stefano Giaccone è l'unico - se qualcuno non mi smentisce - artista italiano ad aver scritto una canzone sulla strage di Morecombe Bay...

Si veda anche al proposito, tra le CCG/AWS, il brano "Shoes" di Ron Trueman-Border.
La notte del 9 febbraio 2004, ventuno immigrati clandestini di origine cinese muoiono affogati al largo di Morecambe Bay, Gran Bretagna, mentre raccolgono frutti di mare per i ristoranti di lusso sullla costa. Guadagnano una sterlina a notte. I loro nomi restano sconosciuti. Nessuno reclama i corpi.

La vita di un uomo, la vita di una donna è leggera
la trovi in silenzio
la trovi annegata
nel più svenduto dei giorni
e va a picco come sasso gettato, come miseria

Di notte a febbraio
al largo di una costa mai vista
non è facile scappare
non è facile rinunciare
sei solo, con altri cento, solo quel nome
e quell'odore di treno che nessuno conosce

Cinque notti e cinque sterline
un altro è già in fila che aspetta
sull'auto dei capibastone, Morecambe Bay
in questo posto che affonda nella marea
senza darci speranza, senza darci un segnale

Venti corpi ci avanzano stanotte
venti sacchi senza destinatario
il mittente è a casa di Dio
la partita va in onda in perfetto orario
nel più svenduto dei giorni
e va a picco come sasso, come miseria

inviata da Alessandro - 25/11/2008 - 19:26



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org