Lingua   

L'Ultimo Partigiano

Risonanze Folk
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Il mio paese è l'Italia
(Salvatore Quasimodo)
Imolesina
(anonimo)
Festa d'aprile
(Franco Antonicelli)


2008
Per il sonno, per l'ipnosi o per il vino
Per il sonno, per l'ipnosi o per il vino

L'Ultimo Partigiano è un pezzo per ricordare la Resistenza, la lotta gli i partigiani hanno fatto contro il nazifascismo. Perchè quei valori siano vivi anche oggi, perchè quegli ideali continuino ad esistere nella società contemporanea. Per ricordare e non dimenticare... Una ballata folk-rock con assolo di chitarra alla fine.
Corre sulle aspre montagne,
testimone di dure battaglie,
col fucile sulle spalle,
e una foto sbiadita sul cuore.
L’ultimo partigiano,
è venuto a portare conforto
ad un popolo ormai distrutto
dalla guerra, dal nemico nazista.

Ed eccolo con gli stivali,
con la sciarpa a nascondergli il volto,
con la gamba ferita, il vestito strappato
ma con gli occhi sereni e raggianti.

Cari amici abbiamo vinto la guerra,
l’invasore è stato cacciato,
l’uomo nero e i suoi seguaci,
sono ormai un ricordo lontano.
Ho lottato per darvi un futuro
Senza gerarchi e senza fascisti,
ho lottato affinché, poi poteste rifondare l’Italia.

Si accasciò poi al suolo abbozzando un sorriso
Stremato e vicino alla fine.
Lei lo vide e di colpo gli si avvicinò
Pianse e poi gli parlò.
Lui narrava le storie,
le ferite in battaglia,
la vittoria e il suo primo amore.
Per l’Italia io muoio affinché voi possiate,
rifondarla, resistere e cantare.

inviata da adriana - 14/11/2008 - 08:16



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org