Lingua   

Il sogno di volare

Andrea Buffa
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

La merda
(Anton Virgilio Savona)
Starvation Blues
(Big Bill Broonzy)


Testo e musica di Andrea Buffa
Lyrics and music by Andrea Buffa
Paroles et musique d'Andrea Buffa


Il testo corretto della canzone ci è stato fornito da Andrea Buffa in persona, che ovviamente ringraziamo. [CCG/AWS Staff]

Ci parli de Il sogno di volare, la canzone che dà il titolo anche al disco?

E’ una canzone che ha avuto una genesi piuttosto lunga. Dentro di me ribolliva la questione delle morti sul lavoro: una ingiustificabile tragedia che macchia il nostro paese. Mentre, da cittadino, riflettevo su questa cosa, forse per guardarla un po’ da fuori, ho iniziato a scrivere. La canzone si è composta una frase per volta, risultato di tanti pensieri e tante domande e, mentre scrivevo, si è arricchita di un tema drammaticamente contiguo: quello dell’immigrazione.
Vediamo se riesco a spiegarmi: non volevo scrivere una canzone sull’immigrazione e sugli incidenti sul lavoro, avevo bisogno di esprimere come mi facevano sentire queste cose. Per farlo ho scritto una canzone, che è una storia, che ha anche una piccola radice di esperienza vissuta personalmente.
È una canzone piuttosto centrale nel nostro repertorio, anche perché tocca questioni centrali nel nostro percorso di esseri umani, ed è diventata una delle storie principali del nostro spettacolo teatrale: “Come Api”.

Intervista in "Storie di libri"
Da giovane avevo un sogno
Volare come un uccello
Ma adesso che schiaccio l’aria
Col mio peso non mi pare bello
Io volo come un mattone
Come un sasso, una chiave inglese
Volare senza le ali
È un problema, mi sembra palese
È un problema, mi sembra palese

E questa mattina alle sei
Con il buio ed un vento gelato
Sfrecciavo con il mio ciao
Sembravo un ghiacciolo impazzito
Non volevo far tardi
Col capo che rompe i maroni
Ci paga tre Euro e settanta
All’ora se stiamo buoni
All'ora se stiamo buoni

Cosi Fatima e Mohamed Roberto
Stamane non ho salutato
Ieri sera ero davvero stanco
Però un poco abbiamo giocato
Poi li ho guardati dormire
per un ora coprendo la luce
han sorriso per tutto il tempo
questa vita ancora gli piace
questa vita ancora gli piace

E volo che volo lento
dal sesto giù al primo piano
ho paura che mai più potrò
dire a mia moglie quanto la amo
quanto mi piace quando i capelli
raccoglie assieme sopra la nuca
che io il canto dell’universo
Lo sento quando la vedo svestita

E c’è qualcosa che non mi torna
nel poco tempo che mi rimane
che fine ha fatto quel bel ragazzo
che una mattina ha preso il mare
sopra una zattera assieme ad altri cento
per non morire di guerra o di fame
dentro una bara semi-affondata
sicuro soltanto di non tornare

Perché diciamoci onestamente
crepare a trent’anni è proprio un peccato
perché a quel punto almeno a quaranta
nel mio parse sarei arrivato
e questo senza prendere il mare
veder mio fratello morire annegato
e dopo poi venire rinchiuso
senza aver mai commesso un reato
e dopo la fuga finire schiavo
tra i pomodori dal sole bruciato

E così adesso il sole si spegne
sopra il cantiere ed il cielo tutto
sono incazzato ed ho molta paura
ma dire male mi pare brutto
voglio che l’ultimo dei miei respiri
si stringa attorno a ciò che ho di più bello
il viso di Laura il riso dei bimbi.

inviata da CCG/AWS Staff - 3/11/2008 - 14:22



Lingua: Francese

Version française – Marco Valdo M.I. – 2008
LE RÊVE: VOLER

Jeune, j'avais un rêve :
Voler comme un oiseau
Mais à présent que je fends l'air
de mon poids, il ne me paraît plus aussi beau.
Je vole comme une brique,
Comme un caillou, comme une clé anglaise.
Voler sans ailes
Il y a un problème, me semble-t-il
C'est un problème, me semble-t-il

Et ce matin à six heures
Dans le clair-obscur et le vent glacé
Je fonçais avec mon chien
Je semblais un glaçon affolé
je ne voulais pas être en retard
Avec mon chef qui casse les couilles
On est payé trois Euros septante
À l'heure, si on se tient bien
À l'heure, si on se tient bien

Ainsi Fatima et Mohamed Roberto
ce matin, n'ont pas salué.
Hier soir, j'étais vraiment fatigué
Peut-être avons-nous un peu joué,
Puis je les ai regardés dormir
pendant une heure en couvrant la lumière
Ils ont souri tout le temps.
Cette vie leur plaît encore
Cette vie leur plaît encore.

Et je vole et je vole lentement
du sixième au premier étage
J'ai peur que ne puisse plus jamais
Dire à ma femme combien je l'aime
Combien cela me plaît quand elle rassemble
ses cheveux sur sa nuque,
Que moi, j'entends le chant de l'univers
quand je la vois dévêtue.

Et il y a quelque chose qui ne me revient pas
dans le peu de temps qui me reste
ce qu'a finalement fait ce beau gars
qui un matin a pris la mer
sur une barque avec cent autres
pour ne pas mourir de guerre ou de faim
dans un cercueil à demi-submergé
sûr seulement de ne jamais retourner.

Car disons-le honnêtement
Crever à trente ans est un vrai péché
Car je serai arrivé à ce point
au moins à quarante, dans mon pays,
et sans prendre la mer,
voir mon frère mourir noyé
et puis, être enfermé
sans avoir jamais commis un délit
et après la fuite, finir esclave
au milieu des tomates, brûlé par le soleil.

Et ainsi, maintenant, le soleil s'éteint
sur le chantier et tout le ciel,
je suis furieux et j'ai très peur
mais maudire me semble mauvais.
Je veux que mon dernier souffle
se resserre autour de ce que j'ai de plus beau
le visage de Laura, le sourire des enfants.

inviata da Marco valdo M.I. - 5/11/2008 - 16:21


Mi sono innamorata di questa canzone dal primo momento in cui Andrea ce l'ha cantata. Sono molto contenta di poter collaborare con un artista di tale sensibilità..si spendono tante parole durante la giornata. Per molti problemi paure incomprensioni,mi ritrovo a pensare spesos che basterebbe una musica. e la capacità di concederle tre minuti del nostro tempo.

Sonia - 5/11/2008 - 23:13


abbiamo "aperto" da poco una piccola vetrina nel mondo di Last fm, oltre che sul myspace quindi, i pezzi saranno via via scaricabili (e aggiungibili in playlist) anche qui!

Il sogno di volare
ombre della città

sonia cenceschi - 5/11/2008 - 23:17


esce oggi il libro di Carlo Lucarelli ispirato da questa canzone , della quale porta anche il titolo. per info Il sogno di volare di Carlo Lucarelli: la copertina e il video racconto del nuovo libro

sonia cenceschi - 11/6/2013 - 19:33



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org