Lingua   

Apesar de você

Chico Buarque de Hollanda
Lingua: Portoghese

Lista delle versioni e commenti

Guarda il video


Apesar de vocè - Chico Buarque - Guido Rita


Altri video...


Ti può interessare anche...

Levantados do chão
(Chico Buarque de Hollanda)
Vampiro S. A.‎
(Língua de Trapo)
Cala a boca, Bárbara
(Chico Buarque de Hollanda)


[1970]
Album: Apesar de você

apesa


Samba dedicata al dittatore di turno, rimase a lungo intrappolata nelle maglie della censura.
A dire il vero, sulle prime, la censura l’aveva approvata ed il brano era stato pubblicato, vendendo in pochi giorni 100.000 copie. Poi qualcuno doveva aver fatto notare agli stolti militari che “Domani sarà un altro giorno, nonostante Lei” si reiferiva proprio al generale Emílio Garrastazu Médici, presidente del regime... Immediatamente gli sbirri invasero la filiale della Philips, sequestrando e distruggendo tutte le copie del disco. Per fortuna, i cretini si dimenticarono di distruggere il master originale!
(fonte: A musica e a censura da ditadura militar). (Bernart)
Hoje você é quem manda
Falou, tá falado
Não tem discussão

A minha gente hoje anda
Falando de lado
E olhando pro chão, viu

Você que inventou esse estado
E inventou de inventar
Toda a escuridão

Você que inventou o pecado
Esqueceu-se de inventar
O perdão

Apesar de você
Amanhã há de ser
Outro dia

Eu pergunto a você
Onde vai se esconder
Da enorme euforia

Como vai proibir
Quando o galo insistir
Em cantar

Água nova brotando
E a gente se amando
Sem parar

Quando chegar o momento
Esse meu sofrimento
Vou cobrar com juros, juro

Todo esse amor reprimido
Esse grito contido
Este samba no escuro

Você que inventou a tristeza
Ora, tenha a fineza
De desinventar

Você vai pagar e é dobrado
Cada lágrima rolada
Nesse meu penar

Apesar de você
Amanhã há de ser
Outro dia

Inda pago pra ver
O jardim florescer
Qual você não queria

Você vai se amargar
Vendo o dia raiar
Sem lhe pedir licença

E eu vou morrer de rir
Que esse dia há de vir
Antes do que você pensa

Apesar de você
Amanhã há de ser
Outro dia

Você vai ter que ver
A manhã renascer
E esbanjar poesia

Como vai se explicar
Vendo o céu clarear
De repente, impunemente

Como vai abafar
Nosso coro a cantar
Na sua frente

Apesar de você
Amanhã há de ser
Outro dia

Você vai se dar mal
Etc. e tal

inviata da Marcia - 25/10/2008 - 00:31




Lingua: Spagnolo

Versione castigliana di Daniel Viglietti.
Versión castellana de Daniel Viglietti.
A PESAR DE USTED

Hoy es usted el que manda,
lo dijo, está dicho,
es sin discusión, ¿no?

Toda mi gente hoy anda
hablando bajito
mirando en el rincón, ¿vio?

Usted que inventó ese estado
e inventó el inventar
toda la oscuridad.

Usted que inventó el pecado
olvidose de inventar
el perdón.

A pesar de usted
mañana ha de ser
otro día.

Yo quisiera saber
dónde se va a esconder
de esa enorme alegría.

Cómo le va prohibir
a ese gallo insistir
en cantar.

Agua nueva brotando
y la gente amándose
sin parar.

Cuando llegue ese momento
todo el sufrimiento
cobraré seguro, juro.

Todo ese amor reprimido,
ese grito mordido,
este samba en lo oscuro.

Usted que inventó la tristeza
tenga hoy la fineza
de desinventar.

Usted va a pagar
y bien pagada
cada lágrima brotada
desde mi penar.

A pesar de usted
mañana ha de ser
otro día.

Daría tanto por ver
el jardín florecer
como usted no quería.

Cuánto se va a amargar
viendo al día rayar
sin pedirle licencia.

Cómo voy a reír
que el día ha de venir
antes de lo que usted piensa.

A pesar de usted
mañana ha de ser
otro día.

Tendrá entonces que ver
al día renacer
derramando poesía.

Cómo se va a explicar
ver al cielo clarear
de repente, impunemente.

Cómo va a silenciar
nuestro coro al cantarle
bien de frente.

A pesar de usted
mañana ha de ser
otro día.

Usted se va a sentir mal
etcétera, etcétera

inviata da Marcia - 25/10/2008 - 02:49




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
1° aprile 2013

apesarde
TUO MALGRADO

Oggi sei tu che comanda:
la tua parola è un ordine,
non c'è discussione

La mia gente, oggi, parla
guardando da una parte
e con gli occhi bassi, hai visto

Tu che hai inventato questo stato
e hai inventato inventare
tutto questo buio

Tu che hai inventato il peccato
hai scordato di inventare
il perdono

Tuo malgrado
domani sarà
un altro giorno

Ti domando
dove ti nasconderai
dalla smisurata allegria

E come vieterai
al gallo d'insistere
a cantare

All'acqua nuova di sgorgare,
alla gente di amarsi
senza smettere

Quando arriverà il momento
tutta questa mia pena
me la pagherai con gli interessi, lo giuro

Tutto questo amore represso,
questo grido trattenuto
questo samba al buio

Tu che hai inventato la tristezza
ora usa la gentilezza
di disinventarla

Pagherai a prezzo doppio
ogni lacrima versata
in questo mio penare

Tuo malgrado
domani sarà
un altro giorno

Pagherei per vedere
fiorire il giardino
che tu non volevi

Ti farai il sangue amaro
nel vedere il giorno risplendere
senza averti chiesto il permesso

E morirò dalle risate,
ché questo giorno arriverà
prima di quel che pensi.

Tuo malgrado
domani sarà
un altro giorno

E allora vedrai
rinascere il mattino
spargendo poesia

E come si spiegherà
vedere il cielo aprirsi
all'improvviso, impunemente

E come zittirai
noi che ti cantiamo in coro
proprio davanti

Tuo malgrado
domani sarà
un altro giorno

E tu starai male
eccetera, eccetera.

1/4/2013 - 10:49


Due piccole indicazioni testuali che potrebbero servire anche in futuro:

1) La consuetudine di scrivere tutte le parole con l'iniziale maiuscola nei titoli vale soltanto per la lingua inglese (in tedesco si scrivono con la maiuscola, obbligatoriamente, tutti i sostantivi; ma è una cosa generale che non vale solo per i titoli). In tutte le altre lingue, la maiuscola è riservata alla prima parola (e ai nomi propri).

2) La "c cedigliata" (ç) fa parte un po' dell'immaginario collettivo quando c'è di mezzo il portoghese: anche De André scrisse "Prinçesa". Ma è un errore di ortografia: davanti a "e", "i" non c'è assolutamente bisogno della cediglia (si scrive "princesa", "você" (non *voçê). La "ç" si usa solo quando il suono di "s" è presente davanti a "a", "o", "u"; "moça" (ragazzina), "paço" (palazzo), "Iguaçú" eccetera.

Riccardo Venturi - 1/4/2013 - 10:23


Grazie, non conoscevo questa canzone e l'importanza che ha avuto per i brasiliani. Grazie della traduzione.

Giovanni - 17/4/2015 - 16:31


Wow. Non avevo nessuna idea di cosa dicesse questa canzone. Come ignorare un testo così bello?
Grazie!

giuliano - 20/7/2015 - 15:17



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org