Lingua   

Pase zo

Tiziano Incani [Il Bepi]
Lingua: Italiano (Lombardo Bergamasco)

Lista delle versioni e commenti

Guarda il video


Tiziano Incani (Il Bepi), Pase zo. Live in Rovetta, 2 agosto 2008


Cerca altri video su Youtube

Ti può interessare anche...

Rosastela
(Coro Pane e Guerra)
Nina ti te ricordi
(Gualtiero Bertelli)


Testo e musica di Tiziano Incani.

La riprendo, questa canzone, dal blog Minimi Termini - Blog anarco-camunista, dell'amico e compagno Redshadow, assieme al suo commento:

Tiziano Incani.
Tiziano Incani.
Da Ansa.it
BRESCIA - Due muratori sono morti intorno alle 8.30 a Ono San Pietro, in Valcamonica, dopo essere stati travolti dal crollo di un muro.

Della ricostruzione della dinamica della disgrazia si stanno occupando i carabinieri della Compagnia di Breno e della stazione di Capodiponte, intervenuti con i funzionari dell'Asl, i sanitari del 118 e i vigili del fuoco.

Le vittime sono due congnati: R.V., 53 anni, abitava a Ono San Pietro, mentre G. A., 64 anni, era di Capo di Ponte. La disgrazia e' accaduta in una cascina.


L'unico modo che ha la Valcamonica di essere citata dai media è purtroppo questa.
Così come il fascismo e lo stalinismo hanno il loro carico di vittime, queste sono da considerarsi vittime del capitalismo. Quel sistema che in cambio di un benessere più materiale che psicologico ed umano (vedi l'aumento di depressione, stress eccetera) ti inculca nel cervello, grazie alle sue potenti armi tra cui tv e politicanti di ogni colore, che è giusto e doveroso dover lavorare al servizio di qualcun altro per 8-10 ore al giorno.

Una canzone sull'argomento, in dialetto bergamasco (con traduzione a seguito) per riflettere, per non dimenticare, per non rinunciare nonostante tutto a pensare.
A parole so mia pròpe à gèt
Ma coi pensèr a dighe a mè la mè
incò lèè enerdè, ga sto piò dèt
Perchè fo festa almeno ù pèr de dè
Da piò de ù mìs a cìce nebbia chè a Milà
Sura àn impalcadùra a maià sò dol frècc
Al pasa a tòm ol Lorènzo lè a la mè cà
Ai 4 de matìna amò mès indùrmècc dol lècc
E pase zo, pase zo, pase zo, pase zo
Ed ogne tat al salùde con dèè "Porco..."

Ndumà la Silvia la òl indà a cumprà
Le bavagline ed altre cose belle
Ga rìe mìa sò però perchè mè ndà
Fina zo al centro lè de Roncadelle
Ga no mìa òia però so zamò che 'ndarò
Perchè se no to la sètet per impo
Al Bancomat che gh'è an piàsa ma fermerò
Ga digherò amò "Prelievo"
"Saldo" mèi de no!mèi de no!

E pase zò. Pase zò. Pase zò. Pase zò.
Quando ga arde al biglièt al ma scapa "Porco..."

A go àna fonna pò a mè e an scèt de mantègn
Mè go la gip dèla Hyundai, lù chla de lègn
A lòce mìa, ga sto dèt, però, fischia, l'è dùra
Dorvà tùtùra àl sùdùr per bagnà la pianùra
Ol mè padrù per fùrtùna i ferie mi a paga
Al fa i laùr tat al tòc, però pota chè faga?
Ol Dikembe al ga dìcc che òl vòl vìs zo coi lèber
E lù àl ga fa: "E pò cusè? Che zamò to sè nègher!"

àNtàt che pense a fo amò ù pàs
Mete òl pè ala fì de l'as
Al fàe franc e ànvece sète "crac"
Al mumènt capèse mìa bè tòt
Sota i gambe sète doma àl vòt
So mìa sa l'è pura o piò negot
E pase zo...E pase zo...E pase zo... E pase zo...

A go piò gnà àl tèp de tirà zo ù "Porco..."

inviata da Riccardo Venturi - 13/9/2008 - 10:18



Lingua: Italiano

Il testo in italiano:
VADO GIU'

A parole non è che sia proprio un grande
ma con i pensieri la mia la so dire anch'io
domani è venerdì e io sto fremendo
perchè per almeno un paio di giorni per me sarà festa
da più di un mese vado a Milano a mangiar nebbia
sopra un'impalcatura a prender freddo tutto il giorno
passa a prendermi Lorenzo a casa mia
alle 4 di mattina, ancora mezzi addormentati...nel letto
e vado giù, vado giù, vado giù...
e ogni tanto lo saluto con un "porco..."

Domani Silvia vuole andare a comprare
le bavagline ed altre cose belle
Ma fatico a capire perchè si debba per forza andare
proprio fino al centro commerciale di Roncadelle
non ne ho voglia, però, lo so, ci andrò...
perchè altrimenti la sentirò lamentarsi all'infinito
mi fermerò al bancomat in piazza
gli dirò ancora "prelievo",
"Saldo" meglio di no, meglio di no...
e vado giù, vado giù, vado giù...
e quando guardo il biglietto mi scappa un "porco..."

Ho anch'io una moglie ed un figlio da mantenere
io ho la jeep della Hyundai, lui quella di legno
non piango, per carità, i soldi mi bastano, però ragazzi è dura
usare sempre il sudore per bagnare la pianura
il mio padrone per fortuna le ferie me le paga
fa le cose un po' troppo alla buona,
ma del resto cosa vuoi farci?
Dikembe ieri gli ha detto che vuole essere messo in regola
e lui gli fa: "E poi cos'altro? Che già sei nero..."

Mentre penso faccio ancora un passo
metto il piede alla fine dell'asse
la facevo salda e invece sento "crac"
al momento non capisco più niente
sotto le gambe sento solo il vuoto
non so se è la paura o più nulla
e vado giù, vado giù, vado giù...
non ho più neppure il tempo per gridare un "porco..."

inviata da Riccardo Venturi - 13/9/2008 - 10:20



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org