Lingua   

Bagliori

Gianni Siviero
Lingua: Italiano




Camminavo sul ponte
perché mi piace la città
vista dall’altra riva
oltre il verde dell’acqua
quando un bagliore accecante mi ha portato via

veloce correvo libero
volando le scale
per andare in cortile
a giocare al pallone
quando un bagliore accecante mi ha portato via

attraversavo il sentiero
che divide il giardino
i fiori vanno bagnati
al calare del sole
quando un bagliore accecante mi ha portato via

ascoltavo mia madre
raccontare di quando
era ancora ragazza
il futuro un sogno
quando un bagliore accecante mi ha portato via

guardavo l’orologio
mancava un solo giro
perché fosse finito
un lavoro noioso
quando un bagliore accecante mi ha portato via

le accarezzavo i capelli
le stringevo la mano
per consolare un suo pianto
per non piangere anch’io
quando un bagliore accecante mi ha portato via

stavo pensando a domani
a quello che avrei fatto
di questa mia vita breve
delle mie piccole speranze
quando un bagliore accecante mi ha portato via

ora sono qui sangue e lava
ali schiacciate al suolo
bocca assetata di aria
occhi aperti nel buio
in questo buio sconfinato che non so cosa sia

ora sono qui sangue e lava
ali schiacciate al suolo
bocca assetata di aria
occhi aperti nel buio
in questo buio sconfinato che non so cosa sia
in questo buio sconfinato che non so cosa sia…


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org