Lingua   

Mi mettu o suli

Francesca Incudine
Lingua: Siciliano



Ucchiali nivuri sciarpi ntassati
Manichi longhi pp’ammucciari i feriti
Mi cacu sutta [1] e capiddi attaccati
Portu la cruci ppi scuntari i piccati

Mi spusavu p’amuri ancora carusa
Ccu bicchera, cuperti e linzoli di sita
Mi sintevu ottu jorna a regina da casa
Tra li vrazza di l’omu di la me vita
Ma sti mura ogni jornu sunu la me galera
Un mi senti nuddu cuannu chianciu sula
S’astutau sta vuci ca prima cantava
Nun è chissa la vita ca sunnava e vuleva

A duminica a missa vistuti puliti
Ammenzu genti cuntenti
cu saluti e risati
Cu li lacrimi sutta l’ucchiali
c'aggiustu a cammisa
A braccettu di l’omu ca è o vantu
Di la me casa

Ma oggi mi levu l’ucchiali
E mi mettu o suli
Mi mettu nto coddu collani
E mi mettu o suli
Mi mettu aricchini e bracciali
e in menzu ai capiddi nu ciuri
russettu colonia e profumu
E mi mettu o suli
Ca o scuru du corpa i vastuni o scuru si mori

Ma oggi mi levu l’ucchiali
E mi mettu a ballari
Taliatimi ora nta l’occhi e putiti capiri
Quantu duluri ammucciavu nte lu me cori
P'amuri de figghi p’amuri e ti scanti i parlari
Ca suli un c’è nenti chi fari
C’ un parla d’amuri
Ca suli un c’è nenti chi fari
C’ un parla d’amuri

Ogni sira ca sentu la chiavi nta lu purtuni
Calu a testa cch’ i manu nte l’occhi
M’accuminciu a parari
A ogni biccheri di vinu è na spina nto cori
Intra ogni biccheri di vinu a picca a picca si mori

Ogni sira ca sentu la chiavi nta lu purtuni
Calu a testa cch’ i manu nte l’occhi
M’accuminciu a parari
A ogni biccheri di vinu è na spina nto cori
Intra ogni biccheri di vinu a picca a picca si mori

Ma oggi mi levu l’ucchiali
E mi mettu o suli
Mi mettu nto coddu collani
E mi mettu o suli
Mi mettu aricchini e bracciali
e in menzu ai capiddi nu ciuri
russettu colonia profumu
E mi mettu o suli
Ca o scuru du corpa i vastuna o scuru si mori

Ma oggi mi levu l’ucchiali
E mi mettu a ballari
Taliatimi ora nta l’occhi e putiti capiri
Quantu duluri ammucciavu nte lu me cori
P'amuri de figghi p’amuri e ti scanti i parlari
Ca suli un c’è nenti chi fari
C’ un parla d’amuri

Ma oggi ju vogghiu parlari
E un mi scantu i muriri
[1] Me la faccio addosso (per lo spavento). Nel siciliano corrente non ha una connotazione triviale come in italiano


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org