Lingua   

Senza fucile né spada

Cristina Donà
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Lettera 2020
(Anonimo Toscano del XXI secolo)
Il morbo infuria
(Francesco "Ciccio" Giuffrida)
Le Fossoyeur
(Georges Brassens)


dall'album "deSidera" (2021)
deSidera

Cristina Donà


Forse il pezzo più bello scritto sul periodo della reclusione da Covid, un momento che Cristina Donà non esita a paragonare a una vera e propria guerra.

L'unico brano che hai scritto durante la pandemia è “Senza fucile né spada”: lo hai aggiunto alla fine?

Questa canzone risale alla primavera 2020, stagione che ci ha visti reclusi e che nel mio caso, abitando in Val Seriana, dove le vittime di Covid sono state moltissime, mi ha vista anche in mezzo a una sorta di apocalisse che mi ha gettato in una paresi artistica. Però questo pezzo è venuto fuori, l'unico, e sì, ho voluto inserirlo nell'album perché ci tenevo a lasciare una testimonianza per i tanti che hanno perso i loro cari in quelle circostanze, anche perché se è accaduto quel che è accaduto è anche per una malagestione di ciò che stava avvenendo.

intervista a Rolling Stone

*

Mi sono resa conto di quanto la paura possa immobilizzarti. A livello creativo ero completamente bloccata. La sofferenza può dimostrarsi certamente producente, ma quando c'è di mezzo la paura, il rischio di silenziarsi è molto alto. Con questo brano volevo testimoniare un momento che ci ha visti forzatamente fermi. La descrivo come una guerra, perché come quelle del passato ha in comune l'impotenza di fronte alla morte.

rockit
Oggi sembra più grande
Immensamente gigante
Lo spazio da riempire
Dopo averti visto sparire
In una foto che ho rimosso
Poco dopo
Per paura di
Di caderci dentro
E morire ancora
Di un morire lento

Chi, chi l'avrebbe mai detto
Che saremmo rimasti sospesi nell'aria
Alla stessa distanza che ci tiene divisi
Strangolando pensieri ogni giorno più vivi
Di una pelle tradita, quella che accarezzavi sovrappensiero
E alle cellule tutte dicevamo che era vero

Quando, quando ci abbracciavamo
Stringendoci forte noi non lo sapevamo che
Saremo stati mandati a combattere persino la morte
Restando fermi come statue di cera
Sbeffeggiati anche dalla primavera
Arruolati in guerra, prigionieri in casa
Separati per mesi
senza fucile né spada

Quando ci abbracciavamo, non sapevamo che
Saremo stati mandati a combattere persino la morte
Restando fermi come statue
Sbeffeggiati anche dalla primavera
Arruolati in guerra, prigionieri in casa
Senza fucile né spada

inviata da Lorenzo - 8/12/2021 - 20:37


22/1/2022 - 20:14



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org