Lingua   

No name

Francesca Incudine


Ti può interessare anche...

Mi mettu o suli
(Francesca Incudine)
Il bagarozzo re
(Bianca d'Aponte)


2018
Tarakè
No-name

Francesca Incudine nel suo No name rende omaggio alla memoria delle centoventisei operaie, tutte emigrate, che nel 1911 rimasero uccise nell'incendio della Triangle Waist di New York, la "fabbrica delle camicette bianche"
Tessuti e cotone, pizzi e merletti,
Piccole forbici, filo a rocchetti,
Curve le schiene, chine le teste,
Capelli raccolti di donne modeste.

Signore, sartine, impegno e rigore
Sbarriamo le porte ad ogni rumore,
Cucite di fretta camicie e volant,
Che siano bianche Per miss e madame.

L'ultima volta che vidi il mare
azzurro era e friscu pareva,
Partemu, si parti a cercari fortuna,
Comu li stiddi avvampati da a luna.

Quel giorno a New York era l'Annunciazione,
su al nono piano c'era il mio camerone,
Tra scampoli a terra e lampade a gas
Io e le mie compagne del building, ashh.

Su forza a lavoro gli aghi alle mani,
Camice alla moda, mille entro domani,
Quattordici ore fan presto a passare,
La paga vi tolgo se vi trovo a parlare.

Vecchie e bambine di Sicilia e Germania
Assunte a sei dollari alla settimana,
Il secolo nuovo avanza da poco,
La fabbrica fila e la sorprende il fuoco.

Quando la fiamma mi prese alla schiena,
Il mare in tempesta,lu cori pinsava:
"Nun vogghiu muriri anniruta e bruciata
Sugnu una stidda d'un cielu caduta".

Venite sorelle comu stiddi avvampati,
Vi insignu a vulari 'ncapu all' America,
Siamo comete nere precipitate,
Il fumo la cenere in mezzu alli strati.

Né volti né nomi, una stele, un addio
Un tacco rimane, un anello, l'oblio
In 146 bruciamo a Marzo.

L'ultima volta che vidi il mare
azzurro era e friscu pareva,
Partemu, si parte a circari fortuna,
comu li stiddi avvampati da a Luna.

inviata da dq82 - 16/7/2021 - 19:41



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org