Lingua   

Primavera a Lesbo

Marco Sonaglia
Lingua: Italiano



Ti può interessare anche...

I Reietti
(Anonimo della nuova era)
The Rigs of the Time
(anonimo)
Fiorella Mannoia: Il cielo d'Irlanda
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)


2021
Ballate dalla grande recessione
recessione

Il campo rifugiati di Lesbo


Testo : Salvo Lo Galbo
Musica: Marco Sonaglia
Piccola che in un’asola
ci dormirebbe intera,
mia figlia mentre pisola
sulla sua busta nera
dove stasera si isola
che non è ancora sera
perché pure in quest’isola
sembra sia primavera.

Piccola era stamani
la bimba in ambulanza
sfuggita ai talebani
e morta di ignoranza.
«Morire sì, ma sani!»,
ordina l’ordinanza.
«Lavatevi le mani!
Tenete la distanza!»

Con un colpo di scopa,
in discreto segreto,
qui ci nascondi Europa
che sei tutta un tappeto
sopra a chi in mare crepa,
sopra a chi in terra ha il veto
e sopra mi si assiepa
per qualche sottaceto.

Piccola i quotidiani
riporteranno l’ansa;
piccola, e per domani
se ne dirà abbastanza.
In fila, avanzi umani,
per il cibo che avanza!
«Lavatevi le mani!
Tenete la distanza!»

Questo nembo di guerra
tra gli ulivi e l’Olimpo,
questo lembo di terra
di vivi e morti limbo;
la madre ci sotterra
l’anima insieme e il bimbo,
il fratellino, sferra
un grido senza timbro.

Donna con figlio afghani
non escono di stanza.
Gli portano due pani
e la pietà in pietanza.
Il vento dai Balcani
macabramente danza.
«Lavatevi le mani!
Tenete la distanza!»

Il vento, l’aria buona
non porta sull’acropoli.
La Pasqua non ridona
né polline né propoli.
Il virus che incorona
di fil spinato i popoli.
Imperi di eurozona,
Golgota di tendopoli.

Buoni samaritani
d’ogni cittadinanza,
e cani e pretoriani
mentre Barabba avanza
tra saluti romani
e urla di intolleranza.
Di noi, europei cristiani,
non datevi importanza!

Lavatevi le mani!
Teneteci a distanza!

inviata da Dq82 - 2/7/2021 - 20:18



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org