Lingua   

Io dico no!

Gianni Meccia
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

I soldati delicati
(Gianni Meccia)
L'equilibrio
(Gianni Meccia)
Otto e un quarto, Hiroshima
(Gianni Meccia)


Sì, sì, sì, sì, sì...
C'è sempre qualcuno che parla di vita
Di doveri, di gloria, di cose banali
E mi dice con tono severo e noioso così:

"Gianni, figliolo, non sei più un bambino
Bisogno pensare alla vita"

Non m'importa della vita
Non m'importa del dovere
Son deciso, faccio quello che mi pare
Io dico no e resto qui
A far volare i miei aeroplani di carta

"Gianni figliolo, su, da bravo, ti devi sposare
La sposa t'aspetta già in chiesa"

Non m'importa di chi attende
Non ho tempo per l'amore
Taci, dunque, maledetto seccatore!
Io dico no e resto qui
A costruire i miei castelli di sabbia

"Gianni, ormai sei maturo
Ti devi trovare un lavoro"

Non m'importa del lavoro
Non m'importa del denaro
Tu cavilli, t'arrovelli, io non ti curo
Io dico no e resto qui
A dare al vento le mie bolle di schiuma

"Gianni, ehi, ehi, dico a te, hai visto?
Sei morto e non hai concluso niente di buono"

Adesso, mio caro, tormentami pure
E supplica e grida, fa' ciò che ti pare
Qua sopra le nubi felice potrò continuare
A far volare i miei aeroplani di carta
A costruire i miei castelli di sabbia
A dare al vento le mie bolle di schiuma
Ed in più...
Potrò giocar con le trombette degli angeli
Che fanno parapapa...

inviata da Alberto Scotti - 11/4/2021 - 05:01



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org