Lingua   

La canzone del santuario della Madonna di Porto Salvo

Giacomo Sferlazzo
Lingua: Siciliano



Ti può interessare anche...

Lavoro studio sviluppo
(Ennio Rega)
Lampedusa 24/01/2009
(Giacomo Sferlazzo)
Tira la cinghia
(Franco Trincale)


[2011]
Album: Lampedusa

copertina-libretto
A Lipadusa c’era nu focu ca sempri ardia pi matri Maria
E da lu mari la genti vinia e pi lu mari la genti s’innia
Greci e Romani Turchi e cristiani dintra na rutta nzemmula stannu
Di l’ogghiu sacru mai fannu ammancu e ognunu prega alla so manera

E nzemmula si ncucchiunu li vusci do mediterraniu
E fannu na parlata sula sulu na litania
Na poesia a Matri Maria Maria Maria

Matri matri alla casa tu fammi turnari.

Tutti sti genti morti ormai sunnu sutta la terra li vermi ci l’hannu
Ma la so vusci do ventu si senti: "Dunn'è lu foce nu l’hai chiù davanti".

Matri Maria sentimi un pocu fa di stu portu un portu e consulu
Fa di stu scielu un tettu d’amuri fa di scogghiu un lettu e riposu.

E nzemmula si ncucchiunu li vusci do mediterraniu
E fannu na parlata sula sulu na litania
Na poesia a Matri Maria Maria Maria.

inviata da Dq82 - 26/11/2020 - 10:45



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org