Lingua   

Ever (A-viskoazh ha da viken)

Alan Stivell
Lingua: Bretone


Ti può interessare anche...

Planedenn
(Alan Stivell)
Suite sudarmoricaine
(Alan Stivell)
Crimes
(Alan Stivell)


testo: Yann-Ber Piriou
musica: Alan Stivell
nel CD “1 Douar” nel 1998

1 Douar
Darn 'zo difinv, darn a gemm
Darn a vroud ha darn a flemm
Darn a dav ha darn a glemm
Darn a zistag darn a stag
Darn a zifenn darn a dag
Dam a yun ha darn a vag
A-viskoazh ha da viken
Egile zo mab d'eben
Ar vuhez ha netra ken
Etre tamall ha torfed
Darn a dou ha darn a bed
Darn 'zo ganet dibec'hed
Darn 'zo glan ha darn zo pur
Darn 'zo foll ha darn zo fur
Darn 'zo kablus dre natur
Darn a samm ha darn a zoug
Darn a jahin darn a voug
Darn a yud ha darn a groug
Darn a vale darn a nij
Darn 'zo heg ha darn a blij
Darn a gren ha darn a skrij
Darn 'zo bleiz darn zo ki
Karantez, kasoni
Sko kaled, sko hardi
Mont waraok pe mont war souz?
Chaokat foenn pe chaokat plouz?
Krougousat pe ober trouz?
Heklew ha dasson da vat
Sko a-skizh ha sko a-blad
Choukomp de'i ha yec'hed mat
Sko a-dreuz ha sko a-hed
'vit lazhañ Kiez ar bed
Sko ha sko ha sko bepred
A-viskoazh ha da viken
Etre gwigour ha storlok
Darn a c'hoarzh ha darn a sklok
Darn'zo lent ha darn 'zo rok
Diwar anken, diwar spi
Diwar joà pe gasoni
Koroll ha kan tra ma vi
Mervel gorrek amzer 'zo
Bevañ betek ar marw
Tra ma vimp ha ken a vo
Trec'h an delenn d'an Ankoù

inviata da Flavio Poltronieri - 9/10/2020 - 18:00



Lingua: Italiano

traduzione: Flavio Poltronieri
DA SEMPRE E PER SEMPRE

C'è chi è inerte e chi cambia
Quelli che sono velenosi e quelli la cui puntura stimola
Quelli che si lamentano e quelli che tacciono
C'è chi libera e chi ostacola
Quelli che si difendono e quelli che attaccano
Quelli che sono magri e quelli che sono grassi
Da sempre e per sempre
Ogni uomo nasce da una donna
È la vita che conta e basta
Tra accusa e crimine
C'è chi giura e chi prega
E quelli che sono nati senza peccare
Ci sono quelli che sono puri, quelli che sono immacolati
Quelli che sono pazzi, quelli che sono saggi
Quelli che sono colpevoli dalla culla
Ci sono quelli che portano i propri fardelli più o meno bene
Quelli che torturano, quelli che soffocano
Gli urlatori e gli strangolatori
Ci sono quelli che camminano e quelli che volano
Quelli che detestiamo e quelli che amiamo
Quelli che tremano e quelli che fremono
Alcuni sono lupi, altri sono cani
Che sia per amore o per odio
Colpisci forte con colpi ripetuti
Andare avanti o tornare sui propri passi?
Parlare in gergo o farfugliare?
Tubare o fare rumore?
L'eco sempre ripercosso
Colpisce di sbieco o a piena forza
Alla tua salute e andiamo!
Colpisce a torto e attraverso
Per uccidere la Cagna-del-Mondo
Colpisce, colpisce e colpisce sempre
Da sempre e per sempre
Tra cigolii e rumori
Ci sono quelli che ridono e quelli che ridacchiano
I timidi e gli arroganti
Per scongiurare l'angoscia o liberare la speranza
Per esprimere gioia o per espellere l'odio
Balla e canta fino alla fine
Non c'è fretta, prendiamoci il tempo
Per vivere pienamente fino alla fine
Finché siamo lì e finché
L'arpa sarà più forte della morte

9/10/2020 - 19:06



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org