Lingua   

Patriota

Davide Tosches
Lingua: Italiano



Sono nato in un mattino di maggio,
nel vuoto orizzonte di fabbriche inutili,
al servizio del tiranno,
che vendeva famiglie in cambio di potere
e oggi sento ancora dire: ha dato lavoro a tanta gente.

E ora grandi ali nere,
coprono il nome sulla sua tomba,
dipingono il buio sulla storia,
sulle parole,
che fino a ieri creavano desideri.

E mio padre diceva: qualsiasi coglione oggi scrive un libro,
governa la nostra nazione e opera al cuore delle persone.

Sono nato e qualcuno mi aveva già imposto ogni legge,
delimitando la mia vita,
i miei confini, le mie paure.

Ma il coraggio di guardare e camminare,
sulla terra,
non è scritto dalle persone ma dal vento,
da alberi e cani,
nel respiro dell’universo,
che non perdona questa chiesa,
che offende,
calpesta,
ogni giorno,
la memoria,
la forza e la visione di quell’uomo morto in croce.

Ma ogni suono di campane,
nasconde un coro di milioni di anime,
ingannate con l’invenzione del paradiso e dell’inferno.

Sono nato in un mattino di maggio e ogni giorno,
ho guardato nel mio specchio,
aspettando di vedere quell’uomo,
che oggi è forte e calpesta, ogni giorno,
la terra di questa nazione,
nel vuoto orizzonte della storia.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org