Lingua   

Brindisi (Ai terminali della Via Appia)

Amerigo Verardi
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Splenda il sole
(Massimo Priviero)
Auschwitz Planéte
(Tromatism)


(2016)
Album: Hippie Dixit

Hippie Dixit

Brindisi, non è solo l’augurio che si fa sollevando la mano che impugna un bicchiere, ma anche il nome di una cittadina del sud Italia segnata da scelte industriali, poco rispettose del territorio, compiute negli scorsi 60 anni. (Nel video – nda) Vecchie pellicole di famiglie brindisine mostrano l’illusione dei tempi del boom economico, quando il progresso industriale era vissuto senza la coscienza delle conseguenze ambientali e sanitarie che avrebbe comportato”.

Brindisi ai terminali della via Appia di Amerigo Verardi - Wired
Il brivido del già visto, il vento e le chiacchiere da bar
Disegnano dei mantra con sabbia e polveri sottili

Testa di motocicletta sfonda l’uscio dove dormirà
Ruba il frutto dolce e i grappoli appesi ai rami avvelenati
Una frase monca su un muro dice “qui si muore di”

I ragazzi, la crisi, l’arancio di notte, non importa ma succederà
Che quel vento soffi dal citofono e che ti spettini i capelli

La spiaggia di carbone ferma il cuore del molo di legno
Come impronte di modernità si cancellano al calar del sole
E con un suono sordo sfiamma la fabbrica dei sogni

Cin cin, alla tua salute, alla famiglia, al lavoro
Cin cin, bollicine, un calice e una fetta di cancro
Cin cin, alla tua salute, alla famiglia, al futuro
Cin cin, bollicine, un calice e una fetta di cancro

Prendevo medicine, brindavo così
Prendevo medicine, brindavo così
Prendevi medicine, brindavamo così

L’indolenza, la comunione, cristiani che si mangiano la città
Quasi facile come radersi un po’ di schiuma dai polmoni

Malati di potere, i politici lanciano nuove forme di violenza
Dalle colonne fanno un brindisi ai terminali della Via Appia
Che bella fotografia: la scalinata verso l’aldilà (stairway to heaven)

Cin cin, alla tua salute, alla famiglia, al lavoro
Cin cin, bollicine, un calice e una fetta di cancro
Cin cin, alla tua salute, alla famiglia, all’ammmore
Cin cin, bollicine, un calice e una fetta di cancro
Cin cin, bollicine, un calice e una striscia di sangue

Prendevo medicine, brindavo così
Prendevi medicine, brindavamo così
Prendevi medicine, brindavamo così

Recitando parole sante, ma fuori luogo per un brindisi
Recitando parole sante, ma fuori luogo per un brindisi
Recitavo parole sante, ma fuori luogo per un brindisi
Recitavo parole sante, ma fuori luogo per un brindisi
Recitavo parole sante, ma fuori luogo per un brindisi
Recitavo parole sante, ma fuori luogo per un brindisi...

inviata da Alberto Scotti - 8/9/2020 - 04:34



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org