Lingua   

Vuci

Eleonora Bordonaro
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Lu cielu unni si tu
(Eleonora Bordonaro)
Sprajammu di la luna
(Eleonora Bordonaro)
La straggi di lu pani
(Serena Lao)


Vuci
[2017]

Testo / Lyrics / Paroles / Sanat:
Eleonora Bordonaro

Musica / Music / Musique / Sävel:
Puccio Castrogiovanni

Interpreti / Performed by / Interprétée par / Laulavat:
Eleonora Bordonaro e Puccio Castrogiovanni

Album: Cuttuni e Lamé





Discorrendo di questa canzone in un’intervista Eleonora ha fotografato sé stessa. Cosa non facile ( i selfie non sono autoritratti, sono buoni forse per eccitare il nervo ottico, a parere di chi scrive, ma non per comunicare né a sé né agli altri).
Ecco l’ autoritratto ovvero il ritratto di questa canzone ovvero della cantante per questa canzone ovvero della parola che fa l’amore al ritmo della canzone ovvero dell’alter ego, la voce, in questa canzone:

Ho sempre pensato di essere più intelligente della mia voce, cioè che la voce fosse solo un attrezzo; invece mi sono accorta che, cantando, ogni sentimento si sublima e mi si chiarisce, perde ogni connotazione negativa e mantiene solo il nocciolo dolce dell’emozione. Cioè “nzoccu parti do cori si netta a ura ca sciuscià da ucca e sulu u bonu arresta”: ciò che parte dal cuore si purifica ogni volta viene cantato e resta solo il buono: do scantu ‘u tremuri (della paura il fremito), do duluri ‘a ducizza (del dolore la dolcezza), da rraggia ‘a valìa (della rabbia la voglia di fare), d’abbannunu ‘a fierizza (dell’abbandono la fierezza).

Eleonora sta contribuendo non poco a ripercorrere le vicissitudini della condizione femminile schiacciata da tradizioni ataviche e da strutture coercitive funzionali alla gerarchia di valori.
Cchi fimmina ! / Che donna !
[Riccardo Gullotta]
Vuci
China
Leggia
Fridda e cristallina
Arraggiata
Schigghienti
Affucata
Sbalancata
Tagghienti
Affilata
Precisa e Netta
Mmicchiuta
Solida

Vulissi aviri cent’anni supra ‘i spaddi
pi idda mustrari senza verbu
zoccu è trubbulu di spiegari
arrusbigghiati prestu e scantu di sbagghiari
dibulizza e cumpassioni.
Jurnati pisanti,
pacienza, risati, libbra aperti e caudu d'austu.
Jurnati vacanti,
pacienza, risati, libbra aperti e caudu d'austu.

Paremu ‘i stissi ju e ‘a me vuci
si ju mi cunfunnu, idda è cchiu sperta di mia.
M'addumu s'iddu cantu, sentu tuttu e sugnu sarva
nenti mi truzza nenti mi struppia

‘Nzoccu parti d’o cori si netta a’ ura ca arriva ‘nda ucca
‘nzoccu parti d’o cori si netta a’ ura ca sciuscia ‘da ucca
e sulu ‘u bonu arresta
d’o scantu ‘u tremuri
d’o duluri ‘a ducizza
d’a rraggia ‘a valìa
d'abbannunu ‘a fierizza

inviata da Riccardo Gullotta - 11/6/2020 - 14:51



Lingua: Italiano

Traduzione italiana / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös :
youtube
VOCE

Voce,
piena,
leggera,
fredda e cristallina,
arrabbiata,
squillante,
soffocata,
spalancata,
tagliente,
affilata,
precisa e netta,
invecchiata anzi tempo
solida.

Vorrei avere cento anni addosso
perché lei possa raccontare senza parole
ciò che è difficile da spiegare
Sveglie all’alba e paura di fallire
debolezza e compassione.
Giornate pesanti,
pazienza, risate, libri aperti e caldo d’agosto.
Giornate vuote,
pazienza, risate, libri aperti e caldo d’agosto.

Sembriamo uguali io e la mia voce
ma se io mi confondo, lei è più scaltra di me
Mi accendo quando canto, sento tutto e sono salva
niente mi sfiora niente mi ferisce

Ciò che parte dal cuore si purifica quando arriva alla bocca,
Ciò che parte dal cuore si purifica quando soffia dalla bocca.
E resta solo il buono
della paura il fremito
del dolore la dolcezza
della rabbia la voglia di fare
dell’abbandono la dignità.

inviata da Riccardo Gullotta - 11/6/2020 - 14:53



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org