Lingua   

Il poeta urbano

Giorgio Lo Cascio
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Giorgio Lo Cascio: Saremo liberi
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Per liberare la mia terra
(Giorgio Lo Cascio)
Il mio fratello
(Francesco De Gregori)


[1976]
La canzone che dà il titolo all'album

Il poeta urbano

Un testo forse datato (a quell'epoca), ma un sincero manifesto poetico e politico: "... aprendo gli occhi lentamente / Dai cortili alle fabbriche, alla strada / Scoprire nei discorsi della gente / Le ingiustizie imposte con la spada..."
Sono nato in una stanza di ospedale
Fra quattro mura e non in mezzo a un prato
Da bambino sono stato sempre male
Guardavo il cielo dietro un vetro un po' appannato

I lunghi viaggi a scuola in torpedone
Catacombe gesuitiche in preghiera
Lo sforzo di ascoltare la lezione
Il gioco e lo studio a casa fino a sera

Le figure più presenti nell'infanzia:
Preti rugosi e dottori con gli occhiali
La pesante filologia romanza
L'incomprensione dei canti pastorali

Poi crescere e diventare uomo
Maturità sessuale rapida e stupita
Le illusioni, il suicidio e il perdono
La notte e l'alba e un po' di dolce vita

Ancora, aprendo gli occhi lentamente
Dai cortili, alle fabbriche, alla strada
Scoprire nei discorsi della gente
Le ingiustizie imposte con la spada

E aderire al credo del demonio
Che da bambino mi insegnarono ad odiare
Attentatore del sacro matrimonio
E dell'antico, solenne capitale

Voler cantare infine da che parte
Sia veramente il giusto, il bello e il vero
E rivolgersi a chi ancora sta in disparte
Invitandolo a un impegno più sincero

E avvalersi, ma solo qualche volta
Del limitato vocabolario urbano
In un'incertezza ancora non risolta
Per inviare il mio messaggio più lontano

inviata da Bernart Bartleby - 13/4/2020 - 13:01



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org