Lingua   

Un diario del '43 [Comu aceḍḍu finici]

Olivia Sellerio
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Franchina
(Cesare Basile)
Suicide Is Painless
(M*A*S*H)
Not in Nottingham
(Roger Miller)


[2019]
Comu aceḍḍu finici

Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel :
Olivia Sellerio

Film / Movie /Elokuva :
Alberto Sironi
Un diario del '43

Interpreti / Performed by / Interprétée par / Laulavat:
Olivia Sellerio

Album: Zara Zabara

Phoenix



La canzone
Le esperienze musicali di Olivia Sellerio restituiscono della Sicilia un’immagine altra, verrebbe da dire originale se non fosse che l’aggettivo male si attaglia ad uno spazio topologico. È una scoperta di sonorità, meglio una riscoperta, di timbri iberici e articolazioni narrative di reminiscenze arabe. Oggi le sue canzoni sono legate nell’immaginario al noto serial televisivo, ma Olivia Sellerio è riuscita a sottrarsi sinora alle sirene del mercato. Le auguriamo di procedere sul percorso intrapreso aiutandoci a riscoprire l’Isola e noi stessi.

Sull’araba fenice

Tacito, Annales VI

Confecto quippe annorum numero, ubi mors propinquet, suis in terris struere nidum eique vim genitalem adfundere ex qua fetum oriri; et primam adulto curam sepeliendi patris, neque id temere sed sublato murrae pondere temptatoque per longum iter, ubi par oneri, par meatui sit, subire patrium corpus inque Solis aram perferre atque adolere.

La fenice dunque, compiuto il suo ciclo d'anni, all'avvicinarsi della morte, costruisce il nido nelle sue terre e vi infonde una forza genitale, da cui nasce il feto; prima cura della nuova fenice, appena cresciuta, è la sepoltura del padre; né agisce a caso, ma solleva prima un peso di mirra e si misura in un lungo volo e, quando si sente all'altezza del carico e del viaggio, si addossa il corpo del padre, lo porta all'altare del Sole e qui lo arde.

Lattanzio, Carmen De Ave Phoenice

O fortunatae sortis felixque volucrum,
cui de se nasci praestitit ipse deus!
Femina vel mas haec, seu neutrum, seu sit utrumque,
felix quae veneris foedera nulla colit:
mors illi venus est, sola est in morte voluptas:
ut possit nasci, appetit ante mori.
Ipsa sibi proles, suus est pater et suus heres,
nutrix ipsa sui, semper alumna sibi;
ipsa quidem, sed non eadem quia et ipsa nec ipsa est,
aeternam vitam mortis adepta bono.

O uccello dalla sorte e dalla fine beata,
cui Dio stesso diede di nascere da sé!
Femmina, maschio o nessuno dei due o tutt’e due,
felice perché non conosce i nodi di Venere.
Per essa Venere è la morte e la sola voluttà è nella morte,
e per poter rinascere desidera prima morire.
Essa stessa prole, padre, erede,
nutrice di sé, sempre nutrita da sé.
È proprio lei, ma non la stessa, perché è la stessa e non proprio lei,
lei che ottiene la vita eterna per effetto della morte…




una sequenza del film
Luci c’annorba ’u senziu
abbannìa ’nta ’stu silenziu e lumi
’i suli a picu caccia l’ummiri
e l’assumma ’ntra li unni di lu
jornu ca sarba lu veru
e sbapura lu misteru, e cancia l’ura

Ca lu tempu l’agnuna
’ntra li rappi l’annaca
m'a la nova vintiata
luci e s’allibberta all’aria

Scuru c’astuta ’i stiḍḍi
si zitterunu l’aceddi e cu avi
vuci bona ’un s’arricorda
nenti sapi, mancia e scorda, e siḍḍu
la ’mpustura la mimoria
chianta chiova e mala gloria

Storia, mastra di la vita,
scippa ’a radica purrita di la
ranni ’nfamia e la minzogna
cu la chianta ’un si vriogna, e siḍḍu
cancia ’u ventu e la staçiuni
s’arruspigghia la raçiuni, e veni l’ura

c’arrivisci finici
e rinasci finici
comu aceḍḍu finici
vota e arrivota l’aria

Scuru ca l’astuta ’i stiḍḍi
allucca pani ’i picciriḍḍi, e filu
d’oru fàusu ca l’antrizza,
l’ampirugghia e l’arripizza, e sempri
di la storia fa minnitta
ma la storia torna aḍḍritta, e vidi l’ura

Ca lu tempu arrivila
sciogghi e movi li fila
e passata la nuttata
luci e s’allibberta all’aria

E arrivisci finici
e rinasci finici
comu aceḍḍu finici
vota e arrivota l’aria

Di la storia sempre fu minnitta
ma la storia torna sempri aḍḍritta
ma la storia torna sempri aḍḍritta

e arrivisci finici
e rinasci finici
comu aceḍḍu finici.

inviata da Riccardo Gullotta - 7/4/2020 - 15:52



Lingua: Italiano

Traduzione in italiano / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös:
Riccardo Gullotta

Bestiario di Aberdeen, XII sec       Fenice
Bestiario di Aberdeen, XII sec Fenice
COME UN ‘ARABA FENICE

Luce che ottenebra l’animo
urla in questo silenzio e luce
di sole a picco, caccia le ombre
e le fa emergere tra le onde del
giorno che conserva la verità
e dissolve il mistero, e cambia il tempo

Si, il tempo la mette in disparte
la culla tra le pieghe
ma appena il vento si alza
splende e vola libera in aria

Buio che spegne le stelle,
uccelli in silenzio e chi ha
voce per parlare non ricorda,
non sa niente, tira avanti dimenticando, e se
inganna la memoria
tresca e mette in cattiva luce

Storia, maestra di vita,
strappa la radice marcia della
grande infamia e la menzogna
chi la semina non se ne vergogna, e se
cambia il vento e la stagione
la mente si risveglia, e giunge il tempo

che risorge fenice
e rinasce fenice
come araba fenice
non fa che sconvolgere l’aria

Buio che spegne le stelle
Scippa il pane ai bambini, e
tesse con filo d’oro falso,
impiglia e rabbercia, e
fa sempre scempio della storia
ma la storia si rialza sempre, ed ecco il momento

in cui il tempo disvela,
slega e muove i fili
e, passata la notte,
splende e si libera in aria

E risorge fenice
e rinasce fenice
come araba fenice
non fa che sconvolgere l’aria

Della storia si è sempre fatto scempio
ma la storia si rialza sempre
ma la storia si rialza sempre
e risorge fenice
e rinasce fenice
come araba fenice.

inviata da Riccardo Gullotta - 7/4/2020 - 15:58



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org