Lingua   

La colonna dei gesti perduti

Mauro Punteri
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Leonardo
(Mauro Punteri)
Il mio nome è Lauro
(Mauro Punteri)
Sette fratelli
(Mercanti di Liquore e Marco Paolini)



2019
Per amore per odio o un ideale
ideale




La Resistenza al nazifascismo in Europa come il movimento per i diritti civili negli Stati Uniti hanno affidato la propria memoria alla musica che ne ha veicolato, negli anni successivi, il messaggio ora attraverso gli stilemi della tradizione orale, ora con la forma canzone. Emblematico in questo senso è il caso di Gorizia, città di frontiera e multiculturale nella cui storia è racchiusa la memoria della resistenza nella sua dimensione internazionale. Le sue strade e le sue piazza hanno fatto da drammatico scenario alle vicende della battaglia che, fra l'11 e il 26 settembre 1943, contrappose le truppe tedesche che stavano occupando il Friuli e una brigata di partigiani monfalconesi coadiuvati dagli sloveni. Le sue terre conservano il dramma dei giorni dell'Adriatisches Kustenland, quello della Risiera di San Saba e delle foibe. Al termine della Seconda Guerra Mondiale, i nuovi confini di Gorizia tagliarono in due la città, divisero quartieri, famigli ed amici con l'Occidente Democratico e l'Est Comunista a mantenere una pace in armi, passata alla storia come Guerra Fredda. Alle vicende legate alle lotte di liberazione combattute a Gorizia dal settembre 1943 al maggio 1945 è dedicato "Per amore per odio o un ideale", nuovo album firmato da Mauro Punteri, ben noto il suo articolato percorso artistico nel corso del quale ha dato vita negli anni Novanta ai Zuf de Zur e successivamente alla bella esperienza dei Kosovni Odpadki. Ispirato dalle memorie del padre Angelo "Lauro" Punteri, comandante partigiano della II Brigata S.A.P. Isonzo, il progetto si articola su più livelli artistici affiancando alle venti canzoni del disco, la bella graphic novel firmata da Guido Carrara e le trascrizioni dei diari con l'aggiunta di un illuminante riflessione firmata da Alessio Lega. Nel suo complesso l'opera rappresenta la preziosa occasione per gettare nuova luce sulla resistenza in Friuli, spesso dimenticata nell'analisi retrospettiva della Seconda Guerra Mondiale e nel contempo ci offre la possibilità per riflettere sul futuro della nostra società in cui ogni giorno sembrano addensarsi all'orizzonte oscure nubi di intolleranza e tensioni liberticide. L'ascolto svela una scrittura affabulatrice in grado di muoversi tra lingue diverse come l'italiano, lo sloveno e il friulano, accompagnata da arrangiamenti eleganti intessuti tra incroci ed attraversamenti sonori tra colto e popolare, tradizione e canzone d'autore. In questo senso fondamentale ci sembra il contributo dei vari musicisti che si alternano al fianco di Punteri ovvero: Bettina Ferretti (voce, chitarra), Diego Todesco (chitarra), Sebastiano Zorza (fisarmonica), Sebastiano Frattini (violino), Alexandar Paunovic (contrabbasso), Stefano Andreutti (percussioni), David Cej (fisarmonica), Frank Thomas “Fanto” (voce), Michele Tami (armonica a bocca), Gabriella Gabrielli (voce), Enrico Sartori (sax alto), Federico Magris (violoncello), Saso Debelec (mandolino, flauti), Alan Malusa Magno (bouzouki, oud), Anton Spacapan Voncina (voce) e Sofia Codermaz (voce). A differenza dell'epica narrativa alla base dei canti partigiani, le canzoni di Punteri mettono al centro della scena le vicende umane dei protagonisti della resistenza, evidenziandone gli aspetti più personali ed individuali, riflettono sul sacrificio ma anche sui sogni, le speranze e gli ideali. Brillano, dunque, brani come "Leonardo" o "Partizani crni vrazi" con il suo andamento quasi ballabile, la toccante "Quasi l'alba" e la sommessa "Ponižani in užaljeni" ma soprattutto "Nino" e "Lidia" che rappresentano il vertice compositivo del disco. "Per amore per odio o un ideale" è una lezione di storia in musica, una storia collettiva e condivisa di cui conservare gelosamente la memoria.
blogfoolk.com

Scivolando lungo la frontiera
Che separa il gesto dall'idea
Di riscatto dall'umiliazione
Dalla ruota della vessazione
Che ci macina da vent'anni
Che ci offende giorno e sera
Che perpetua la catena
Della brigata nera

Una cicogna come falco in cielo
Accende in noi più di un pensiero
Al Comando della Triestina
Per bloccare l'orda assassina
Di nazisti e baciaculo
Della X Borghese
Che il 26 del mese
Ne faran le spese

Morire d'amore
Riscatto odio o furore
o per un ideale
Non è morire uguale

Alzo gli occhi alle cime
E all'improvviso il gracchiare
Schartz e Bren all'offensiva
Nazifascista dell'estate
Da Raunizza a Voglari
Da Tarnova verso Loqua
Per colpire il IX Corpus
Nell'oro dell'aurora

8.30 del mattino
E la furia è quasi cieca
Un'inutile furore
Non riescono a passare
I loro gesti ormai perduti
Cancellati dalla storia
Schiavi di miseria
Sfruttamento e di menzogna

Morire d'amore
Riscatto odio o furore
o per un ideale
Non è morire uguale

Morire d'amore
Riscatto odio o furore
o per un ideale
Non è morire uguale

inviata da Dq82 - 23/1/2020 - 10:49



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org