Lingua   

La ballata di Aldro

Michele Mari
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Era il tempo...
(Michele Mari)
La guerre de '14-'18
(Georges Brassens)
Joao Menezes
(Mauro Geraci)


Canzone per Federico Aldrovandi

Federico Aldrovandi.
Federico Aldrovandi.
C’è un ragazzo morto steso in riva al fiume Po
Sale il sole sopra i tetti di città

Era quasi l’alba, era quasi il giorno dopo
Un ragazzo vivo cammina verso casa

Non aveva mai ammazzato e nemmeno mai rubato
Aveva diciott’anni e sua madre ad aspettare

Quattro uomini nell’alba gli sbarrano la strada
E lo prendono e lo pestano e lo schiacciano per terra

Poi gli salgon sulla schiena e lo fanno stare zitto
E gli metton le manette e gli torcono le braccia

Arriva l’ambulanza che lui già non respira
Ed ha il viso gonfio e livido di morte

Non si sa il motivo, non si sa il perché
Ma a ammazzarlo come un cane sono stati i poliziotti

C’è un ragazzo morto steso in riva al fiume Po
Sale il sole sopra i tetti di città

Ci son due manganelli rotti sull’asfalto
C’è il giorno che si scopre sporco già di sangue

C’è un silenzio grigio tutto intorno
C’è un corpo massacrato coperto da un lenzuolo

C’è un ragazzo morto steso in riva al fiume Po
Scende il sole sotto i tetti di città

inviata da mincio attila eugenio - 6/6/2007 - 10:53



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org