Lingua   

Suffer Little Children

The Smiths
Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

World Peace Is None of Your Business
(Morrissey)
Millones de niños
(El Tri)
L’école
(Pierre Selos)


[1983]
Scritta da Morrissey e Johnny Marr
In "The Smiths", album di debutto del 1984
Testo da Genius

The Smiths

"But Jesus said, Suffer little children, and forbid them not, to come unto me: for of such is the kingdom of heaven." (Vangelo di Matteo, 19-14, nella Bibbia di Re Giacomo)

Pauline Reade, John Kilbride, Keith Bennett e Lesley Ann Downey sono stati quattro ragazzini tra i 10 e i 16 anni, tutti abitanti nei dintorni di Manchester, che sparirono nel nulla tra il 1963 ed il 1965. La polizia brancolava nel buio e la svolta nelle indagini fu del tutto casuale quando, il 7 ottobre del 1965, un uomo di nome David Smith telefonò alla polizia denunciando un efferato omicidio cui era stato testimone la sera prima, in casa della cognata. Quando la polizia arrivò sul posto, la casa dove viveva una giovane coppia, tali Myra Hindley e Ian Brady, scoprì il cadavere di Edward Evans, un diciasettenne, orribilmente massacrato a colpi d'accetta.



Ian Brady, classe 1938, venne arrestato. Inspiegabilmente lo stesso non avvenne subito per la compagna Myra Hindley, che trascorse ancora quattro giorni in libertà, nella stessa casa dell'omicidio.
La testimonianza di David Smith aggiunse nuovi dettagli e nei giorni seguenti la polizia rinvenne una valigia contenente fotografie pedopornografiche e un nastro su cui erano registrate le urla strazianti di una ragazzina: si trattava di Lesley Ann Downey di 10 anni, mentre veniva torturata e violentata. Altre fotografie rinvenute in casa di Brady ed Hindley portarono gli inquirenti nella brughiera di Saddleworth, al confine est della Greater Manchester. Qui furono rinvenuti i resti di Lesley Ann Downey e di John Kilbride.



Nonostante l'evidenza delle prove, i due sadici assassini continuarono a professarsi innocenti.
Condannati all'ergastolo, confessarono solo 20 anni dopo di essere gli autori anche della sparizione e della morte di Pauline Reade, 16 anni, e Keith Bennett, 12 anni. I resti della prima furono rinvenuti solo nel 1987, mentre quelli del secondo non sono mai stati ritrovati.

Myra Hindley e Ian Brady sono entrambi morti in carcere, lei nel 2002, lui nel 2017.
Over the moor, take me to the moor
Dig a shallow grave
And I'll lay me down
Over the moor, take me to the moor
Dig a shallow grave
And I'll lay me down

Lesley-Anne, with your pretty white beads
Oh John, you'll never be a man
And you'll never see your home again
Oh Manchester, so much to answer for
Edward, see those alluring lights?
Tonight will be your very last night
A woman said "I know my son is dead
I'll never rest my hands on his sacred head"
Hindley wakes and Hindley says
Hindley wakes, Hindley wakes, Hindley wakes, and says
"Oh, wherever he has gone, I have gone"

But fresh lilaced moorland fields
Cannot hide the stolid stench of death
Fresh lilaced moorland fields
Cannot hide the stolid stench of death
Hindley wakes and says
Hindley wakes, Hindley wakes, Hindley wakes, and says
"Oh, whatever he has done, I have done"

But this is no easy ride
For a child cries:
"Oh, find me... find me, nothing more
We are on a sullen misty moor
We may be dead and we may be gone
But we will be, we will be, we will be, right by your side
Until the day you die
This is no easy ride
We will haunt you when you laugh
Yes, you could say we're a team
You might sleep
You might sleep
You might sleep
But you will never dream!
Oh, you might sleep
But you will never dream!
You might sleep
But you will never dream!"

Oh Manchester, so much to answer for
Oh Manchester, so much to answer for

Oh, find me, find me!
Find me!
I'll haunt you when you laugh
Oh, I'll haunt you when you laugh
You might sleep
But you will never dream!
Oh...
Over the moors, I'm on the moor
Oh, over the moor
Oh, the child is on the moor

inviata da Bernart Bartleby - 7/1/2020 - 13:59



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org