Lingua   

Alma llanera

Pedro Elías Gutiérrez
Lingua: Spagnolo

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

27 de Noviembre
(Los Sabandeños)


Alma llanera
[1914]
Letra / Testo / Lyrics / Paroles / Sanat:
Rafael Bolívar Coronado
Música / Musica / Music / Musique / Sävel:
Pedro Elías Gutiérrez
Intérpretes / Interpreti / Performed by / Interprétée par / Laulavat :
1. Los Sabandeños
2. Simon Diaz
3. Dir. Miguel Roa
4. Mariachi Los Caballeros





Alma llanera è una canzone del genere joropo, cara a tutti i venezuelani. Ne rappresenta l’identità nazionale in relazione sia al testo che alla musica e all’esecuzione con strumenti tipici di quella terra. Il brano faceva parte di una zarzuela, un genere del XVII sec. prossimo all’operetta in cui si alternavano canti, danze e prosa.


Joropo da wikipedia

Lo joropo è un genere musicale simile al valzer ed una danza con influenze africane ed europee, praticato in Venezuela. Si tratta di un genere fondamentale che affonda le sue radici nella música criolla (musica creola) ed è anche il ritmo più popolare della musica folk: la nota canzone "Alma Llanera" è un joropo, considerata l'inno non ufficiale del Venezuela.
Nel 1882 esso divenne la danza nazionale del Venezuela. Anticamente, il termine spagnolo joropo aveva il significato di "festa" ma ora sta ad indicare un tipo di musica e danza che identifica i venezuelani. Ciò in quanto, nel XVIII secolo, i llanero iniziarono ad usare il termine “joropo” al posto di "fandango", che era il termine un tempo usato per indicare una festa da ballo.

Classificazione

Esistono tre tipi di joropo: llanero, centrale e orientale.
Lo joropo llanero viene suonato con l'arpa con corde di nylon, la bandola llanera [1], il cuatro [2] e le maracas.
Lo joropo central è suonato con l'arpa con corde di metallo, maracas e voce.
Lo joropo oriental aggiunge all'organico altri strumenti come chitarra, mandolino, bandola oriental [3] e (raramente) fisarmonica.

Esecuzione
Il cantante e l'arpa o bandola eseguono la melodia principale mentre il cuatro esegue l'accompagnamento, aggiungendo il suo caratteristico ritmo percussivo e tagliente. Il cuatro e la bandola sono strumenti a quattro corde discendenti dalla chitarra spagnola. L'unico vero strumento a percussione sono le maracas. Oltre che il genere e la danza, con il termine joropo si indica anche l'esecuzione, l'evento o l'occasione.

Danza
Lo joropo adotta ancora il giro della mano, il movimento dei piedi ed il giro del valzer. In primo luogo, i partner danzano una specie di valzer tenendosi stretti. Poi uno di fronte all'altro compiono piccoli passi in avanti e indietro come a spazzare il pavimento. Infine si tengono per le braccia mentre la donna esegue passi ampi e l'uomo bette i piedi al ritmo della musica.

***
Note di RG
La bandola è un cordofono che deriva dalla bandura medievale di origine orientale, in origine a 3 corde. Non va confusa con la bandurria spagnola del XV sec, a 12 corde.

[1] La bandola llanera è un cordofono a 4 corde con accordatura La-Re-La-Mi. Ha un manico simile alla chitarra e una forma a mandolino ma con fondo piatto. Lo strumento tradizionale ha 7 tasti, ma sono in uso strumenti anche con 21 tasti. Nel Venezuela è in diffusione crescente.
bandola


[2] Come la chitarra, il cuatro venezolano deriva dall’oud, il liuto arabo diffuso in Spagna nel XIII sec. Ha 4 corde accordate su La,Re,Fa#,Si.
Il cuatro è stato dichiarato patrimonio culturale del Venezuela
cuatro


[3] La bandola oriental è un cordofono a 8 corde con accordatura La, Re, Sol, Do.Si suona con il plettro.ha una cassa di risonanza più grande e profonda rispetto alla llanera
bandola oriental
Yo nací en esta ribera
del Arauca vibrador.
Soy hermano de la espuma,
de las garzas, de las rosas,
soy hermano de la espuma,
de las garzas, de las rosas,
y del sol, y del sol.

Me arrulló la viva diana
de la brisa en el palmar,
y por eso tengo el alma
como el alma primorosa,
y por eso tengo el alma
como el alma primorosa
del cristal, del cristal.

Amo, lloro, canto, sueño
con claveles de pasión,
con claveles de pasión,
Amo, lloro, canto, sueño [1]
para ornar las rubias crines
del potro de mi amador.

Yo nací en esta ribera
del Arauca vibrador.
Soy hermano de la espuma
de las garzas, de las rosas,
y del sol.[2]

Me arrulló la viva diana
de la brisa en el palmar,
y por eso tengo el alma
como el alma primorosa,
y por eso tengo el alma
como el alma primorosa
del cristal, del cristal.[3]

Amo, lloro, canto, sueño
con claveles de pasión,
con claveles de pasión,
Amo, lloro, canto, sueño [4]
para ornar las rubias crines
del potro de mi amador.

Yo nací en esta ribera
del Arauca vibrador.
Soy hermano de la espuma
de las garzas, de las rosas,
y del sol.
[1] Il verso è omesso in qualche interpretazione
[2] la strofa è omessa in qualche interpretazione
[3] la strofa è omessa in qualche interpretazione
[4] Il verso è omesso in qualche interpretazione

inviata da Riccardo Gullotta - 3/10/2019 - 16:48



Lingua: Italiano

Traducción italiana / Traduzione italiana / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös:
Riccardo Gullotta, basada en el texto Coro hispanoo-mericano di Milano
ANIMA DELLA PIANURA

Sono nata sulla riva
del vibrante fiume Arauca.
Sorella della schiuma,
degli aironi, delle rose,
Sorella della schiuma,
degli aironi, delle rose,
e del sole! e del sole!

Mi ha cullato la viva Venere
di brezza nel palmeto,
e per questo la mia anima
è come l’anima delicata
e per questo la mia anima
è come l’anima delicata
del cristallo! del cristallo!

Amo, piango, canto, sogno,
con i garofani della passione
con i garofani della passione
Amo, piango, canto, sogno,
per abbellire le bionde criniere
al puledro del mio amante.

Sono nata sulla riva
del vibrante fiume Arauca.
Sorella della schiuma,
degli aironi, delle rose,
e del sole!

Mi ha cullato la viva Venere
di brezza nel palmeto,
e per questo la mia anima
è come l’anima delicata
e per questo la mia anima
è come l’anima delicata
del cristallo! del cristallo!

Amo, piango, canto, sogno,
con i garofani della passione
con i garofani della passione
Amo, piango, canto, sogno,
per abbellire le bionde criniere
al puledro del mio amante.

Sono nata sulla riva
del vibrante fiume Arauca.
Sorella della schiuma,
degli aironi, delle rose,
e del sole!

inviata da Riccardo Gullotta - 3/10/2019 - 16:53



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org