Lingua   

Inuit nunaat

Sume
Lingua: Kalaallisut (Groenlandese / Greenlandic)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Down to Earth
(Peter Gabriel)
Assez... assez
(Julien Clerc)
No O.G.M. la terra è nostra!
(Luca Bassanese)


[1974]
Testo / Lyrics / Paroles / Sanat: Malik Høegh
Musica / Music / Music / Sävel: Sume
Album / Albumi: Inuit nunaat


I Sume attorno al 1974.
I Sume attorno al 1974.



A tutti coloro che dicono che il rock è (o meglio è stato: a mio parere, adesso il rock è un cadavere che puzza) universale, a condizione che sia in inglese, oggi comincio a proporre un episodio di (progressive) rock proveniente dalla Groenlandia: i Sume (si pronuncia Sumé, con l'accento finale), che in kalaallisut (ovvero in groenlandese) significa “Dove”. Una rock band groenlandese non è qualcosa che ci si aspetta, specialmente se coniuga un progressive più che decente a testi per nulla banali, e rigorosamente in lingua groenlandese. Poco meno di sessantamila abitanti quasi interamente di etnia inuit, due milioni di chilometri quadrati di ghiaccio, una storia complessa, una storia di colonizzazioni e di sfruttamento; questa è, in pillole, la Groenlandia. In questi ultimi tempi è tornata alla ribalta per il desiderio di Donald Trump, addirittura, di acquistarla dalla Danimarca (alla quale, peraltro, attualmente appartiene solo in “unione personale” con la Corona; di fatto, è formalmente indipendente). Ha, probabilmente, risorse naturali immense ancora solo in minima parte esperite in quanto sepolte sotto una coltre di ghiaccio. E' stato, mi sembra, calcolato che se il ghiaccio della Groenlandia si sciogliesse, il livello degli oceani salirebbe di parecchio, sommergendo non si sa quante porzioni delle terre emerse terrestri; praticamente indubbio che, in mano all'America di Trump, questo sarebbe un pericolo reale. Una storia di colonialismo, di sfruttamento, di spersonalizzazione, di perdita di identità: viene a mente il famoso Senso di Smilla per la neve, il thriller groenlandese scritto qualche anno fa da un quasi omonimo del frontman del nostro gruppo, Peter Høeg. [RV]
Qangarsuaq atorpavut nunat uku najukkavut
Pisuusutai atorpavut pissaane qarfigalugit
Kingulitta pissaraat siulitta attataat
Inuit nunagaat pigissavaat qaqugumut
Pigissavaat qaqugumut
Pigissavaat qaqugumut

Tikikkujaallu qallunaat eqqullugu inuusertik
Illernartunullu saattaraat sunniiniartuarlutik
Naalagaasa peqquaat nunavut aqussagaat
Pisussutaat tigussagaat qulaalluta tunissagaat qulaalluta
Tunissagaat qulaalluta
Tunissagaat qulaalluta

Siunnertitut taasavut sinnassagaasimavugut
Katilluta ataatsimut makiterniarpugut
Kingulittami pissaraat siulitta attataat
Inuit nunagaat aqussavaat ataatsimut
Pigissavaat qaqugumut
Pigissavaat qaqugumut.

inviata da Riccardo Venturi - 19/9/2019 - 13:50



Lingua: Inglese

English translation / Traduzione inglese / Traduction anglaise / Englanninkielinen käännös
THE LAND OF INUIT

We came here in ancient times to these lands where we now roam
Utilizing its riches, having power over them
It is for future generations what our ancestors upheld
It is the land of the Inuit, it will be theirs forever
It will be theirs forever
It will be theirs forever

Then came the the white people, with their way of life
They referred to the holy ones and wanted to have influence
Their masters decreed our lands should be ruled
And take possession of its riches, and sell them above our heads
And sell them above our heads
And sell them above our heads

With those we call our representatives we have been lulled to sleep
We want to arise in unison
For it is for the future generations what our ancestors upheld
It is the land of the Inuit they will rule it in unison
It will be theirs forever
It will be theirs forever.

inviata da Riccardo Venturi - 19/9/2019 - 13:52



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org