Lingua   

Mia libertà

L'Orage
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Welcome Refugees
(Alberto Visconti)
Canto d'addio
(L'Orage)
I piedi più belli del mondo
(L'Orage)


2019
“Medioevo Digitale“


Una canzone su tutti gli Stefano Cucchi e Federico Aldrovandi d’Italia. Ce n’è uno in ogni paese, in ogni villaggio, in ogni città. Sono spesso le anime più sensibili a finire schiacciate dal sistema. Un ritratto doloroso degli uomini e delle donne che sono diventati oggi gli ex "ragazzi” della Generazione X: “col cuore per girare il continente ma ti han tolto la patente” .
Pagina fficiale facebook
T'illudono e t' ingannano trent'anni
ti spremono per bene in gioventù
poi ti instillano nell'anima il sospetto
che in fondo sia corretto
se sotto ci stai tu
corretto se sotto ci stai tu
hai scelto di studiare più strumenti
convinto fosse tutto un rock'n'roll
ma il cielo a questo mondo che ti aspetti
te lo mostrano a quadretti
come ipotesi o realtà
quadretti come ipotesi o realtà

mia libertà
mia musa eletta e sola,
mia diletta mia sorella e mio tormento
mia libertà, che incanto
e chi ha aspettato, t'ha mollato,
t'ha tradito, poi non t'ha mai più incontrato

brillavi al sole come una promessa
splendente di talento e gioventù
col cuore per girare il continente
ma ti han tolto la patente
così tocca stare qua
purtroppo tocca stare qua
perduto tra gli affitti e tra gli affanni
confuso a casa solo in società
con tutto che è vent'anni che sei in ballo, che sei in ballo con il disco
e quando esce non si sa
purtroppo quando esce non si sa

mia libertà
mia musa eletta e sola,
mia diletta mia sorella e mio tormento
mia libertà, che incanto
e chi ha aspettato, t'ha mollato,
t'ha tradito, poi non t'ha mai più incontrato

schiacciato tra i gradini della chiesa
per tanti come te non c'è pietà
cominci a somigliare a quello appeso
così fragile e indifeso
forse il prossimo sei tu
forse il prossimo sei tu
ricorda che la luce che hai di dentro illumina di più dei lampeggianti
ascolta la mia voce che sussurra nel tuo orecchio
stai tranquillo lo sbagliato non sei tu
tranquillo, lo sbagliato non sei tu

mia libertà
che davvero all'inizio non pensavo tu potessi costar tanto
mia libertà, che incanto
e chi ha aspettato, t'ha mollato,
t'ha tradito, poi non t'ha mai più incontrato

inviata da Alessandro - 5/6/2019 - 14:25



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org