Lingua   

Li culura da bannera

Alfredo Corsaro
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Sentieri di versi (pt. 3): Il boom
(U.N.O. (Unidentified Noisy Object))
Eppure da un poco di tempo
(Dario Fo)
Terra bruciata
(Nuova Compagnia di Canto Popolare)


Purtedda


Scritta in occasione della ricorrenza del 1° Maggio 2018.
In particolare per ricordare la strage di Portella delle ginestre del 1947.
Primu maggiu a Purtedda
Si pripara ‘na gran festa
E si chianta la bannera
Ppi jsari tutti a testa

Sunnu poviri braccianti,
Dispirati cuntadini
Hannu caddi ‘nta li manu
Ma ppi cori oru finu

Ppi la festa do travagghiu
A luttari e fari schigghi
Si truvarunu ‘ncampagna
Cch’i cumpagni e li famigghi

Ma ‘u putiri non ammetti
Ppu travagghiu la prutesta
Ne’ disordini suciali
Contru a classi patrunali

Cumpluttanu a l’ammucciuni
I pulitici e i patruni
Pp’affidari a vint’armali
La risposta criminali

Li banditi ccu li mitra
Di dda supra da muntagna
Scarricavunu cartucci
A li genti ‘nta campagna

Ammazzavunu li patri
D‘nnuccenti picciriddi
Trapassavunu li matri
C’abbrazzavunu li figghi

Mentr’u populu sbandava
Tanta genti dda cascava
E ‘na matri si stringeva
A lu so figghiu ca mureva

C’era puru ‘npicciutteddu
C’azziccannu ‘nterra ‘i ita
Strascinannusi chianciva
Ppi circari la so zita

Ppi la liggi fu Giulianu
Lu banditu “galantomu”
Ma darreri a li so mani
Ci su’ nobili assassini

La bannera svintulava
Tutta quanta spirtusata
E purtava li culura
Di dda stragi scialarata

D’erba virdi e sangu russu
E’ tingiuta la campagna
Mentri a morti si prisenta
Ccu la facci tutta janca.

inviata da Alfredo Corsaro - 5/5/2018 - 00:22



Lingua: Italiano

Traduzione in italiano di Alfredo Corsaro
I COLORI DELLA BANDIERA

Primo maggio a Portella
Si prepara una gran festa
E si pianta la bandiera
Per alzare tutti la testa

Sono poveri braccianti
Disperati contadini
Hanno calli nelle mani
Ma per cuore oro fino

Per la festa del lavoro
A lottare e gridare
Si trovarono in campagna
Coi compagni e le famiglie

Ma il potere criminale non ammette
Per il lavoro la protesta
Né disordini sociali
Contro la classe padronale

Complottarono di nascosto
I politici e i padroni
Per affidare a venti animali
La risposta criminale

I banditi coi mitra
Da sopra della montagna
Scaricavano cartucce
Alla genti nella campagna

Ammazzavano i padri
D'innocenti bambini
Trapassavano le madri
Che abbracciavano i figli

Mentre il popolo sbandava
Tanta gente lì cadeva
E una madre stringeva
Suo figlio che moriva

C'era pure un giovanotto
Che conficcando le dita nella terra
Strascinandosi piangeva
Per cercare la sua fidanzata

Per la giustizia fu Giuliano
Il bandito "galantuomo"
Ma dietro le sue mani
Ci sono nobili assassini

La bandiera sventolava
Tutta quanta bucata
E portava i colori
Ei quella strage scellerata

Di erba verde e sangue rosso
E' dipinta la bandiera
Mentre la morte si presenta
Con la faccia tutta bianca.

inviata da Alfredo Corsaro - 5/5/2018 - 08:35



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org