Lingua   

Triste maestro

Walter Cuevas
Lingua: Spagnolo


Ti può interessare anche...

The Strike
(anonimo)
Queriendo atrapar el viento (A Carlos Fuentealba)
(Carlos María Seta)
Quindici Dodici
(Alessandro Casappa)


[2012]
Parole e musica di Walter Cuevas, cantautore originario del Neuquén argentino.



Dopo Queriendo atrapar el viento (A Carlos Fuentealba) e Mataron a un maestro (Chacarera a Carlos Fuentealba), ancora una canzone in morte (in vita!) di Carlos Fuentealba (1966-2007), insegnante, sindacalista e militante socialista, assassinato a sangue freddo da un poliziotto, tal José Darío Poblete, durante una manifestazione nell'ambito di uno sciopero dei docenti nel dipartimento andino di Neuquén. I manifestanti avevano attuato un blocco stradale ma erano stati indotti a rimuoverlo dalle soverchianti forze di polizia intervenute nella repressione. Mentre gli scioperanti si ritiravano, chi a piedi chi in auto, alcune camionette della polizia, senza nessuna ragione, bloccarono il corteo. Carlos Fuentealba si trovava sul sedile posteriore di un'auto quando José Darío Poblete, agente dei gruppi antisommossa, appoggiò il fucile al vetro della macchina ed esplose il candelotto lacrimogeno che aveva innestato nella direzione di Carlos Fuentealba. L'impatto causò lo sfondamento del cranio della vittima, che morì in ospedale il giorno seguente.



José Darío Poblete è stato condannato all'ergastolo ma purtroppo, essendo un appartenente alla casta fascista della polizia, i suoi amici carcerieri gli hanno garantito un trattamento di favore e più volte, decine di volte, è già stato sorpreso in libertà senza aver ottenuto nessun permesso dall'autorità giudiziaria.

José Darío Poblete, ergastolano, a passeggio per Neuquén.
José Darío Poblete, ergastolano, a passeggio per Neuquén.
Triste maestro
esta lucha no es de hoy
Sigue insistiendo
con tu cuerpo y tu dolor
Afuera el viento te acompaña
y quiere repartir tu voz

Cuida de tu compañero
no te lo quite el represor
Con tu armamento de palabras
descubre al necio y al traidor
Afuera el aire es tan extraño
el verdugo es quien siente hoy el temor

Tristeza y pueblo
niñez creciendo en confusión
y mienten esos que te matan
al niño, al pobre y al peón
Afuera muchos nos sumamos
creciendo junto a tu labor

Triste maestro
que sigues siempre mas allá
La lucha, es cierto, no se acaba
hasta que triunfe la verdad
Afuera reina la injusticia
hay quienes te querrán negar.

inviata da Bernart Bartleby - 22/10/2017 - 17:06



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org